BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

In manette 39enne russa: violenze sessuali su uomini ed estorsione

Attraverso avvenenti ragazze attirava uomini in una casa, per poi costringerli a subire violenze sessuali da alcuni uomini e infine ricatti economici. Era questo il diabolico piano di una donna arrestata sabato pomeriggio a Endine Gaiano. I fatti risalgono al 1998 e sono stati commessi in Russia

Più informazioni su

Attraverso avvenenti ragazze attirava uomini in una casa, per poi costringerli a subire violenze sessuali da alcuni uomini e infine ricatti economici. Era questo il diabolico piano di una 39enne russa, G.G., ricercata da due anni e arrestata sabato pomeriggio (8 giugno) a Endine Gaiano. I fatti risalgono al 1998 e sono stati commessi in Russia, a Novosibirsk, la più grande città della Siberia.

La donna era a capo di un’organizzazione composta da uomini e donne, con ruoli ben precisi. Alcune avvenenti ragazze avevano il compito di trovare uomini, possibilmente benestanti, e di attirarli in una casa che era la base della banda. Qua, ad attendere le vittime, c’era un gruppo di uomini che li legava e attuava loro violenze sessuali di ogni genere. Infine, gli uomini violentati venivano anche minacciati: se non fornivano ingenti somme di denaro al clan, il tutto veniva reso pubblico a famigliari e conoscenti.

La donna che guidava la banda, nel frattempo, si era trasferita in bergamasca per sfuggire all’arresto. Fino a due giorni fa, quando i carabinieri di Clusone l’hanno fermata a bordo di una Fiat Cinquecento presa a noleggio da un uomo svedese, risultato essere poi il suo compagno della ricercata. Le accuse per la donna sono sequestro di persona, rapina, violenza sessuale ed estorsione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.