BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo, Berlusconi avanti Ma rispetto al 2008 Centrodestra sotto 20 punti

Dati definitivi in città e provincia di Bergamo. Le elezioni 2013 regalano gioie e dolori a i partiti. La coalizione di centrodestra ottiene alla Camera 41,17% mentre fa meglio al Senato con 42,96%. Il centrosinistra di Pierluigi Bersani arriva al 24,41% alla Camera (25,44% al Senato).

Dati definitivi in città e provincia di Bergamo. Le elezioni 2013 regalano gioie e dolori a i partiti. La coalizione di centrodestra ottiene alla Camera 41,17% mentre fa meglio al Senato con 42,96%. Il centrosinistra di Pierluigi Bersani arriva al 24,41% alla Camera (25,44% al Senato), la prima prova di Grillo all’esame del voto vede il Movimento 5 Stelle al 16,81(al Senato 14,83). Monti e la sua coalizione ottengono un 13,29% alla Camera e 11,90 al Senato. Giannino meglio alla Camera con 2,26, mentre al Senato 1,78%. Ingroia 1,37% alla Camera e 0,98 al Senato.

Nonostante la tenuta a livello nazionale, con Silvio Berlusconi che è riuscito a stoppare la vittoria di Bersani con una rimonta clamorosa, il centrodestra deve fare i conti con il netto calo rispetto all’ultima tornata del 2008 quando era 60,16% (Lega al 31%, Pdl al 29%). Perde anche il Pd, che cinque anni fa era al 23,09%. Insomma, i partiti pagano l’avvento di Grillo e la buona affermazione di Monti.

PROVINCIA DI BERGAMO – CAMERA DEFINITIVI

Berlusconi 41,17

Bersani 24,41

Grillo 16,81

Monti 13,29

Giannino 2,26

Ingroia 1,37

PROVINCIA DI BERGAMO – SENATO DEFINITIVO

Berlusconi 42,96

Bersani 25,44

Grillo 14,83

Monti 11,90

Giannino 1,78

Ingroia 0,98

E in città? Sia alla Camera che al Senato Pd e Sel superano il centrodestra, che nel 2008 aveva fatto il pieno di voti. Ottimo risultato anche per Monti, che nelle sezioni cittadine ottiene una percentuale molto più alta rispetto all’intera Bergamasca. Sfiora il 15% il Movimento 5 stelle, che va più forte in provincia. A dire il vero perde anche il Pd, che alla Camera passa dal 31,2% del 2008 al 28,4%. Ma sono Pdl e Lega a fare registrare il crollo verticale. Il Popolo della Libertà aveva il 30,2%, ora guarda sconsolato un 16,9%. Il Carroccio invece passa dal 19,9 all’11,03%. Per capire la portata del cambiamento basta dare uno sguardo ai dati di coalizione del 2008: centrodestra al 50%, mentre centrosinistra al 36%. La coalizione di Scelta civica con Mario Monti ottiene il 16,5%, facendo registrare un buon risultato rispetto a molte altre realtà. In città bene anche Fare per Fermare il declino, che strappa un 3,5%.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da alberto

    complimenti per la lucida analisi; come si puo paragonare il centrodestra di allora che aveva anche i gruppi UDC e AN con il centrodestra di oggi?
    oltre al fatto che sono entrate in campo nuove forze, Monti e Giannino che si collocano molto vicino al centrodestra.