BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stendardo e Del Grosso, due punti fermi Ma serve un terzino

Prima parte del pagellone di fine stagione: s'inizia dalla difesa con i voti più alti per l'ex Lazio e per il terzino arrivato a gennaio dal Siena. Bene anche Raimondi, ma dopo Masiello sull'out difensivo di destra sono sempre mancate le certezze.

Più informazioni su

Non è stata la miglior stagione nella massima serie per i nerazzurri: a dirlo sono i numeri. La salvezza è arrivata come da copione, d’accordo, ma in questo campionato non si è vista la solita Atalanta di Colantuono, quella che, grazie alla sua solidità difensiva, aveva costruito le sue più grandi fortune. Come l’anno scorso, quando la storica rimonta in classifica è stata accompagnata da un rendimento dei difensori sempre eccellente.

Cosa sia mancato è difficile da dire, di certo la partenza di Manfredini nel mercato di gennaio ha lasciato un buco importante, molto difficile da sopperire. E non è servito a molto Canini, lontano parente del buon difensore che a Cagliari si era messo in mostra con ottime stagioni.

In estate Marino dovrà lavorare sul reparto arretrato: servirà assolutamente un terzino destro di ruolo perché dopo Masiello non si sono più visti punti fermi. E Scaloni, comunque autore di prove più che sufficienti dopo il suo arrivo, non può bastare.

Da vedere se si ripartirà da Consigli: ottima la sua annata ma il mercato potrebbe portare sorprese. Già si parla di un possibile valzer di portieri che vedrebbe tra i protagonisti anche il buon Andrea.

 

Consigli 7.5: qualche incertezza si è vista ancora ma la stagione del portierone nerazzurro si merita un voto molto alto. La difesa non è stata solida come l’anno prima e spesso e volentieri a togliere le castagne dal fuoco ci ha dovuto pensare lui. Potrebbe partire ma la speranza dei tifosi è che si possa puntare ancora su di lui, ormai diventato una certezza.

Polito e Frezzolini 6: quando c’è stato bisogno di loro hanno sempre risposto presente, sia in campionato che in coppa.

Bellini 6: tanti, troppi problemi fisici. E molte prestazioni da 5. Ma anche un’attenuante importante, quello spostamento sull’out di destra che non lo può aver aiutato. L’impegno, come sempre, non è mai mancato.

Raimondi 6.5: tante belle prestazioni, un gol decisivo (quello in casa contro il Palermo) e la solita maglia sudata. Ma, a nostro parere, non è un terzino destro: Raimondi deve giocare sulla linea di centrocampo per poter cercare il fondo con insistenza.

Scaloni 6.5: arrivato a gennaio dalla Lazio, l’argentino non si è fatto pregare e ha portato quell’esperienza che serviva. Bene, stagione da promuovere. Ma la sua carta d’identità dice che per coprire nel migliore dei modi il ruolo lasciato libero da Masiello serve altro.

Stendardo 8: ha preso per mano la squadra nei momenti di maggiore difficoltà, trascinandola sempre e comunque. Con la partenza del Manfre le chiavi della difesa sono passate nelle sue mani e lui, da grande calciatore qual è, non si è tirato indietro. Peccato per l’episodio dell’esame da avvocato che l’ha portato allo scontro con la società e con Colantuono. Ma ora è tutto ampiamente risolto.

Lucchini 6.5: il voto è la media del 5 della prima parte di stagione e dell’8 della seconda metà. A gennaio sembrava destinato a cambiare aria: poco spazio e qualche acciacco di troppo. Poi la resurrezione e il posto da titolare fisso.

Manfredini 7: con lui là dietro la difesa è sempre sembrata più sicura, e non è un caso se dopo la sua partenza Consigli e compagni hanno ballato e non poco. Avrebbe potuto chiudere la sua carriera a Bergamo, dove si è consacrato, ha preferito i soldi di Preziosi rischiando pure la retrocessione. I tifosi nerazzurri se ne faranno una ragione. Anzi, se la sono già fatta.

Canini 5.5: arrivato per sostituire Manfredini (compito assai difficile), è finito per farlo rimpiangere, soprattutto all’inizio della sua avventura a Bergamo. Avrà la possibilità di riscattarsi, le potenzialità ci sono tutte.

Ferri 6.5: chiamato in causa solo nei momenti di maggiore emergenza, l’ex Cagliari ha sbagliato poco o nulla. Sapeva il suo ruolo e l’ha svolto alla perfezione.

Brivio 5: un vero peccato. Doveva essere il nuovo Peluso, l’uomo che bruciava l’erba su quella fascia sinistra, quello che si ripeteva dopo aver ben fatto a Lecce solo una stagione prima. Invece, di lui si ricordano solo una marea di errori difensivi, tantissimi cross sbagliati e i continui mugugni del pubblico.

Peluso 7: si è preso quello che si meritava, il grande palcoscenico della Juventus. Qualcuno l’ha accusato di aver disputato le ultime partite senza voglia e con la testa altrove, noi lo difendiamo sostenendo che comunque la sua parte l’ha fatta. Fino alla fine, anche quando sapeva che lo stava aspettando la magia della Champions League.

Del Grosso 8: la grande sorpresa della seconda metà di stagione. Grinta, corsa, qualità, gran calcio. Marino se lo tenga stretto: classe 1983, è nel pieno della sua maturità calcistica. Il dopo-Peluso è lui.

Matheu s.v.: il grande flop dell’ultima stagione di Marino, che è servito a poco. Probabilmente non è nemmeno all’altezza della serie A italiana dato che nemmeno a Siena è riuscito a ritagliarsi un piccolo spazio. Serviva davvero? Probabilmente no. Non diamogli il voto. La colpa, del resto, non è nemmeno tutta sua.

Capelli s.v.: una sola partia dopo tanta, tanta sfortuna. In bocca al lupo per il rientro definitivo, quello del prossimo anno.

Contini s.v.: chi l’ha visto? Una manciata di minuti con la Roma, al Comunale, che gli sono valsi voti ben al di sotto della sufficienza. Ingiudicabile.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Serve un centrale forte ed un terzino destro.

  2. Scritto da nino cortesi

    Consigli 8, Polito 7, Frezzolini 5, Bellini 5,5, Raimondi 7,5, Scaloni 5,5, Stendardo 6,5, Lucchini 6,5, Manfredini 6,5, Canini 6,5,Ferri 7,Brivio 5,5, Peluso 6,5, Del Grosso 6. E gli altri? Alla prossima puntata.

  3. Scritto da mario

    Secondo me Del Grosso è scarso.