BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Don, ho fratello morto da riportare in Senegal” Truffatore in manette

Con la scusa di un fratello defunto da riportare al suo Paese, cercava di estorcere grosse somme di denaro a diverse parrocchie della provincia. Martedì mattina a Cividate è stato arrestato un senegalese di 32 anni residente al Pradalunga

La storiella, falsa, era sempre la stessa: un fratello defunto da riportare al suo Paese. Con questa scusa un senegalese di 32 anni residente al Pradalunga ma domiciliato a Bergamo cercava di estorcere grosse somme di denaro alle parrocchie della nostra provincia. Martedì mattina è stato arrestato a Cividate al Piano, dopo che aveva tentato l’ennesimo colpo del suo piano.

Da qualche giorno girava per le parrocchie della nostra provincia, chiedendo ogni volta un’offerta di 500 euro. Soldi che sarebbero serviti per pagare le spese di trasferimento in Senegal del cadavere del proprio fratello defunto all’ospedale Niguarda di Milano. Una storia inventata che il 32enne andava raccontando dall’8 giugno, quando si era presentato al parroco di Zanica, per la prima volta, riuscendo ad ottenere 500 euro. Dopo altri tentativi di estorsione simili, nel frattempo la voce si era sparsa tanto da arrivare fino ai vertici della Curia che, insospettiti, avevano diffuso una mail per mettere in guardia i sacerdoti bergamaschi.

Un messaggio arrivato anche al vice-parroco di Cividate al Piano, dove martedì mattina il senegalese si è recato per tentare l’ennesimo colpo. Intorno alle 10 è entrato in sagrestia, ma la perpetua lo ha invitato a passare più tardi perché in quel momento il parroco era assente. Quando la signora si è assentata per un momento, prima di andarsene, l’extracomunitario si è impossessato di una busta con le offerte contenente 90 euro.

Non contento si è ripresentato due ore dopo. Questa volta ad attenderlo c’era il vice-parroco che, nel frattempo aveva avvertito i carabinieri di Martinengo. I militari l’hanno denunciato a piede libero per furto, truffa e tentata truffa, recuperando anche 225 euro in totale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.