BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Prestiti, per Bankitalia ripartite le erogazioni per le imprese lombarde

Secondo l’ultimo rapporto di Bankitalia, relativo al contesto produttivo lombardo, le imprese della regione hanno registrato una maggior facilità nell’ottenimento di prestiti e finanziamenti.

Più informazioni su

Di Valentina Forza

Finalmente, dopo un lungo periodo in cui il settore creditizio per il mondo del lavoro in Lombardia è rimasto praticamente fermo, gli imprenditori possono tirare un sospiro di sollievo.

Secondo l’ultimo rapporto di Bankitalia, relativo al contesto produttivo lombardo, le imprese della regione hanno registrato una maggior facilità nell’ottenimento di prestiti e finanziamenti.

La notizia porta con sé una ventata d’aria fresca nel panorama economico e finanziario delle aziende. Queste, infatti, nel 2012 – rivolgendosi direttamente alle banche o richiedendo un prestito onlinesi erano viste accettare il 3,7% in meno delle richieste rispetto all’anno precedente.

Bankitalia, con il suo rapporto, ha fornito un quadro su tutto l’andamento del mercato creditizio del 2012 in confronto a quello di oggi, evidenziando che nell’anno passato anche la quantità di sofferenze nella restituzione delle erogazioni era in forte calo (12,3%).

Sono in linea con la crisi economica che ha colpito tutto il Paese, anche i dati sulle finalità dei prestiti richiesti dalle aziende lombarde. È diminuita la domanda di finanziamenti per investimenti su macchinari e dinamiche produttive, mentre si è registrato un aumento delle richieste per consolidamento o per necessità di liquidità.

La stabilizzazione definitiva dell’accesso al credito bancario, però, non sembra ancora così vicina come si potrebbe sperare. La diminuzione delle richieste rifiutate dagli istituti di credito rimane solo un lieve sintomo di ripresa e la stessa Bankitalia ha dichiarato che “gli indicatori prospettici della qualità dei prestiti bancari prefigurano un peggioramento del profilo di rischio delle imprese”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.