BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vota: con chi vuoi l’intesa del Pd per il governo? Col Pdl, con Grillo, da solo

E' in programma per oggi, mercoledì 6 marzo, la direzione nazionale del Partito democratico che, in diretta streaming, valuterà non solo l'esito del voto, ma anche le opzioni sul tappeto per la costruzione di un governo per l'Italia dal momento che è la coalizione del centrosinistra ad avere la maggioranza dei seggi alla Camera e quindi, almeno in prima battuta, il pallino della leadership.

E’ in programma per oggi, mercoledì 6 marzo, la direzione nazionale del Partito democratico che, in diretta streaming, valuterà non solo l’esito del voto, ma anche le opzioni sul tappeto per la costruzione di un governo per l’Italia dal momento che è la coalizione del centrosinistra ad avere la maggioranza dei seggi alla Camera e quindi, almeno in prima battuta, il pallino della leadership.

Sul tappeto varie opzioni (o forse nessuna): è probabile che il Presidente della Repubblica affidi un mandato esplorativo a Pierluigi Bersani, candidato premier della coalizione di centrosinistra, e a quel punto Bersani dovrà verificare se è possibile un’intesa, a tempo o definitiva, pe guidare il Paese in un momento delicato come questo.

La direzione approfondirà verosimilmente varie ipotesi.

Un accordo con i grillini è stato già rigettato dal leader Beppe Grillo che nell’arco di pochi giorni ha detto no a governi politici, no a governi tecnici, no a larghe intese.

Sull’altro versante il Pdl invita il Pd a un’intesa, da cui la Lega si è già chiamata fuori, ma che non sembra convincere i democratici.

Un’opzione possibile è quella proposta da Bersani: un governo di minoranza col solo centrosinistra che dovrebbe cercare i voti al Senato puntando su un programma snello, di 8 punti, che potrebbe piacere ai 5 Stelle.

E’ su questo fronte che il segretario cercherà di avere il via libera dalla direzione, direzione a cui parteciperà anche Matteo Renzi.

Il sindaco di Firenze potrebbe essere chiamato in causa nel caso in cui il tentativo di Bersani non riuscisse: Renzi potrebbe far confluire sul suo nome un maggior numero di consensi dei parlamentari extra centrosinistra.

Tu cosa vorresti? Intesa con Pdl, accordo con Grillo, governo di minoranza con Bersani, Renzi premier… ? Vota il sondaggio e commenta.

 

 

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alessandro

    Forse non avete capito…o entra in coalizione con Bersani o si torna a votare. I tempi non sono maturi per un governo Grillo. Non ha raggiunto il quorum. dai che forse ce la fate a votare correttamente.

  2. Scritto da Maxime

    compassione e comprensione.
    Dopo tutto credo ancora che il PD sia il perno del sistema democratico italiano

  3. Scritto da Corrado

    Penso che in certi momenti bisognerebbe pensare agli interessi della nazione e non alle distinzioni politiche, quindi ben venga un governo PD/PDL. Non è un’ammucchiata ma una necessità di servizio della politica a governare. Vedremo nel contempo se le volontà espresse in campagna elettorale saranno concretizzate.
    E’ logico che Grillo rifiuti di far parte del governo, sarebbe una smentita alla sua campagna e un inutile legarsi le mani. Bersani deve prendere atto e non insistere

    1. Scritto da Giorgio

      Impossibile. Con il PDL non è possibile fare una, dico una riforma , neppure quelle liberali !! Ormai è assodato da 18 anni di prese in giro,mancanza di parola , leggi e atti inverecondi. Il paese ha bisogno di una svolta , o si lavora sul concreto ed anche i m5s si prendono le loro responsabilità (enormi, l’occasione è UNICA) o si torna a votare. Il paese che vuole il pdl NON può sopravvivere, saremmo finiti.

    2. Scritto da Daniela

      Sorry, ma Bersani, insieme alla stragrande maggioranza degli Italiani, ha preso atto dello sfascio a cui siamo arrivati grazie al centro destra (e ad una parte di ammocca ammocca del centrosinistra), era ora. Grazie al Cielo non se ne parla proprio di abbracci mortiferi che nulla hanno a che fare con gli interessi del paese. Abbiamo già dato, troppo, troppissimo.

      1. Scritto da Corrado

        Stragrande maggioranza non direi, perchè tra centro sinistra e centro destra ci sono solo 140.000 voti di differenza, da verificare e quelli di Grillo sono voti contro tutto e contro tutti. Se si tolgono i Renziani, del quale sono sostenitore e stragrande minoranza. Quindi l’alibi della stragrande…non sta in piedi, bisogna prenderne atto e Bersani (Vendola) deve convincersi senza teorizzare squalifiche, che sono solo dannose. Sveglia!

  4. Scritto da andrea

    alla fine ci ritroveremo un nuovo governo del banchiere monti con l approvazione del solito napolitano e allora si che spero in un ripensamento degli elettori m5s

  5. Scritto da Patrizio

    Governo come? Con chi?
    La mia scelta è in base alle possibilità di fare il maggior numero di riforme partendo dalle più importanti.
    Non mi faccio ragionamenti complicati che creano casino. Semplicemente, Bersani presidente del consiglio, presidenti di camera e senato movimento 5 stelle, elencare le cose da fare a favore del popolo Italiano, altro che governo da sei mesi.
    Parola d’ordine: FARE IN FRETTA ABBIAMO Già PERSO 20 ANNI.

  6. Scritto da nino cortesi

    Più che chi o con chi, cosa facciamo? Monti che convoca? Inviteri Grillo a dire a Monti di passare da lui in una osteria di borgata a Roma, sarebbe molto più logico farlo/i scendere dal brocco. M5* è già il primo partito mentre essere primi per coalizione è un altro degli accorgimenti insani/assurdi di questa stranissima legge elettorale adattata da traffichini della politica.

    1. Scritto da Bantù

      Nino , è evidentissimo ormai che a grillo non interessa “cosa” , sarebbe un’occasione UNICA e irripetibile, ma come per la lombardia si starà a guardare berlusconi e i suoi amichetti che godono , godono , godono !

    2. Scritto da Gerry

      Una coalizione ha un’unità programmatica e di intenti, cambiamo i risultato della partita DOPO la partita ? Complimenti, tutti così dalle tue parti ?

      1. Scritto da nino cortesi

        Ora le partite non sono mai giocate lealmente. E’ già stato deciso tutto preventivamente da alcuni a tavolino e sulla pelle degli elettori.
        Ribalteremo anche questo.

  7. Scritto da carolus

    Bersani e “compagni” sono stati sconfitti anche se hanno tentato di apparire di centro sinistra.
    Erano e sono soltanto sinistri.
    Cancelliamoli dalla storia del nostro Paese dopo tutti i guai che hanno combinato.

    1. Scritto da Doctor

      Sei in un momento di confusione totale , affetto e cure possono fare miracoli , tieni duro. Al fallimento ci han portato i tuoi amici di Lega e Pdl , siete voi che avete governato portando sul palcoscenico una massa enorme di indagati , condannati e incompetenti . Carolus, snebbiati il cervello e al mattino lascia stare le sostanze che fanno male.

  8. Scritto da salvo

    cercate il dialogo,il paese non si può permettere altre elezioni.

  9. Scritto da furbi

    su penati, prescritto… nessun articolo?

    1. Scritto da Mascalsù

      Sulle tue panzane nessun articolo , occupati delle leggi anticorruzione, del falso in bilancio per mndare in galera i corrotti ecc. che non hai voluto, occupati della massa di indagati e condannati che avete portato ovunque in questi anni, occupati di quel signore che ami tanto che ha preso 4 anni in primo grado.

  10. Scritto da libero

    L’incarico deve essere affidato a Grillo. Siano loro a fare proposte e a cercare i voti in parlamento. In campagna elettorale se ne sono sentite di tutti i colori, orbene che si coltivino le loro idee e gli altri partiti, se condivisibili e sostenibili, ne saremo tutti felici e contenti del rinnovamento apportato. I 5 stelle sono il 1° partito in parlamento e, checchè ne dica Bersani, l’onore e l’onere deve essere il loro. Poi li giudicheremo

    1. Scritto da Giulio

      Peccato che contino le coalizioni ed i loro programmi , per cui la prima è quella di Bersani. Vediamo di non essere ridicoli e di rispettare sia le regole che i contenuti