BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Un plebiscito per Galizzi “Presidente moderno, concreto e preparato”

Ercole Galizzi è il nuovo presidente di Confindustria Bergamo: ecco cosa ne pensano gli uomini della sua squadra e chi ha condiviso con lui molti momenti della vita associativa.

Quarantanove anni, amministratore delegato della Argomm di Villongo, multinazionale della gomma che conta 450 dipendenti e un fatturato di 52 milioni di euro (2012), e già vicepresidente di Confindustria Bergamo con delega alla competitività, Ercole Galizzi è stato nominato venerdì 7 giugno presidente di Confindustria Bergamo per il quadriennio 2013-2017.

Ecco cosa dicono di lui gli uomini della sua squadra e chi ha condiviso con lui momenti importanti della vita associativa.

Silvio Albini, vicepresidente uscente di Confindustria Bergamo – “La scelta di Ercole Galizzi come presidente è quello che ci vuole in questo periodo difficile: ha grandi valori personali, umani e imprenditoriali. Molto apprezzabile anche la squadra che si è scelto: così come lui sono dei vincenti e tutti di grande qualità”.

Marco Bellini, vicepresidente di Confindustria Bergamo con delega alla formazione e presidente del Gruppo Giovani orobico – “Sono molto contento di poter continuare la mia avventura al fianco di Ercole Galizzi e orgoglioso di aver ricevuto una delega importante come quella alla formazione: significa che quanto ho fatto in precedenza è stato apprezzato. C’è lo stimolo forte a creare servizi di eccellenza per mantenere quel divario formativo che distingue il lavoratore italiano da quello dei paesi emergenti: la discriminante sarà la qualità della risorsa umana”.

Alberto Barcella, presidente di Confindustria Lombardia – “Ogni quattro anni Confindustria Bergamo cambia il suo presidente e questo è già di per sé un bene. Apprezzo molto il lavoro svolto da Carlo Mazzoleni e sono certo che Ercole Galizzi saprà cogliere l’intraprendenza e lo spirito di servizio che ha contraddistinto il suo predecessore e integrarli con una visione più moderna, necessaria in un periodo di grandi trasformazioni”.

Raffaele Ghilardi, presidente del Gruppo Metalmeccanici di Confindustria Bergamo – “Il passaggio di consegne da Carlo Mazzoleni a Ercole Galizzi segna anche un cambio generazionale. Abbiamo un presidente giovane e preparato e probabilmente la sua qualità migliore è l’essere molto discreto”.

Gianluigi Viscardi, vicepresidente di Confindustria Bergamo con delega all’Innovazione – “Ho avuto la fortuna di lavorare già in squadra con il presidente Galizzi quando eravamo entrambi vice presidenti nella gestione Carlo Mazzoleni. È un grande imprenditore, molto concreto e sempre determinato. Sono onorato della delega all’Innovazione che mi ha affidato”.

Mario Mazzoleni, past president di Confindustria Bergamo e Confindustria Lombardia – “Abbiamo un presidente ancora più giovane ma molto preparato e soprattutto internazionalizzato che in questo periodo è fondamentale. Si è scelto un’ottima squadra di presidenza e insieme avranno un compito molto difficile nei prossimi anni. Credo che la qualità migliore del presidente Galizzi sia la modestia, ovviamente nel senso buono del termine”.

Monica Santini, vicepresidente di Confindustria Bergamo con delega alla Competitività e ai Servizi Associativi – “Personalmente ho rapporto particolare che mi lega ad Ercole Galizzi perché mi ha preceduto alla presidenza del Gruppo Giovani e da lui ho imparato molto. Per me è un presidente carismatico che sa gestire alla perfezione il lavoro e la vita associativa. Sono sicura che faremo un grande lavoro di squadra e mi onora il fatto di dovermi occupare di una delega tanto importante: cercherò di infittire ancora di più il contatto con le aziende per capire quali sono i servizi di cui hanno bisogno e allineare domanda e risposta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da andy baumwolle

    zero commenti?
    mi sa tanto di censura….