BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il M5S vota l’espulsione della Gambaro, ora decide la Rete

L'assemblea congiunta dei deputati e senatori M5S ha votato "a larga maggioranza" di demandare alla Rete il voto sull'espulsione della senatrice Adele Gambaro.

Più informazioni su

L’assemblea congiunta dei deputati e senatori M5S ha votato "a larga maggioranza" di demandare alla Rete il voto sull’espulsione della senatrice Adele Gambaro. Secondo il capogruppo al Senato del Movimento, Nicola Morra, "è verosimile che siano circa 20 i senatori che hanno votato contro" il deferimento dell’espulsione di Adele Gambaro alla Rete. "Per noi non è un problema – ha continuato -. Chi vuole può andare via". Ma il fronte dei contrari è più grande delle 20 unità: sono stati infatti 79 i voti espressi in assemblea M5S per deferire alla Rete il giudizio sull’espulsione della senatrice. In 42 hanno detto no, mentre sono 9 gli astenuti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da L76BG

    ed intanto i 103 franchi tiratori se la ridono… nessuno li cerca, nessuno dice nulla, alla fine alla casta va bene così, privilegi mantenuti e il solito popolo bue dà contro agli unici che non ci hanno portato qui (allo sfascio) ci penserà l’economia reale a riportarvi sulla terra.. certo per i collusi ci vorrà un po’ di più ma i nodi poi vengono sempre al pettine..

    1. Scritto da Mmhh

      Cheffacciamo , parliamo d’altro ?

  2. Scritto da 035

    Premesso che Grillo ha modi e parole troppo violenti per i miei gusti, mi chiedo cosa sarebbe successo se un senatore pdl o pd avessero detto, con la stessa franchezza, che la sconfitta alle politiche era colpa dei relativi leader (ad es. un Sacconi o uno Zanda), che sarebbe successo? sarebbero ancora lì?

    1. Scritto da PossoRidere?

      Fermati al Pdl , dire che nel pd non si può dire la propria fa soltanto ridere . Al limite lo fanno pure troppo. Per caso ti risulta che Bersani sia ancora lì ? Il Pd è l’unico partito che non è di un padrone (marchio compreso).

      1. Scritto da poeret

        e si..la coppia Finocchiaro-D’Alema sono sempre al servizio dei cittadini.
        Il M5S non ha un padrone ma REGOLE se non si rispettano giusto gli eletti/iscritti (e non il padrone come i giornal ifanno passare) decidano se espellerli oppure no, altrimenti ognuno fa quel che vuole (vedi franchi tiratori) e poi chi paga sono sempre e solo i cittadini..

  3. Scritto da Aldo

    mi sembra chiaro che sia la libera opinione pubblica che da addosso ai 5 stelle, anche se Grillo parla invece della stampa, di giornalisti pagati e di poteri forti. No, e’ la gente comune e lo fa, con piacere, gratis.

  4. Scritto da aldo

    veramente sono gli Italiani che vi stanno espellendo piano piano, a partire dalle amministrazioni pubbliche e finendo col parlamento. Come mai Beppe Grullo non parla piu’ di elezioni anticipate come fece all’ indomani del voto di maggio ?

    1. Scritto da votodimaggio?

      Perché parlarne? Sono nelle cose, all’ordine del giorno. E lì vedremo chi ha ragione. Una cosa è certa, la maggioranza degli Italiani non è con voi, la maggioranza non è andata a votare perché vi schifa e con ragione.

  5. Scritto da sepp

    ricordano da vicino gli anni del terrore in seguito alla rivoluzione francese. i giudici non condannavano direttamente; si limitavano a “chiedere” al popolo che prontamente urlava “a morte! a morte!”. così ora i puri più puri (talebani) che mandano alla gogna mediatica i non purissimi in nome della loro integerrima purezza. che tristezza…

  6. Scritto da poeret

    ci sono regole e vanno rispettate.. NON DOVREBBE ESSER COSI DIFFICILE DA CAPIRE, certo si dovrebbe esser abituati a rispettarle, non solo quando conviene..(vero Berluska che ora vuole sforare tutti i patti, tanto poi le multe le pagano i soliti) poi ci chiediamo perché l’Italia è finita così in basso :-( nel frattempo l’urgenza del governo è diventata la cittadinanza degli atleti..

    1. Scritto da Ke Disaster

      Quale sarebbe la regola , “lesa maestà” ? “Apertura di bocca non autorizzata ” ? “Alzata di sopracciglio sediziosa” ? Poeret , che brutta fine state facendo ! E non avete ancora fatto niente , le due anime di destra e sinistra non hanno avuto ancora modo di scontrarsi , come accadrà inevitabilmente , anzi , probabilmente neppure ci arrivate , salta tutto prima , a base di scontrini e regole assurde (chiamiamole così per bontà….. ), mancanza di organizzazione e competenza.

      1. Scritto da poeret

        sono poche, basta leggerle.. non cado nella sterile polemica.. approposito, meglio finire piuttosto che sopravvivere sulla pelle della gente (vedi governo attuale e degli ultimi 20 anni)

  7. Scritto da magister

    Certo che anche chi li ha votati devono essere persone facilmente plagiabili o solo gente convinta di avere delle idee.

  8. Scritto da Marco

    Mai contraddire Grillo. Nel M5S questo è reato di lesa maestà!

  9. Scritto da andrea

    Mi piacerebbe sapere se ninocortesi è a favore o contrario

    1. Scritto da gigi

      la Rete ??? e se c’e’ un hacker che stravolge i risultati ? e se un parlamentare in rete vota il contrario ? e se un simpatizzante del movimento non ha il computer ? e se ci fossero anche i pianisti della rete ? R I D I C O L I !

      1. Scritto da mah!

        Mai sentito parlare di brogli elettorali, di voto di scambio, di voti comprati, di voti in cambio di favori? che sciocchezze vai dicendo?

    2. Scritto da gigi

      a me no