BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Signorini: diedi il video di Marrazzo a Marina Berlusconi che lo passò a Silvio

Il direttore di "Chi" Alfonso Signorini rilascia dichiarazioni sul video che mostra l'ex presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo in compagnia di un trans e chiama in causa Silvio Berlusconi.

Il direttore di "Chi" Alfonso Signorini rilascia dichiarazioni sul video che mostra l’ex presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo in compagnia di un trans e chiama in causa Silvio Berlusconi. Al processo che lo vede testimone sul ricatto a Marrazzo infatti dichiara: "Quel video era non era pubblicabile, era una chiara violazione della privacy. Era mia dovere informare il mio editore, Marina Berlusconi a cui mostrai il video".  

Il giornalista ha spiegato che parlare del video (girato dai carabinieri infedeli e nel quale si vede Marrazzo nell’abitazione del trans Natalie), con il suo editore e Maurizio Costa, amministratore delegato del gruppo Mondadori, "era una cosa obbligatoria per la delicatezza del caso e per il personaggio coinvolto. Marina – ha proseguito il direttore – mi disse che ne avrebbe parlato con il padre Silvio, allora premier".

Signorini ha aggiunto che "dopo qualche giorno, Marina mi chiamò al fine di prendere contatto con l’agenzia Masi e per dirmi che suo padre aveva parlato con Marrazzo e che quest’ultimo avrebbe contattato la stessa agenzia. Anche per Silvio Sircana (l’allora portavoce del premier Prodi immortalato mentre parla con un trans in una strada di Roma), informai i vertici aziendali, anche se in quel caso non era in gioco la violazione della privacy ma quella della sfera sessuale. Di quel video tenni una copia nel mio pc che poi consegnai ai carabinieri del Ros".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Presto D’Alema confezionerà il petardone finale dopo i fuochi d’artificio del rinomato “governo a larghe intese”. L’esploit sarà che il baffetto pensionerà Berlusconi e, pienamente d’accordo con lui, metterà al suo posto Renzi. Bidoni all’infinito…

  2. Scritto da giobatta

    ma questa non e’ la dimostraione che b. e’ ancora quello che decide in azienda? e questo per un premier non era vietao?
    chiedo lumi agli esperti legali? oltretutto non era un’ informazione riservata quella che marina hapassato al padre premier?