BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Magoni è da Oscar Batte Bresciani e fa il bis del Vip

Il "Mago" è riuscito nell'impresa di bissare il trionfo del 2012 mettendo nuovamente ko in finale Ciro Bresciani. Grande vittoria anche per il giornalista Carlo Pellegatti: battuto nell'ultimo atto Marino Magrin.

Più informazioni su

Oscarino, Oscarone, Oscarissimo al Vip. Vince sempre lu, Oscar Magoni detto Mago, già mediano dei campi di serie A, trasformato in Flash Gordon dai campi in terra rossa di Cividino. Nella serata delle finali e del bis della finale 2012 con Ciro Bresciani, Magoni fa il Mago implacabile, estrae dal cilindro un doppio 6-0 per il malcapitato Bresciani tenendosi sulla testa la Coppa dell’Accademia dello Sport, già acchiappata l’anno scorso. Stessa finale? "Speriamo sia diversa", aveva sorriso prima del match Bresciani e certo non pensava che sarebbe stato peggio.

Magoni uber alles nel singolare maschile classificati dopo che nel singolare del Trofeo Facchetti Carlo Pellegatti si era tolto un macigno tenuto nella scarpa rossonera per 25 anni, "da quando Marino fece gol al Milan alla vigilia di Natale", sorrideva Pellegatti, noto giornalista milanologo col sorriso del vincitore. In due set, 6-1, 6-4, ha battuto Marino Magrin, il ricordo del nero Natale e l’aria della famiglia Magrin che l’anno scorso gli aveva servito il ko con Michele, figlio di Marino.

"Ho corso troppo nella semifinale con Mastropasqua, non ne avevo più", ha ammesso Magrin sorridendo alla punizione di Pellegatti.

Ha sorriso solo Angelo, nella finale di famiglia del doppio misto contro Paolo Agnelli, e non si può dire che per Paolo sia stata una notte felice. Battuto da Paolo Acerbis nella finale del singolare B e "dalle sue braccia che arrivano ovunque", strapazzato da Angelo e da Paola Borghi nel misto con Eva Volpi: 6-1, 6-1 e ridai alla prossima volta.

L’ultima volta del doppio maschile, l’anno scorso, aveva incoronato Luca Chiesa e Amedeo Amadeo, campioni uscenti e di nuovo finalisti. Ma un dubbio circolava nel vento di Cividino: nell’anno della primavera implosa e del fresco perenne potranno costoro lasciare al palo il duo del Circo Bianco, l’ex gigantista azzurro Matteo Nana e l’ex cittì dello sci di fondo Alessandro Vanoi? Macché, sembrava dire la partita. Avanti di un set e 5-3 al secondo, improvvisamente Vanoi e Nana smarrivano la sciolina crollando a due porte dal traguardo dopo aver "inforcato" occasioni a ripetizione. Chiesa e Amadeo, ringalluzziti, ringraziavano sentitamente infilando il turbo alla fine del secondo set e poi andando a valanga sugli sciatori nel tie-break finale: 10-3, incredibile al Mongodi.

Mentre Chiesa e Amadeo risalivano la corrente e Vanoi e Nana rotolavano a valle, la chicca del Vip 2013, il doppio misto open per classificati di quarta categoria, aveva appena concluso il derby bergamasco-bresciano in finale: di qui i bergamaschi Pier Stefanoni e Dafne Merelli del Tc Bergamo; di là i "cugini" Stefano Capitanio di Torbole Casaglia e Giovanna Paulani di Ghedi. Un set di tennis da corsa, un secondo di soliloquio bergamasco et voilà 6-3, 6-0 per Stefanoni&Merelli, e meno male che si erano definiti outsider.

Ma più della rete che divide conta la rete che unisce: "Esperienza bellissima e inattesa, non conoscevamo il torneo, la solidarietà ci ha portato qui", avevano detto Capitanio e Paulani, trovando appoggio in casa bergamasca. "Conoscevamo il torneo e il circuito Airc, al quale collaboriamo con una tappa al Tc Bergamo, ma questa formula del Vip allargata funziona, speriamo di tornare l’anno prossimo", avevano già rilanciato Stefanoni e Merelli.

Cividino chiude e passa la palla alla serata di gala, giovedì sera alla Cantalupa di Brusaporto. Dove si giocherà l’ultimo match, quello della solidarietà, quello che vale gioco, partita e incontro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.