Pontirolo, gli alunni mettono in rima Vivilab e risparmio energetico - BergamoNews
Il premio

Pontirolo, gli alunni mettono in rima Vivilab e risparmio energetico

Allla seconda edizione del concorso promosso da VIVIgas S.p.A, gli studenti della scuola primaria “Aldo Moro” hanno vinto materiale didattico

Piccoli poeti, disegnatori in erba e promotori attivi di comportamenti virtuosi nell’uso dell’energia, gli studenti delle classi IV A e IV B della scuola primaria “Aldo Moro” di Pontirolo Nuovo si sono aggiudicati la vittoria nel concorso VIVILab.

L’iniziativa didattica è stata promossa da VIVIgas S.p.A, tra i primi quindici operatori italiani specializzati nella vendita di gas metano ed energia elettrica nel mercato liberalizzato, con l’obiettivo di educare i ragazzi delle scuole primarie bergamasche e di altre otto province italiane, tra cui Milano, Brescia, Como, Lodi, Varese, Verona, Novara e Verbania, alla conoscenza delle differenti fonti energetiche e al concetto di “energia pulita”. La fase finale del progetto, giunto quest’anno alla seconda edizione e patrocinato dalla Provincia di Bergamo, ha offerto agli istituti coinvolti anche la possibilità di vincere buoni spesa da utilizzare per l’acquisto di materiale scolastico, grazie agli elaborati prodotti dagli studenti sui temi affrontati nel corso dell’iniziativa.

Con il loro lavoro, gli alunni della scuola “Aldo Moro” hanno dimostrato – impugnando penna e colori – di avere molto da insegnare anche agli adulti in tema di risparmio energetico. Grazie alle simpatiche filastrocche e ai vivaci disegni realizzati dalle due classi per sostenere l’importanza di un corretto uso di luce, gas e acqua, la scuola si è aggiudicata un contributo del valore di 500 euro da utilizzare per l’acquisto di materiale scolastico. La vittoria dei ragazzi di Pontirolo Nuovo è stata festeggiata oggi con una cerimonia di premiazione svoltasi questa mattina presso la scuola.

Con l’assegnazione dei premi si conclude la seconda edizione del progetto VIVILab, che ha offerto alle scuole primarie la possibilità di realizzare all’interno degli istituti del territorio provinciale laboratori didattici sperimentali sull’energia, allestiti nelle aule da formatori specializzati per guidare i ragazzi in un percorso logico e pratico alla scoperta dell’energia. A stimolare la curiosità e l’interesse degli studenti, inoltre, un esclusivo gioco di card pensato per avvicinare i ragazzi ai concetti del consumo e del risparmio energetico in modo semplice e divertente, grazie alle avventure della “Squadra V” (composta dai supereroi Vigas, Vivien, Water Reynolds e Mandy), impegnata nella “missione di salvataggio” della Città Senza Energia, danneggiata dagli sprechi e dall’inquinamento.

L’amministratore delegato di VIVIgas, Andrea Bolla, ha spiegato: “Il tema dell’energia e, soprattutto, quello del suo corretto utilizzo rivestono un ruolo fondamentale per il futuro del nostro pianeta. Si tratta di un concetto al quale, fortunatamente, la società è sempre più sensibile, ma sono ancora molte le azioni che possono essere sviluppate per contribuire a costruire un rapporto sempre più consapevole con le risorse energetiche indispensabili alla nostra vita quotidiana”.

Ha proseguito Bolia: “Per questo crediamo sia fondamentale promuovere una corretta formazione sul tema dell’energia fin dai banchi di scuola. Siamo particolarmente orgogliosi, quindi, dei risultati ottenuti dal progetto VIVILab, che è stato accolto con entusiasmo dalle scuole del territorio e che ci ha permesso, attraverso la fase finale con il concorso riservato ai ragazzi, di fornire un contributo tangibile a sostegno delle esigenze del mondo della scuola mettendo a disposizione ulteriori risorse per gli studenti”.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it