BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La sigaretta elettronica sarà presto vietata anche nei luoghi pubblici

La misura sarà adottata a breve dopo la scelta del Consiglio superiore di sanità che ha stabilito che anche se si tratta di sigaretta elettronica è pur sempre fumare. L'Italia segue così la strada presa dalla Francia pochi giorni fa.

Più informazioni su

Fumare la sigaretta elettronica è pur sempre fumare: bisogna applicare le stesse misure adottate per il tabacco. E’ questa la decisione del Consiglio superiore di sanità che ha deciso che anche le sigarette elettroniche saranno presto vietate pure nei luoghi pubblici. I fumatori che negli ultimi tempi si erano muniti della famosa e-cigarette, dunque, non potranno più utilizzarla nei bar, nei ristoranti e nemmeno negli uffici.

Una scelta, quella del Ccs, che è stata preceduta di pochi giorni da quella della Francia, resa ufficiale dopo lo studio di Bertrand Dautzenberg, professore di Pneumologia dell’Università Pierre et Marie Curie di Parigi, che si è sbilanciato dicendo che "la sigaretta elettronica non è sana al 100% e che il suo libero uso potrebbe incitare al consumo".

Chissà ora come la prebderanno i 500mila fumatori italiani che, secondo un’indagine dell’Istituto superiore di sanità, sono passati abitualmente alla e-cig, spesso abbinandola a quella tradizionale. Piacciono, soprattutto a giovani e giovanissimi, anche perché si pensa che le sigarette elettroniche facciano meno male e possano essere utili a smettere con le ‘bionde’ tradizionali. Nella fascia d’età 15-24 anni, infatti, la prevalenza dei consumatori di e-cig è più del doppio rispetto ai consumatori di sigarette tradizionali. Dallo studio emerge però che solo il 10% di chi è passato alla e-cig (in genere da non più di qualche mese) ha effettivamente detto addio alle ‘bionde’. Sei su dieci tra i consumatori abituali, invece, stanno riducendo (chi poco, chi drasticamente) il fumo delle sigarette tradizionali mentre c’è uno ‘zoccolo duro’, circa il 22%, che non ha cambiato le sue abitudini rispetto alle bionde e fuma le une e le altre.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Flaminio

    Le eccessive limitazione imposte all’uso delle sigarette elettroniche favoriscono l’industria del tabacco e quella dei farmaci; le sigarette elettroniche sono una sorta di aerosol, vapore e null’altro!

  2. Scritto da nadia

    Sono d’accordissimo con il governo, anche perchè sto partecipando ad un corso obbligatorio serale e deve subirmi 2/3 persone che durante le lezioni continuano ad usare la sigaretta elettronica e sinceramente mi sembra oltre che dannoso, anche poco educato rispetto alla serietà del corso.

    1. Scritto da Flaminio

      Mi spiega il “subire” in cosa consista? Se cioè vi siano motivi di pregiudizio per la sua salute? Od aromi a lei non graditi? Grazie.

  3. Scritto da Alex

    Essendo uno dei 500 mila fumatori digitali posso dire che la prendo assolutamente bene, i “vantaggi” di una sigaretta elettronica rispetto a quella tradizionale non vengono sicuramente ridotti alla semplice possibilità di utilizzarla dappertutto. Inoltre, nonostante sia un fumatore, trovarmi al cinema o al ristorante un vicino che svapa (magari un liquido al tabacco cubano) non mi farebbe comunque piacere…

  4. Scritto da davide

    Esistono disparità economiche in Australia 6.000 euro per un giardiniere e nel nostro paese 6.000 euro li devi rubare daltronde loro sono primi in classifica del miglior vivere e noi siamo al 50.

  5. Scritto da max agazzi

    Che schifo!!!Fanno male solo quelle contente diacetilene :visto che la mia non contiene questo prodotto e non creo fumo passivo ché vietare una cosa che non fa male forse X i troppi guadagni persi?Io sono 4 mesi che fumo elettronica e non ho più acceso una sigaretta..sono io che sbaglio???

  6. Scritto da edoardo

    Le multinazionali vedendo i loro guadagni sprofondare, le stanno provando tutte.