BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“In Turchia si arrestano anche gli avvocati Chi garantisce i diritti?”

L'avvocato Franco Uggetti, presidente dell'Associazione Provinciale Forense di Bergamo, sindacato degli avvocati, ha scritto all'Ambasciatore turco in Italia per chiedere di attivarsi per l'immediata liberazione di tutti gli avvocati ingiustamente arrestati in Tribunale solo perché stavano difendendo i manifestanti fermati.

Più informazioni su

L’avvocato Franco Uggetti, presidente dell’Associazione Provinciale Forense di Bergamo, sindacato degli avvocati, ha scritto all’Ambasciatore turco in Italia per chiedere di attivarsi per l’immediata liberazione di tutti gli avvocati ingiustamente arrestati in Tribunale solo perché stavano difendendo i manifestanti fermati.

Ecco la lettera.

 

Ill. mo Signor Ambasciatore, sono l’avvocato Franco Uggetti, presidente della Associazione Provinciale Forense di Bergamo, sindacato degli avvocati. In questi giorni è stata diffusa sui mezzi di stampa e tramite la rete la notizia dell’arresto di decine di avvocati all’interno del Tribunale, colpevoli soltanto di aver esercitato il loro dovere di difesa. Questa notizia ha profondamente colpito tutti gli avvocati italiani, anche alla luce dei rapporti di amicizia e di vicinanza dei nostri popoli, rapporti che affondano nella storia e sono nati sulle sponde di quel Mar Mediterraneo che è stata la culla della democrazia e del diritto ed ora convivono nel comune desiderio di un’Europa libera, democratica ed unita.

Come è stato correttamente osservato, in un paese in cui si arrestano gli avvocati in tribunale, chi può avere la sicurezza della sua vita e suoi beni? Di chi sono garantiti i diritti e le libertà? Gli avvocati bergamaschi intendono pertanto manifestare tutta la loro piena e convinta solidarietà e vicinanza ai colleghi turchi e La preghiamo di voler far pervenire al Governo turco l’invito a volersi attivare per arrivare all’immediata liberazione di tutti gli avvocati ingiustamente detenuti ed voler ripristinare il sacro ed inviolabile diritto di difesa.

In un rinnovato spirito di amicizia, mi è gradita l’occasione per porgerLe.

Avv. Franco Uggetti

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luigi

    La figura dell’avvocato è la più sbagliata nelle cause umane: a volte, grazie alla prosopopea, hanno fatto vincere cause a chi aveva torto o ridurre pene a delinquenti matricolati… Non sono adatti a tutelare l’etica…

  2. Scritto da lupo

    Secondo me un gruppo di avvocati bergamaschi direttamente sul posto per far valere di persona i diritti potrebbe giovare molto di più alla causa. Si raccolgono i nominativi di chi intende mettersi a disposizione. Penso che l’Avv. Uggetti sarà il primo della lunga fila.

  3. Scritto da Roberto Trussardi

    Bravo Franco, lodevole iniziativa. Aggiungerei tra i destinatari della lettera la Bonino, che non ha aperto bocca riguardo alla violenta repressione turca. Sono intervenuti la Merkel (con toni duri) e Obama (!) ma la Bonino è squallidamente muta.