BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Folie si presenta “Giocherò per la Foppa, realizzerò un sogno”

La nuova centrale altotesina si presenta ai suoi nuovi tifosi più che carica che mai: "Quando i dirigenti bergamaschi mi hanno chiamato non ci ho pensato due volte. Indosserò la maglia che sognavo sin da bambina".

Più informazioni su

Il primo volto nuovo è quello di una ventiduenne altoatesina pronta ad alzare il muro. Raphaela Folie sarà una delle nuove centrali che vestiranno la maglia della Foppapedretti nella prossima stagione. Nata a Bolzano il 7 marzo 1991, alta 186 centimetri, nello scorso campionato ha vestito la maglia di Villa Cortese. E si presenta così.

Come ha iniziato a giocare a pallavolo e quali sono state le sue prime squadre? 

"Ho iniziato già in terza elementare perché per prima cosa mi piaceva lo sport in generale e poi c’erano le mie due cugine che allenavano il minivolley. I primi 7-8 anni giocavo giusto per fare qualcosa, poi però mi sono trovata a giocare in prima squadra, che allora era la serie C di Caldaro (paese vicino a Bolzano dove ho fatto anche tutte le giovanili), l’anno dopo in B2 a San Giacomo (BZ), poi la B2 all’Ata Trento, la B1 con il Trentino Volley Rosa e dopo due anni ero in A1 all’Asystel Novara. Fino all’anno scorso a Villa Cortese".

Quando ha capito che avrebbe potuto fare della pallavolo la sua vita? 

"Dal primo anno in serie C è nata la mia passione incondizionata per la pallavolo. Da lì ho detto: voglio fare questo nella mia vita. E da allora è andato tutto molto veloce: dopo un anno in B2 è arrivata la convocazione in Nazionale Juniores e dopo tre anni ho realizzato il mio sogno di giocare in serie A".

E’ giovane ma ha già percorso molte tappe nella sua carriera. Quali sono state le più importanti? Dove pensa di aver imparato gli aspetti più importanti del suo lavoro?

"Credo di aver fatto finora le scelte migliori per la mia crescita pallavolistica e umana. Ho fatto due anni a Trento in B2-B1, anche se avevo alcune offerta da squadre di A2, perché avevo bisogno di giocare e questo mi ha fatto crescere molto. Sopratutto l’estate in Nazionale Juniores con Mencarelli mi ha fatto migliorare tanto tecnicamente. Sono arrivata a Novara dove dovevo fare la centrale di riserva, ma alla fine sono riuscita a giocare quasi per metà stagione: i tre anni con Caprara mi hanno consentito di fare una crescita graduale con lui fino a guadagnarmi un posto da titolare in serie A. Perciò tutti gli ultimi cinque anni, sia in B che in A, mi hanno dato tanto".

Come si descriverebbe, come persona e poi come giocatrice?

"Sono una persona molto decisa, ambiziosa e autocritica nelle cose che faccio o voglio ottenere. Sia in palestra che nella vita di tutti i giorni. Al di fuori sono una ragazza di compagnia, estroversa e serena".

Qual è il suo rapporto con la maglia azzurra? Trascorrerà un’estate di lavoro?

"La maglia azzurra è il massimo che un sportivo possa sognare. Quest’anno ci aspetta un’estate molto lunga con tante competizioni, dai Giochi del Mediterraneo al Gran Prix fino ad arrivare all’Europeo. A ottobre ci sarà anche il Mondiale under 23 in Messico. Per ora mi trovo benissimo col gruppo e il nuovo staff. Si lavora bene e tanto, spero di migliorare ancora molto e di partecipare a più manifestazioni possibili ottenendo dei bei risultati e tante soddisfazioni".

Cosa sa di Bergamo? Prima di accettare la proposta della Foppapedretti a chi ha chiesto consigli?

"Per me Bergamo è la società storica della pallavolo in Italia. Da bambina sognavo solo quella maglia e ora che mi è stata data la possibilità di indossarla si realizza un sogno. Quando mi è arrivata la proposta, con chiunque mi confidassi mi veniva consigliato di accettare assolutamente e così poi è stato".

Quali obiettivi si pone per la prossima stagione?

"Spero di trovare un bel gruppo con tanto entusiasmo e voglia di lavorare e puntare in più alto possibile. Conosco bene Lavarini visto che ho lavorato con lui già in Nazionale Juniores e credo che sia uno dei miglior allenatori per far crescere giocatrici giovani che hanno voglia di fare e dare. Io darò il massimo impegno e disponibilità per questa squadra e sono sicura che ci toglieremo un sacco di soddisfazioni".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.