BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Giù il cappello per Denis Malissimo Maxi, che sorpresa Livaja

Terzo e ultimo appuntamento con il pagellone di fine anno dei nerazzurri. Tra i promossi impossibile non citare il Tanque che, con i suoi gol, ha trascinato i nerazzurri ancora una volta verso la salvezza. Male, anzi malissimo il piccolo argentino.

Più informazioni su

Terzo e ultimo appuntamento con il pagellone di fine anno dei nerazzurri. Dopo difesa e centrocampo è il turno del reparto avanzato dove si registrano promossi, bocciati e un senza voto che, per ovvi motivi, non abbiamo potuto valutare perché tra un infortunio e l’altro non si è praticamente mai visto in campo nel corso di questa stagione.

A trascinare i nerazzurri verso la salvezza, come si sa, sono stati i gol del Tanque Denis. Ma mai come quest’anno sono mancate le reti dei compagni del bomber argentino: i soli ad andare a segno sono infatti stati Maxi Moralez (un gol, a Catania), De Luca (un gol contro la Samp, l’unico in campionato) e Livaja (una doppietta a Bergamo contro la Roma). Poco, troppo poco per una squadra come l’Atalanta che, per salvarsi senza troppi patemi, non si può proprio permettere di dipendere da un solo bomber. E non un caso se il periodo più buio i nerazzurri l’hanno attraversato quando Denis non riusciva più a segnare con continuità.

Chiaro che per l’anno prossimo servirà un vice Denis all’altezza: Parra non ha fatto malissimo, ci mancherebbe, ma per stare davvero tranquilli serve un attaccante che, anche in assenza del Tanque, possa garantire qualche gol pesante.

 

De Luca 5: il folletto di Varese, invece di continuare la crescita come tutti si attendevano, ha fatto degli evidenti passi indietro. Un peccato: a Bergamo tutti aspettavano con ansia la sua esplosione perché – questo va detto – i numeri ci sono e le qualità per sfondare anche. Continuare a puntare su di lui oppure mandarlo a maturare altrove? Vedremo come si muoverà la dirigenza.

Marilungo s.v.: solo tanta sfortuna per il buon Guido che mentre si stava preparando per il grande rientro (contro il Cesena, in Coppa, era alla prima da titolare) si è nuovamente infortunato. Tornerà più forte di prima.

Denis 8: alla fine è servito ancora lui, sono serviti ancora i suoi gol, la sua grinta, la sua voglia di buttarla dentro. La salvezza, come un anno fa, è passata ancora dai suoi piedi. Percassi ha giurato che resterà fino alla fine della carriera.

Maxi Moralez 4.5: un anno alla grande, quello scorso, e un anno da fantasma, quello che si è appena chiuso. Dov’è finito il folletto argentino che faceva ammattire le difese avversarie? Ce lo siamo chiesti tutti per tanto, tanto tempo. Anche Colantuono. Poi la pazienza si è esaurita e lui è giustamente finito in panchina.

Parra 5.5: grinta e cuore non sono mai mancati a questo ragazzotto argentino sbarcato a Bergamo con una mongolfiera. Ma, per essere sinceri fino in fondo, dobbiamo anche dire che non sempre grinta e cuore possono bastare. Certo, alcuni attacchi che ha subito da una parte della stampa sono stati esagerati per il buon Facundo che, quando è stato chiamato in causa, ce l’ha messa tutta, sempre. Ma l’Atalanta ha bisogno di altro.

Brienza 5: arrivato a gennaio per portare fantasia ed estro, non è riuscito ad essere incisivo. Ha deluso.

Livaja 6: eccolo il bianco e il nero di questa seconda parte di stagione. Il croato è giovane, è forte, ha i mezzi per sfondare. Ma anche una testa calda difficile da far ragionare in certi momenti. Ha fatto vedere grandi cose in questi ultimi sei mesi ma con Colantuono è arrivato ai ferri corti già in un paio di occasioni: vedremo se l’anno prossimo il ragazzo si calmerà o se dovremo trovarlo ancora in tribuna per motivi disciplinari. Di certo, in casa Atalanta sono consapevoli di aver strappato all’Inter un giovane che di strada da fare ne ha davvero tanta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da waz

    De Luca due gol…uno a Genova con la Samp e uno a Udine..!!!!!

  2. Scritto da FRANCOKAKUEN

    abbiamo dimenticato lo scopo n.1 della societa atalanta lanciare giovani del vivaio ,ma con un mister che dice che i giocatori non li sceglie all asilo,dopo uno SCUDETTO e un 2POSTO ,lui che si salva x demeriti altrui ,vedi la 3ultima il palermo a 32 punti mai successo ,posso solo dire GRAZIE-FAVINI.BONACINA-BERGOMI CIAO

  3. Scritto da nino cortesi

    Maxi è il giocatore dell’Atalanta con il maggior potenziale utile alla squadra. Per chi si intende di calcio. Bianchi è un brocco.

    1. Scritto da FRANCOKAKUEN

      il vero BROCCO è in panchina ciao

  4. Scritto da gianni

    dennis ok livaia da mandar via subito solo rogne e basta

    1. Scritto da Cris

      Dennis ,era il bambino combina guai dei cartoni animati.