BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Maglie per il torneo Pisani Midali: “Un malinteso, l’Atalanta ora ce le darà”

Il caso sollevato da una lettera inviata a Bergamonews si è risolto nel migliore dei modi: l’Atalanta fornirà regolarmente le sue divise ufficiali. La conferma arriva da una nuova lettera del padre di Ale Midali: "Sono stato contattato dal direttore Marino"

Più informazioni su

Il caso, sollevato nei giorni scorsi da una lettera inviata a Bergamonews e ripreso poi da altri giornali, delle maglie per la squadra dedicata a Chicco Pisani (LEGGI QUI) si è risolto nel migliore dei modi: l’Atalanta fornirà regolarmente le sue divise ufficiali per la formazione fondata per ricordare il calciatore nerazzurro morto 16 anni fa.

La conferma arriva da una lettera scritta da Chicco Midali, il padre di Alessandra (la ragazza tragicamente scomparsa con Pisani in quell’incidente stradale del 12 febbraio 1997) alla nostra redazione:

 

“L’Atalanta fornirà la divisa ufficiale alla squadra del Club Amici dell’Atalanta Chicco Pisani e Ale.

Contattato personalmente dal Direttore Generale della Società, Pierpaolo Marino, ho avuto la conferma che l’iniziale rifiuto è riconducibile ad un semplice quanto spiacevole malinteso del quale si rammarica la stessa Società. I vertici aziendali per un difetto di comunicazione erano all’oscuro della richiesta.

La squadra degli Over 40 indosserà anche quest’anno con orgoglio i colori nerazzurri nella rinnovata certezza che l’Atalanta ha sempre a cuore il ricordo di Federico e Alessandra.

Famiglia Chicco Midali e Pisani”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Imparziale

    Signor Midali, signori si nasce…ricchi si diventa.
    Lei è un signore…qualcun altro decisamente no.

  2. Scritto da ALBERTO

    Caro Claudio, non arrampicarti sui vetri, stai ai fatti che hai commentato, per Tua memoria ti virgoletto quanto hai scritto
    ” Diciamo che il “malinteso” ha dato occasione a qualuno di sparare sentenze.. proprio sport preferito.”
    Le sentenze le spari solo Tu .

    1. Scritto da claudio

      Io sinceramente potrei arrampicarmi sui vetri per cose un po’ più serie..non per queste cose.. Le maglie sono state date..con una giustificazione.. chiuso il discorso. Cmq nessuno è obbligato a far nulla..tutti parlano e sparano cavolate ma se c’è da tirare fuori un euro..puff spariscono Alberto compreso ! Salutiiii

  3. Scritto da waz

    vogliamo le scuse di Passirani ..sempre pronto a sparare a zero…

    1. Scritto da zaw

      “Vogliamo”. E’ un plurale maiestatis o parli anche a nome di altre persone? Se sì, chi sono?

      1. Scritto da waz

        simpatico che scrivi il mio nick al contrario… cmq la prima

    2. Scritto da Redazione Bergamonews

      A lei, e a tutti quelli che come lei non sono capaci di leggere, spieghiamo che l’Atalanta aveva detto no alle maglie, poi ha cambiato idea, dopo che su Bergamonews è apparsa la lettera di denuncia di Midali. Quindi, le scuse non le deve Passirani, anzi. Non è difficile da capire, almeno per chi non ha problemi con l’italiano. RdC

      1. Scritto da waz

        a dire la verità c’è scritto che c’è stato un malinteso e non che la società avesse detto di no.Infatti come scrivete voi Marino ecc non ne sapevano nulla per problemi di comunicazione.
        é da li che passirani ha cominciato ad spandere letame sulla società.

        1. Scritto da Redazione Bergamonews

          Problemi di comunicazione interna alla società: leggi bene. Altro che letame di Passirani.

          1. Scritto da waz

            appunto l’ho scritto pure io… “problemi di comunicazione”.. dai

          2. Scritto da paolo

            non ci si deve stupire se c’e’ qualcuno che ha il coraggio di contestare quanto scrive il Sig. Dott.Prof.Passirani.Se si rileggono i vari articoli da lui firmati su Atalanta, Percassi,Marino,Colantuono, non si puo’ NON notare sempre una vena polemica(non costruttiva)astio e qui mi fermo verso le varie iniziative intrapese. Gelosia??

          3. Scritto da ALBERTO

            Paolo, stai ai fatti, la lettera l’ ha scritta Midali. L’Atalanta ha fatto retromarcia. Era libera di mantenere il suo no iniziale. Il resto è aria fritta. Se non condividi Passirani non sei obbligato a leggere, c’è sempre L’ Eco di Bergamo per bere sempre tutto.

  4. Scritto da 1907

    a qualcuno piace sempre parlare male della dirigenza….

  5. Scritto da greatguy

    io non glela avrei data

  6. Scritto da claudio

    Diciamo che il “malinteso” ha dato occasione a qualuno di sparare sentenze.. proprio sport preferito. Era logico aspettare la risposta dell’Atalanta.

    1. Scritto da ALBERTO

      Senza la pubblicazione della lettera su Bg News la seconda risposta dell’Atalanta non ci sarebbe stata. La prima risposta da parte di persona regolarmente nell’organigramma della società al Sig.Midali era stata NO
      Nessun malinteso e nemmeno sparare sentenze, solo pubblicazione da parte di Bg News della verità.

      1. Scritto da claudio

        Caro Alberto io non ho detto che Bg News ne Passirani hanno sparato sentenze ( so leggere) ma qualcuno nei precedenti commenti aveva subito sp…nato l’Aalanta tirando in ballo stadio, campagna acquisti ecc. Io mi ero limitato a un : attendiamo la risposta dell’Atalanta. Anche quì ho virgolettato il difetto di comunicazione ..che sembra una scusa.. cmq tutto si è risolto..ma lo sparare sentenze c’è sempre stato. perchè piace farlo !