• Abbonati

Arte

Arte

Uristani e Assolari Pittori bergamaschi tra incanto e disincanto fotogallery

Ancora qualche giorno per la mostra di Gianfranco Uristani al Centro San Bartolomeo a Bergamo, mentre a Treviglio inaugura Luigimaurizio Assolari.

La tecnologia ha accelerato tutto e ha disabituato lo sguardo ai tempi lunghi. In un mondo che pullula di referenti artificiali, che si distrae di fronte a ogni virtualità, è difficile recuperare la percezione – in termini di riflessione e di emozione – degli spazi reali e tangibili in cui si vive.

Due mostre di pittura di autori bergamaschi, una in chiusura l’altra in apertura, provano a raccontare scorci urbani, rurali, boschivi invitando a recuperare i tempi lunghi della visione. Accomunate da un taglio tra il naif e l’onirico, la personale di Gianfranco Uristani (al Centro S. Bartolomeo in Bergamo) e l’antologica di Luigimaurizio Assolari (nella Sede della Cassa Rurale di Treviglio), raccontano la realtà con linguaggio neofigurativo la prima, più informale la seconda, ma entrambe sollecitano il visitatore a fermarsi e guardare. E, cosa non da poco, a immaginare.

Protagonista delle tele di Uristani è l’albero, come presenza viva e come simbolo carico di significati, rimandi, allegorie. Il mondo è riassunto in un alfabeto essenziale di poche presenze, l’albero, la casa, il sentiero, la strada, mentre l’uomo in apparenza è assente. Ma dentro il paesaggio lo sguardo si sente, si avverte l’esistenza e l’attesa di un’umanità che abita e percorre gli spazi. E’ un universo fermato nelle sue linee essenziali, dove l’iconografia – giocata sui medesimi motivi compositivi – delega al colore la resa della scena e alla luce, immanente e incantatoria, l’evocazione di una dimensione metafisica, ben oltre il dato rappresentato e sensibile.

Se Uristani canta la poesia degli alberi in tele corpose ed emozionali, rutilanti di luce e di pigmenti ad olio, Assolari cattura invece le tracce e le impronte che l’uomo lascia del suo passaggio negli spazi urbani, sui muri, ai margini delle strade, con un linguaggio fatto di abrasioni, strappi, inserti, collage, smalti, che affiorano a rilievo dal supporto.

La mostra di Assolari dà voce “all’inquieto e sensibile mondo intimista di un artista sempre attento al contesto esistenziale”, come scrive il curatore dell’esposizione Santo Giancotti. Ne risulta una panoramica ricca e coerente dell’evoluzione dell’autore dalle opere più tradizionali degli anni ’70 e ’80, allo sperimentalismo informale degli anni ’90 fino all’evoluzione materica e gradatamente aniconica dei lavori più recenti.

Mezzi, poetiche e personalità molto diverse, quindi, quelle degli autori Uristani e Assolari, che riescono però a denunciare, pur su binari distanti, l’effimera misura dell’esperienza umana di fronte all’eterno ciclo della natura e a confronto con il procedere della Storia. Una pittura dell’incanto e una pittura del disincanto, dunque: due vie che finiscono oggi con l’incontrarsi nella comune riflessione sull’humana fragilitas.

La mostra di Uristani, dal titolo “Alberi e dintorni”, è aperta al Centro S. Bartolomeo (Largo Belotti 1, Bergamo).

La personale di Luigimaurizio Assolari, “Impronte… 1977 opere 2012”, inaugura venerdì 1 marzo alle ore 16 alla Sede della Cassa Rurale di Treviglio (via Carcano, Treviglio).

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
Red Light di Lino Di Vinci
Arte
Lightness, nove artisti di Light Art alla Galleria Marelia
Un'opera di Silvia Manfredini
Arte
Bn Kn, in scena la ricerca di Silvia Manfredini
Malik Choukrane
Arte
Gli altari selvaggi del fotografo berbero Malik Choukrane
Un fotogramma di Filonero
Arte
L’attrito e la scintilla La scultura e la videoarte legate a doppio “Filonero”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI