L'inchiesta

Omicidio Yara: Fikri interrogato il 14 febbraio

Sarà forse l'ultimo interrogatorio per quello che rimane finora l'unico indagato: il gip Maccora dovrà decidere se scagionare del tutto l'operaio del Marocco.

I genitori di Yara Gambirasio si oppongono, ma il 14 febbraio è probabile che Mohammed Fikri esca di scena dall’inchiesta sull’assassinio orribile della ragazzina di Brembate Sopra.

L’operaio originario del Marocco, finora unico indagato nell’ambito dell’omicidio dela piccola ginnasta, sarà infatti interrogato dal gip Ezia Maccora che dovrà valutare la richiesta del pm Letizia Ruggeri di archiviazione definitiva della sua posizione.

Il pm infatti è convinto che le traduzioni della telefonata che averebbe inizialmente fatto concentrare i sospetti sul giovane siano state errate e quindi chiede che venga scagionato.

Ma i genitori di Yara non sono convinti e hanno chiesto attraverso il loro legale di non far calare il sipario sul marocchino.

Così il 14 febbraio in camera di consiglio il gip sentirà ancora una volta la versione di Fikri e poi deciderà se archiviarlo o meno.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Generico
Yara gambirasio
Fikri liberato, intercettazione travisata Ricerche a vuoto, le indagini ripartono
Maura Panarese, la mamma di Yara
La lettera
La mamma di Yara scrive a Napolitano: “Voglio giustizia”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI