BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Movida, stato di ebbrezza da prevenire con controlli continui”

Pubblichiamo la lettera di un lettore che chiede chiede alla Polizia locale maggiori controlli per prevenire lo stato di ebbrezza di molti frequentatori della movida notturna in Borgo Santa Caterina.

Più informazioni su

Pubblichiamo la lettera di un lettore che chiede chiede alla Polizia locale maggiori controlli per prevenire lo stato di ebbrezza di molti frequentatori della movida notturna in Borgo Santa Caterina.

Buongiorno,

prima della riunione indetta per domani sera c/o l’oratorio di via Celestini e soprattutto da residente in via Borgo Santa Caterina, vorrei esprimere anche il mio parere in merito alla questione movida e schiamazzi notturni. Credo sia giusto premettere, e lo dico con tutto il rispetto, che non sono il classico pensionato che abita il borgo da decenni e che vive la violazione della sua tranquillità notturna come un illecito; ho 47 anni, abito il borgo da qualche anno e come tale vivo e partecipo quella poca movida bergamasca tranquillamente ed educatamente con amici coetanei e non. Leggo i vari articoli dedicati alla questione dai quotidiani locali e ritengo eccessivo l’invio, proposto dall’assessore alla sicurezza Massimo Bandera, di 20 poliziotti per affrontare il problema. Oltre alla maleducazione di veramente pochi frequentatori credo che la questione stia solamente nella totale mancanza dei controlli da chi è preposto allo scopo.

Mi spiego meglio: alcuni bar, vista la crisi del periodo, promuovono le serate con drink a basso costo ma ad alto contenuto alcolico. Favorendo gli affari questa iniziativa provoca un innalzamento dello stato di ebbrezza di alcuni ragazzi che in totale stato disinibito causano schiamazzi fino a tarda notte e dimostrano la loro maleducazione lasciando bicchieri e lattine lungo le strade adiacenti (via dei Celestini la mattina è un immondezaio ed un orinatoio).

Ma dov’è la Polizia Locale? La guida in stato di ebbrezza è un reato grave per cui non comprendo quando leggo su un sito locale: “Da tempo stiamo monitorando la zona e controllando gli esercizi commerciali – afferma il comandante della polizia locale di Bergamo, Virgilio Appiani – non abbiamo riscontrato particolari eccessi e con i titolari dei locali abbiamo aperto un tavolo di confronto”. Il suddetto e presunto monitoraggio dovrebbe innanzitutto prevenirla (la guida in stato di ebbrezza) piuttosto che punirla.

E che dire di tutte quelle macchine poste in divieto di sosta ovunque, spesso limitando il passaggio lungo le varie strade? Anche questo può essere contrastato. O rientra nei casi di “chiusura di entrambi gli occhi” come già avviene nelle domeniche di partita (la ztl istituita è una farsa che sfavorisce solo i residenti), durante le feste dell’oratorio (in questi giorni è iniziato il C.R.E. e la musica schiamazza per tutta l’area sin dalla mattina) o nel periodo scolastico (i genitori che portano e ritirano la prole dall’asilo rendono la transitabilità della via dei Celestini impossibile in certi orari). Ho citato questi altri esempi per dimostrare che la questione non è solo un problema notturno e quanto certi eccessi tipicamente italiani tendono a vedere solo una parte della questione (l’ipocrisia ben descritta da Matteo della pagliuzza e della trave). Ribadisco che gli strumenti per risolvere la questione esistono e devono solo essere applicati da chi è preposto, come la polizia locale, senza alcun atteggiamento “ambiguo” come quelli citati sopra.

A.R.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da anonima

    il problema, secondo me (che per inciso non posseggo la verità), è che a bergamo si è invertito il binomio alcolismo/socialità. Non si sta insieme per bere una birra, ma si beve illudendosi di costruire comunità

  2. Scritto da Cry

    L’osservazione di A.R. è giusta e va interpretata in maniera corretta. Ciò che non condivido è il richiamo ai vigili. A mio avviso è il Comune che deve intervenire a tutela sia dei cittadini residenti che dei cittadini gestori di locali (non dimentichiamoci che pagano una licenza e hanno il diritto di lavorare in santissima pace). La gente urina in giro: che il comune, invece di far chiudere un locale, metta dei bagni chimici!

  3. Scritto da Giovanna Rossi

    giusta osservazione A.R. Il sabato mattina la via A.Da Rosciate è inavvicinabile per il puzzo di urina e di qualsiasi altro il corpo umano è in grado di produrre ed espellere da ogni orifizio! trovo vergognoso che i negozianti debbano gettare secchiate di acqua ed aceto perchè i nottambuli del venerdì non hanno il minimo ritegno e fanno i loro porci comodi anche sugli ingressi dei negozi…. se ci fosse maggiore controllo soprattutto dopo l’una di notte… forse….

  4. Scritto da AR

    Dai commenti vedo che alcuni leggono nella mia lettera solo quello che gli è comodo travisando il vero senso di quanto ho scritto: io non contrasto nessuno degli eventi che animano il borgo (movida notturna, C.R.E. o altro). Son ben felice che ci sia vitalità. Dico solo che visto che esistono delle norme di comportamento rispettoso dovrebbero essere fatte rispettare da chi preposto a tutti quelli che maleducatamente se ne fregano. E questo in qualsiasi orario, di notte o durante il giorno.

  5. Scritto da Bergamocapitaledecose?

    Abito dalla parte opposta della città…ma non si preoccupi il nostro caro A.R. ….vengo a piedi e bevo come non ci fosse un domani!!

  6. Scritto da Ori

    Mi sembra che ci siano sempre un sacco di problemi !!!!!! Viviamo questa nostra città senza tanti problemi é estate e tutti noi abbiamo bisogno di movida !!!!!!! Naturalmente con educazione ….

  7. Scritto da viola

    Sono d’accordo con te sugli schiamazzi notturni degli alcolisti e sulla ZTL monca dello stadio… Ma cosa c’entrano i bambini del CRE, che oggi – giusto per farti un piacere – erano a Stezzano in piscina? Ieri era l’inizio della loro estate… Giocando, ridendo, scherzando, pregando, imparano a vivere tutti insieme.. Esperienze che mai dimenticheranno. Hai la mia età.. forse, però, non hai figli da crescere in maniera “sana”..

  8. Scritto da andrea

    devo ammettere che passare per il borgo il venerdì sera verso mezzanotte è un pò una corsa a ostacoli…

  9. Scritto da gigi

    ieri sera (lunedì) sono passato sul viale delel Mura vicino agli spalti di Sant’Agostino e c’erano decine e decine di macchine parcheggiate sulla carreggiata, sul marciapiedi, nel prato….
    Mi chiedo cosa succeda nei fine settimana…
    Ovviamente di Polizia Locale neppure l’ombra. Provate invece a parcheggiare vicino all’Ospedale Nuovo e vedrete quanti solerti vigili….

  10. Scritto da maurizio

    Fantastico!!! 20 poliziotti non servono e invece in una via con centinaia di persone molte delle quali ubriache mandiamo due -quattro vigili perchè con tutto quello che succede in città la sera non ce ne sono di più e risolviamo il problema.
    Tanto chi se frega, ci hanno tolto tutte le indennità non abbiamo nessuna tutela e se anche ci lasciamo le penne come purtoppo è già successo, vorra dire che ci daranno una medaglia.Complimenti