BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Restituiti all’Ecuador reperti archeologici trafugati da imprenditore bergamasco

Imprenditore bergamasco importò irregolarmente dall'Ecuador negli anni Novanta reperti di arte colombiana che adesso finalmente sono stati restituiti alla Repubblica ecuadoregna, mentre l'imprenditore orobico è stato condannato.

Più informazioni su

Imprenditore bergamasco importò irregolarmente dall’Ecuador negli anni Novanta reperti di arte colombiana che adesso finalmente sono stati restituiti alla Repubblica ecuadoregna, mentre l’imprenditore orobico è stato condannato. 

Il comandante provinciale della Guardia di Finanza di Genova ed il Direttore dell’Ufficio delle Dogane di Genova hanno infatti restituito al Console Generale dell’Ecuador, Esther Cuesta 160 reperti di arte precolombiana, confiscati dall’autorità Giudiziaria.

L’origine della vicenda risale agli anni Novanta quando i militari della Guardia di Finanza, insieme ad un funzionario doganale, individuarono due casse, provenienti dall’Ecuador, importate da un imprenditore bergamasco, contenenti, secondo la dichiarazione, effetti personali, numerosi reperti archeologici, sequestrati per contrabbando.

Successivamente, nel corso del procedimento penale, una perizia, eseguita da esperti del Museo Americanistico di Genova, aveva rilevato che si trattava di una raccolta di assoluto interesse, del periodo precolombiano, originaria dell’Ecuador, frutto probabilmente di scavi abusivi in zone archeologiche, risalente ad un arco temporale ampio, compreso tra il 500 ed il 1500 d.C., comprendente 160 manufatti fittili, di cui molti policromi, costituiti da vasi, ciotole, statuine di varia grandezza, piccoli strumenti musicali (ocarine), collane ed alcune asce litiche.

Tra gli oggetti più interessanti, vi sono alcune figurine antropomorfe, dipinte in policromia, dalla tipica deformazione cranica, con collana e rocchetti auricolari.

Il procedimento penale, proseguito nei vari gradi di giudizio, fino alla Corte di Cassazione, si è concluso con la condanna dell’imprenditore imputato e con la confisca dei reperti; il giudice ha disposto, altresì, la riconsegna dei reperti allo Stato dell’Ecuador.

La riconsegna dei beni, considerati patrimonio indisponibile dello Stato dell’Ecuador, ha messo fine, così, alla lunga vicenda, permettendo la restituzione, al legittimo proprietario, dei reperti illegittimamente sottratti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.