BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Honegger, chiesto il concordato: in 5 anni rimborsati 53 milioni

È stata depositato nella mattinata di mercoledì 5 giugno al Tribunale di Bergamo il ricorso per l’ammissione alla procedura di Concordato preventivo del Cotonificio Honegger Spa di Albino.

Più informazioni su

È stato depositato nella mattinata di mercoledì 5 giugno al Tribunale di Bergamo il ricorso per l’ammissione alla procedura di Concordato preventivo del Cotonificio Honegger Spa di Albino: il piano concordatario prevede la cessione di tutti i beni ai creditori e la suddivisione dei creditori chirografari in cinque distinte classi, con un trattamento differenziato per ciascuna.

La percentuale prevista per gli istituti di credito e per i creditori chirografari ordinari è indicata nel 40,39%.

Il piano prevede che tutte le attività, quantificate in 53.769.407 euro, possano essere realizzate nell’arco temporale di cinque anni. Il passivo complessivo ammonta 79.739.072 euro di cui 36.810.537 di privilegio, anche ipotecario, e spese di procedura.

Il ricorso è stato predisposto dallo Studio Legale Zonca Briolini Felli, in particolare da Enrico Felli e da Sara Colli con la collaborazione del dottor Alessandro Masera dello Studio Pedroli Venier.Il piano concordatario è stato invece attestato da Giorgio Berta.

Il caso Honegger era scoppiato il 19 ottobre 2012 quando, all’annuncio della Cassa integrazione, i dipendenti proclamarono immediatamente un’agitazione e uscirono dai cancelli del cotonificio albinese: da allora un lungo susseguirsi di proteste, presidi, incontri e mobilitazione su tutto il territorio da parte dei sindacati di categoria, la caccia a vuoto di un nuovo imprenditore in grado di subentrare alla famiglia Zambaiti e tante misure straordinarie in sostegno ai 358 lavoratori del cotonificio.

Il 20 novembre 2012 la società aveva depositato la domanda di concordato in bianco, chiedendo la concessione di un termine non inferiore a 120 giorni per presentare un’esaustiva proposta di concordato preventivo: un termine prorogato poi di altri sessanta giorni dal Tribunale di Bergamo il 4 aprile scorso.

È stato redatto un piano che suddivide i creditori sociali in diverse classi, le quali, a loro volta, prevedono trattamenti differenziati per i creditori in base alla loro classe di appartenenza. Il piano prevede altresì il pagamento integrale dei crediti prededucibili e privilegiati ed il pagamento dei crediti chirografari in una percentuale che potrà arrivare fino al 40,39% a seconda della classe di appartenenza.

Il Piano prevede la suddivisione dei creditori chirografari nelle seguenti classi:

– Classe 1: credito vantato dagli istituti di credito e munito di garanzia ipotecaria immobiliare e pegno su azioni, per la quota degradata al chirografo per incapienza dei beni gravati dal privilegio speciale. Include unicamente istituti di credito per l’importo di € 23.276.747, corrispondente alla parte del maggior credito privilegiato che non trova copertura nel teorico ricavato dalla liquidazione dei beni costituenti la garanzia. La percentuale di pagamento proposta per la classe 1 è pari al 40,39%.

– Classe 2: credito vantato dagli istituti di credito per sua natura chirografario. La percentuale di pagamento per la classe 2 è pari al 40,39%.

– Classe 3: è formata da tutti gli altri creditori chirografari naturali. La percentuale di pagamento proposta per la classe 3 è pari al 40,39%.

– Classe 4: è formata dal credito vantato dalla società Zambaiti Partecipazioni S.r.l., facente capo ai fratelli Angelo, Pietro e Giovanni Zambaiti, per somme erogate in relazione all’acquisto della partecipazione nella società indiana Raymond. La percentuale di pagamento proposta per la classe 4 è pari al 50% di quella proposta alle classi 1, 2 e 3 e, pertanto, allo stato indicata nel 20,19%.

– Classe 5: formata dal credito vantato dalle società BGLocal – Fashion Solutions S.r.l. in liquidazione, Zambaiti Casa S.r.l. soc. unip. e F.lli Zambaiti S.r.l., società correlate facenti capo alla famiglia di Giancarlo Zambaiti. La percentuale di pagamento proposta per la classe 5 è pari all’1,00%.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Finalmente

    Finalmente l’Alitalia della bergamasca finisce come doveva finire già 10 anni fa.
    I dipendenti non si preoccupino, avranno gli ‘scivoli’ di 5-7-10 anni, appunto come Alitalia.
    Unico rischio: che il paese salti e gli scivoli e le pensioni non vengano pagate. Infatti se in un paese fino a 35 anni si è sottopagati e senza contributi e dopo i 45 si diventa cassintegrati-in mobilità-prepensionati secondo voi i soldi per mandare avanti un sistema così da dove vengono? dalla Germania?

    1. Scritto da tex

      condivido al 100% inoltre molti di quei lavoratori svolgono attività in nero

  2. Scritto da Nemo

    Chiedo chiarimenti ruguardo il concordato e correzioni nel caso sbagliassi…..apro un’ azienda, inizio la mia attività, ogni mese percepisco un alto stipendio ( che decido io in quanto sono titolare) tutto questo per parecchi anni…quando mi accorgo che in realtà la mia attività non produce reddito…ma anzi brucia risorse…soluzione? ai miei creditori do il 30/40% di quello che gli spetta… mentre il mio patrimonio personale rimane intatto. Giusto?…..ma siamo matti???

    1. Scritto da Pallino

      e magari nel frattempo mi trasferisco all’estero, tipo a Lugano: Svizzera ??
      Non male vero? Ma i nostri governanti permettono questo ed altro e tu che rimani cassa integrato o disoccupato due dita negli occhi….
      viva l’italia….