Quantcast
Nuova Gamec, Pezzotta: “Il tempo è tiranno, attendiamo i passi di Ubi” - BergamoNews
Il progetto

Nuova Gamec, Pezzotta: “Il tempo è tiranno, attendiamo i passi di Ubi” fotogallery

Tempi stretti per l'approvazione del progetto della Nuova Gamec nella zona dei Magazzini generali. E' necessaria un'accelerata per arrivare al via libera definitivo entro il 20 aprile, giorno in cui verranno eletti i nuovi vertici Ubi. Pezzotta: "Stiamo aspettando il progetto definitivo".

Tempi stretti per l’approvazione del progetto della Nuova Gamec nella zona dei Magazzini generali. Il piano preliminare aveva attirato l’attenzione di media ed esponenti politici, poi il buio totale. Da novembre non si hanno notizie del progetto definitivo da 4,5 milioni di euro indispensabile per avviare il percorso amministrativo tra commissione urbanistica, Giunta, commissione consiliare e infine Consiglio comunale. E’ necessaria un’accelerata per arrivare al via libera definitivo entro il 20 aprile, giorno in cui verranno eletti i nuovi vertici Ubi. Come ogni spoil system che si rispetti, il rischio di ripensamento c’è, ma solo nel caso di situazione stagnante. L’assessore all’Urbanistica Andrea Pezzotta attende fiducioso notizie. “Siamo in attesa della presentazione del piano definitivo. C’è il progetto preliminare, licenziato con prescrizioni nell’ottobre 2012. E’ stato consegnato agli operatori, siamo in attesa del piano attuativo. Doveva arrivare a gennaio”.

Invece è quasi metà febbraio e non ci sono novità. “Il concetto è semplice: prima viene presentato, meglio è. Anche perché i tempi di approvazione non sono mai brevi. Dobbiamo svolgere tutti gli adempimenti necessari”.

Il 20 aprile è in programma l’assemblea per il rinnovo del Consiglio di sorveglianza. Da quella data potrebbe cambiare tutto. “Ogni giorno chiedo notizie del progetto definitivo. Poi vedremo”.

L’Ordine degli architetti ha chiesto con forza che venga fatto un concorso di progettazione internazionale. E’ una strada percorribile? “Dal punto di vista giuridico non è necessario. Abbiamo rappresentato alla banca questa ipotesi come un’opportunità. L’atteggiamento mi sembra piuttosto freddo perché si teme che il concorso possa comportare ritardi alla realizzazione dell’opera”.

Non ci sono altre soluzioni? “Si può pensare a un concorso ad inviti, ma anche questa ipotesi è tutta da valutare”.

Il progetto della nuova Gamec si affaccia sui possibili futuri binari del collegamento ferroviario tra la città e l’aeroporto Orio al Serio, a sua volta compreso nella grande riqualificazione di Porta Sud. Anche Umberto Ambrosoli, candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Lombardia, ha sottolineato l’importanza del collegamento con lo scalo. Niente di nuovo, ma tutto sulla carta. “E’ un’idea larghissimamente condivisa. Collegare l’aeroporto alla città e a Milano è fondamentale. Però il momento economico è molto critico. Faccio l’esempio di Porta Sud: stiamo lavorando alla fase attuativa, per continuare con l’accordo di programma, ma il mercato immobiliare è davvero in crisi. Il progetto è lì da 50 anni: non è stato realizzato con il boom economico ed immobiliare, figuriamoci ora”.

Se fosse il suo primo giorno da assessore cosa farebbe? “Mi concentrerei esclusivamente sulla riqualificazione delle aree dismesse prima di occupare aree nuove. E’ un nostro grande convincimento, che abbiamo portato avanti in questo mandato. E’ la cosa più sensata da fare”.

Per esempio? C’è qualche area da suggerire agli operatori immobiliari? “Tutta la zona intorno alla stazione. Anche la Reggiani andrebbe recuperata. L’area Europan ha l’urgenza di essere riconvertita. Sono tantissime le aree industriali che hanno bisogno di essere riqualificate. Però dobbiamo auspicare che cambi il vento. I miei dirigenti mi dicono che qualche anno fa l’assessore all’Urbanistica doveva agire da freno agli operatori, adesso sono io che devo sollecitarli. E’ un lavoro al contrario”.

Quali progetti vorrebbe concludere da qui alla fine del mandato, tra un anno e pochi mesi? “Vorrei riuscire ad avviare progetti per i quali abbiamo lavorato molto come la Gamec, il parco dello sport, il recupero della caserma Montelungo, Sant’Agata”.

A proposito di parco dello sport, c’è stato un incontro a Palafrizzoni mercoledì. Ci sono novità di rilievo? “Le intenzioni sono ottime, ci sono tutti i presupporti per creare un luogo di eccellenza ambientale e sportiva. E’ anche l’occasione giusta per dare una risposta all’incognita “Palazzetto”. Un impianto non solo legato allo sport, ma anche alla musica”.

Ha parlato di caserma Montelungo. L’amministrazione vuole fare passi avanti nonostante il progetto Gamec sia stato spostato? “Riapriremo il tavolo il 19 febbraio con il Demanio e la sovrintendenza. Il recupero è possibile, con un piano attuativo che renda concreta quella parte della città. Le funzioni saranno comunque legate al mondo della cultura”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Generico
L'opposizione
“Caserma Montelungo, la Giunta batta un colpo”
Generico
Saffioti (pdl)
“La Gamec ai Magazzini generali non è la soluzione migliore”
Il progetto della nuova Gamec
Bergamo
La nuova Gamec scommette sul treno per Orio entrambi pronti per l’Expo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI