BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fondazione Italcementi premia studentessa All’estero con Intercultura

Una giovane studentessa di Cagliari in partenza per un anno di studio negli Stati Uniti grazie alla Borsa di studio messa a disposizione dalla Fondazione Italcementi Cav.Lav. Carlo Pesenti e dalla Fondazione Intercultura

Più informazioni su

Una giovane studentessa di Cagliari in partenza per un anno di studio negli Stati Uniti grazie alla Borsa di studio messa a disposizione dalla Fondazione Italcementi Cavaliere del lavoro Carlo Pesenti e dalla Fondazione Intercultura: la cerimonia di consegna della Borsa di studio si è svolta nella mattina di martedì 11 giugno a Bergamo nella sede della Fondazione Italcementi e presto la giovane studentessa meritevole potrà partecipare ad un programma di formazione all’estero con Intercultura. La vincitrice della Borsa di studio è Sara Profeti del Liceo Scientifico Statale “A. Pacinotti” di Cagliari, che partirà alla volta degli Usa per un programma di studio annuale.

La vincitrice è stata selezionata tra i figli o nipoti di dipendenti Italcementi che frequentano la scuola media superiore. Una possibilità offerta ai giovani dai 13 ai 17 anni, non solo italiani: infatti, la Fondazione Italcementi ogni anno mette a disposizione delle Borse di studio anche per studenti stranieri per consentire loro di trascorrere un periodo di vita e di studio in Italia.

Alla cerimonia è stato premiato anche Amr Abdelwahab, giovane studente egiziano accolto per un anno da una famiglia di Pisa e partecipante ad un programma annuale di Intercultura, Onlus che dal 1955 opera su tutto il territorio nazionale per promuovere un progetto di crescita interculturale per studenti, scuole e famiglie. A consegnare personalmente la pergamena ai vincitori sono stati il Presidente della Fondazione Italcementi, Giovanni Giavazzi e il Consigliere Dario Massi, mentre in rappresentanza di Intercultura era presente Mietta Denti Rodeschini, Vice presidente della Fondazione Intercultura.

La Fondazione Italcementi Cav. Lav. Carlo Pesenti, da anni sostenitrice di Intercultura, crede fortemente nell’investimento sulla formazione internazionale dei giovani, riconoscendo l’importanza che questa esperienza di vita e di studio all’estero ha nel bilancio della formazione personale di chi è partito, non solo sul piano delle lingue e delle competenze pratiche, ma anche e soprattutto nella capacità di affrontare al meglio le difficoltà e le sfide del mondo dello studio e del lavoro.

Per l’anno prossimo, infatti, oltre alla studentessa cagliaritana, avranno la possibilità di partecipare ad un programma di studio in Italia, uno studente egiziano, Abdelrahman Ali Nagy Mohamed e una studentessa bulgara, Zaharinova Bogdana Atanasova, rispettivamente per un programma annuale e un programma trimestrale, figli di dipendenti del Gruppo Italcementi.

Grazie a queste Borse di studio, totali o parziali, ogni anno circa 1800 studenti italiani delle scuole medie superiori partono per un’esperienza di studio all’estero tramite l’Associazione Intercultura. Il risultato più importante di queste esperienze è quello di imparare a conoscersi e imparare a sentirsi a proprio agio in ambienti internazionali.

Alcuni dati numerici: sviluppo di una forte confidenza con la lingua straniera (il 12% raggiunge un bilinguismo perfetto e il 35% parla fluentemente una seconda lingua), aumento dell’interazione con altre culture (da un 9% prima di partire al 13% una volta rientrati), quota di amicizie con persone di altri Paesi (dall’11% a 23%). Tra le competenze che vengono a svilupparsi vi sono una maggiore capacità di adattabilità, di presa di coscienza delle opportunità, un maggior pensiero critico, un’accresciuta indipendenza, una forte capacità di gestire l’ansia in situazioni di novità, la consapevolezza e l’apprezzamento del proprio Paese di origine e della propria cultura. (La ricerca, condotta dal Prof. M. Hammer e commissionata da Intercultura, è stata pubblicata in versione italiana sul numero 38 della rivista "Intercultura" ed è disponibile al link http://www.fondazioneintercultura.it/index.php?p=156&l=ita)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.