BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Magoni e Magrin ok: il Tennis Vip premia due pezzi di Atalanta

Abbandona la manifestazione il duo favorito per la vittoria finale, quello composto da Riccardo Maspero e Luca Facchetti, battuto dalla verve di Oscar Magoni e Adam Ludovici. Avanti anche Matteo Nava e Alessandro Vanoi.

Più informazioni su

Il fattore M sbanca al Vip. Nel giorno del ritiro di Oscar Damiani e Gedeone Carmignani, Oscar Magoni fa l’Oscar e Marino Magrin tira l’ennesima punizione delle sue in questa specie di Atalanta revival sulla terra rossa. Ne hanno fatto le spese il fortissimo duo Riccardo Maspero-Luca Facchetti, tra i favoriti del torneo, ma battuti dalla verve di Oscar e a quella da oscar di Adam Lodovici in tre tiratissimi set, conclusi 10-7 al tie-break. E poi sullo slancio anche Angelo Agnelli e Antonio Viscardi, che l’incontenibile duo Magoni-Lodovici ha impiombato con un doppio 6- 1.

Avanti dunque Magoni-Lodovici e avanti Marino Magrin, partito male con Adriano Latini nel torneo di singolare. Colpito ma non affondato dopo aver perso il primo set, Marino ha cominciato a scaldare il destro su punizione come ai vecchi tempi “infilando” Latini alla distanza: 6-0 nel secondo set, 10-3 al tie-break decisivo. Hurrà Marino, avrebbe cantato Magrin in versione atalantina negli anni ’80, applausi anche a Latini per aver tenuto botta fino alla fine.

Rosso di sera, al Vip, e sia, con un’eccezione. Il duo delle nevi Matteo Nana-Alessandro Vanoi, in felice e continuata ascesa libera confermata dal successo in due set contro Ermanno Viscardi e Paolo Agnelli.

Per tutti le semifinali sono alle porte e andranno in scena martedì, prima della serata delle corone, mercoledì, la notte degli oscar.

Giovedì invece a Brusaporto, nella serata di gala conclusiva, sarà anche la notte degli aquilotti Petkovic e Manicone, allenatore e vice della Lazio che ha appena conquistato la Coppa Italia. L’Accademia dello Sport spalancherà loro le porte e il sorriso, prima di chiudere i battenti sperando di aver vinto l’ennesimo Grande Slam della solidarietà.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.