BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Clusone, ecco la nuova sede del distretto socio sanitario Lunedì la presentazione

Lunedì 10 giugno alle 15 presso la Fondazione Sant’Andrea di via Defendente 1 a Clusone verrà presentata la nuova sede del distretto socio sanitario della Valle Seriana superiore e della Valle di Scalve.

Più informazioni su

Lunedì 10 giugno alle 15 presso la Fondazione Sant’Andrea di via Defendente 1 a Clusone verrà presentata la nuova sede del distretto socio sanitario della Valle Seriana superiore e della Valle di Scalve.

L’operosa collaborazione tra l’ASL di Bergamo e l’Amministrazione Comunale di Clusone ha reso possibile programmare la realizzazione di una nuova e funzionale sede del Distretto Socio Sanitario di Clusone.

La proficua cooperazione ha rafforzato la sinergica condivisione d’intenti, stabilita lo scorso novembre con la sottoscrizione dell’Accordo di Programma, rinvigorendo l’unione armonica degli obiettivi volti a fornire una risposta comune e concreta ai bisogni dei cittadini del territorio.

All’evento saranno presenti la dottoressa Mara Azzi, direttore generale dell’Azienda Sanitaria Locale di Bergamo e il sindaco del Comune di Clusone Paolo Olini.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Olly

    Se permettete, i superlativi assoluti, lasciateli esprimere agli utenti a consuntivo della vostra opera con la nuova sede… Parlare di “sede funzionale” e “proficua collaborazione”, senza neanche aver inaugurato la sede, mi pare proprio un’antipatica e sgradevole autocelebrazione del pubblico impiego, abitualmente deficitario!