BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Borgo Santa Caterina L’ordinanza: “Stop agli alcolici in bottiglia”

Banditi gli alcolici in bottiglia in Borgo Santa Caterina. L'ordinanza messa a punto dall'assessorato alla Sicurezza è quasi pronta. Dal giorno in cui verrà ufficializzata i locali di una delle zone più calde della movida bergamasca non potranno più vendere alcolici in bottiglia fino alla scadenza dell'ordinanza, presumibilmente con la fine dell'estate.

Banditi gli alcolici in bottiglia in Borgo Santa Caterina. L’ordinanza messa a punto dall’assessorato alla Sicurezza è quasi pronta. Dal giorno in cui verrà ufficializzata i locali di una delle zone più calde della movida bergamasca non potranno più vendere alcolici in bottiglia fino alla scadenza dell’ordinanza, presumibilmente con la fine dell’estate. Saranno ammessi solo bicchieri di plastica o altri contenitori. Lo scopo del provvedimento è chiaro: impedire che la strada venga disseminata di vetro come accaduto in passato. Con l’arrivo dell’estate infatti quasi ogni sera il borgo si trasforma in una “rambla”. Centinaia di giovani riempiono i locali, soprattutto nel week end, spesso anche negli altri giorni della settimana. Gli anni scorsi non sono mancati problemi, segnalati più volte dai residenti: schiamazzi, risse, disturbo della quiete.

Gli abitanti della zona si riuniranno martedì sera all’oratorio di via Celestini: all’ordine del giorno la tutela della pazienza di chi abita la zona. Nelle prime serate di caldo estivo infatti non sono mancati disagi e i residenti intendono prendere una posizione condivisa prima di rivolgersi all’amministrazione e in seguito alle forze dell’ordine. “L’ordinanza è una delle misure che verrà presa per cercare di venire incontro alle esigenze dei residenti – spiega l’assessore alla Sicurezza Massimo Bandera -. La speranza è che con l’apertura degli spazi estivi, in Città alta, al parco della Trucca e soprattutto in piazzale Goisis, molti ragazzi decidano di usufruire di queste nuove importanti opportunità di divertimento. La situazione è sotto controllo, anche grazie ad un presidio costante del territorio, che continueremo ad attuare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Nicola

    Complimenti una bella proposta per migliorare il divertimento dei nostri giovani

    1. Scritto da gigi

      il divertimento è bere ? disturbare ? lasciare in giro bottiglie e vetri ? se è questo è il divertimento siete messi male, molto male. Avanti con i divieti e tolleranza zero

  2. Scritto da L76BG

    se ci fosse educazione e presidio non servirebbero certi divieti assurdi..il problema è che in Italia si continua a fare “leggi” ma poi non le si fanno mai rispettare.. restano solo propositi sulla carta tranne per il primo sfortunato che sarà preso da esempio.. discorso che vale in ogni contesto di questo triste paese..e ancor più tristissima città. Ditemi 1 posto dove si possa stare senza che nessuno si lamenti dopo le 23.00?

  3. Scritto da Andrea

    Poverini… Non riuscite a bere in un bicchiere di plastica???? Abito vicino ad un bar di moda… Tutti belli abbronzati che mi ricordano un po’ corona… Non avete idea la gioia la mattina di trovarmi in giardino boccali di birra e bottigliette varie… Troppa fatica riportarle al bar…almeno i bicchieri di plastica se si rompono non fanno danno! e smettetela di lamentarvi e imparate a comportarvi civilmente che poi da bere ve lo offro io

  4. Scritto da makio

    assurdo….povera Bergamo

  5. Scritto da rota bruno

    ai giovani non diamo lavoro, ai giovani non diamo la casa, ai giovani non diamo la pensione, ora non gli facciamo bere pure dai bicchieri di vetro!!! ho 62 anni ma stò con i giovani !!!!!!!!
    ragazzi cambiatelo voi il mondo!

    1. Scritto da gigi

      troppo comodo spacciarsi per paladino dei giovani. abita in santa caterina poi mi dirai. poi affermi che non DIAMO lavoro e casa, fermo restando che il momento è difficile, a me non hanno dato il lavoro ne la casa, l’ho cercato ( cambiato 4 volte ) e la casa l’ho COMPRATA mutuo ecc ecc.

  6. Scritto da rota bruno

    l’Italia non è un paese per giovani !!!!!!!!!! che tristezza!!!!!!!

  7. Scritto da axl

    ma che bravi i nostri politici impegnati a risolvere problemi importantissimi!

    1. Scritto da gigi

      ecco uno che vede che i problemi importantissimi sono altri, passa con rosso e se ti fermano digli che ci sono altri problemi + importanti PS fammi l’elenco delle 10 cose più importanti secondo te ( se ta ghe riet ! )

  8. Scritto da claudio

    Città di vecchi.. Mentalità di vecchi..Politicanti senza idee… mix degno del medioevo. Risultato ? andranno in provincia..e i locali a Bg. chiuderanno ( già la fila è lunga)…Città dormitorio di vecchi.. Che bel futuro..auguri !

  9. Scritto da barnaba

    non e’ un problema … le si porta da casa. Spesa al supermercato con risparmio dell’50% rispetto al pub … un paio di ore nel freezer e rimangono fresche tutta sera !

  10. Scritto da magister

    Solo divieti in nome di un perbenismo soffocante.

    1. Scritto da pm

      Magari i divieti nascono perché qualcuno, da piccolo, non ha ricevuto dalla mamma quel minimo di educazione necessario per una sana convivenza.

  11. Scritto da Franco.frigeni

    All’estero ci sono zone dedicate all’intrattenimento. Non credo sia difficile individuare un luogo in città uso allo scopo. È’ la volontà politica che manca?

  12. Scritto da Vittorio

    Divieto che penalizza i produttori di bevande in bottiglia di vetro.Bastava mettere nei punti nevralgici della zona campane per la raccolta del vetro.

  13. Scritto da Narno Pinotti

    Passano i minuti, ma all’orizzonte non si scorge nessuno dei libertari censori che pochi giorni fa avevano caricato a testa bassa contro un’ordinanza del tutto simile del sindaco di Milano, fatta per scopi identici, sul consumo di gelato. Sarà la famosa indipendenza di pensiero, per la quale prima si guarda al colore politico dell’ordinante, e in base a esso si reagisce?

    1. Scritto da andrea

      mi perdoni ma penso di non aver capito; lei paragona il divieto di mangiare del gelato con il divieto di consumare alcolici in bottiglie di vetro????

      1. Scritto da Narno Pinotti

        L’ordinanza di Milano vieta di consumare cibi da asporto, fra cui ilgelato, fuori dai locali che non hanno tavoli esterni, dopo le 24. Che c’entra il divieto di mangiare gelato?

        1. Scritto da andrea

          ok lei quindi paragona del cibo con delle bottiglie di vetro…

  14. Scritto da gigi

    benissimo l’importante è farla rispettare

  15. Scritto da sebabg

    Non si sentono mai idee nuove…sarà possibile?!

    http://sebastianoserughetti.blogspot.it/2013/03/il-divertimento-una-citta-da-ripensare.html