BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuovo piano aeroporti Orio tra i primi scali di “rilevanza strategica”

Il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Corrado Passera, ha emanato l’Atto di indirizzo per la definizione del Piano nazionale per lo sviluppo aeroportuale. C’è anche Bergamo-Orio al Serio, che figura tra gli scali primari di interesse internazionale.

Il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Corrado Passera, ha emanato l’Atto di indirizzo per la definizione del Piano nazionale per lo sviluppo aeroportuale. Il provvedimento, atteso da 26 anni, «pone le basi per un riordino organico del settore aeroportuale sotto il profilo infrastrutturale, gestionale e della qualità dei servizi». C’è anche Bergamo-Orio al Serio, che figura tra gli scali primari di interesse internazionale. L’atto, che recepisce gli orientamenti comunitari e gli indirizzi governativi e parlamentari, «sarà ora inviato – si legge in una nota del ministero – alla Conferenza permanente Stato-Regioni per la necessaria intesa e, successivamente, sarà adottato con un apposito decreto dal Presidente della Repubblica».

Secondo Passera «con l’Atto di indirizzo colmiamo una grave lacuna del nostro Paese che durava da 26 anni». Oggi sono 112, in Italia, gli aeroporti operativi. Di questi, 90 sono aperti al solo traffico civile (43 aperti a voli commerciali, 47 a voli civili non di linea); 11 militari aperti al traffico civile (3 scali aperti a voli commerciali, 8 a voli civili non di linea), 11 esclusivamente a uso militare. Sono, quindi, nel complesso 46 gli aeroporti commerciali: ai 43 civili se ne aggiungono i 3 militari (Grosseto, Pisa e Trapani Birgi). I 31 aeroporti di interesse nazionale individuati nella proposta sono classificati in base alla rilevanza e al traffico: 10, tra cui Orio al Serio, sono inseriti nella «Core Network», cioè considerati di rilevanza strategica a livello Ue in quanto pertinenti a città o nodi primari; 19 in totale nella «Comprehensive Network», tra quelli con traffico superiore a 1 milione di passeggeri annui (13) e quelli con traffico superiore a 500 mila passeggeri annui e con specifiche caratteristiche territoriali (6), compresa la continuità; a cui si aggiungono altri due aeroporti non facenti parte delle reti europee, ma in espansione.

I dieci super big: Bergamo Orio al Serio, Bologna, Genova, Milano Linate, Milano Malpensa, Napoli, Palermo, Roma Fiumicino, Torino, Venezia.

I 13 con oltre 1 milione di passeggeri l’anno: Alghero, Bari, Brindisi, Cagliari, Catania, Firenze, Lamezia Terme, Olbia, Pisa, Roma Ciampino, Trapani, Treviso, Verona. I 6 con traffico sopra i 500 mila e continuità territoriale: Ancona, Pescara, Reggio Calabria, Trieste. A cui si aggiungono i due «indispensabili» per la continuità territoriale: Lampedusa e Pantelleria.

I 2 «fuori-rete» sono Rimini e Salerno. Non fanno parte delle reti europee, ma l’uno con traffico vicino al milione di passeggeri ed un trend in crescita (Rimini); l’altro, Salerno, destinato a delocalizzare il traffico di Napoli.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da stefano

    Un’altro caso in cui l’incompetenza e la totale mancanza di buon senso arreca danni al territorio e ai cittadini….come si faccia a decretare strategico un aeroporto che è inserito in un area residenziale lo sanno solo i gran visir che governano sto paese

    1. Scritto da andrea

      nel 1937 intorno all’aeroporto c’erano solo campagne; nel 1972 (anno in cui l’aeroporto fu utilizzato per voli civili) intorno ad esso c’erano solo campagne e alcune case….è l’aeroporto che si è inserito in una zona residenziale????

  2. Scritto da mm

    Come e’ complicato parlare di orio. Non mi sembra che Sacbo debba occuparsi di chi utilizza lo scalo e d’altra parte dovrebbe avere bilanci positivi (vd accordi con mr ryanair)..francamente, a parte l’impatto ambientale, queste mi sembrano polemiche inutili

  3. Scritto da cua de paja

    Ecco la rilevanza strategica
    http://www.bergamonews.it/cronaca/le-signorine-del-luned%C3%AC-dopo-il-weekend-di-sesso-ripartono-da-orio-170210

    http://www.bergamonews.it/cronaca/de-roma-guardia-finanza-capitali-fuga-orio-500-un-anno-170242

    E’ questo che intendeva Mr.B quando parlava di aerei sempre pieni

  4. Scritto da mario59

    Forse è bene ricordare che l’aereo non è più un mezzo di trasporto solo per i ricchi…con le offerte che fanno, spesso volare costa meno che fare il viaggio in treno…pertanto l’esempio del berlusca, non ha alcun senso… mica tutti hanno il jet e l’elicottero personale come lui. La realtà è che il potere d’acquisto degli stipendi, continua drasticamente a ridursi, e se l’aereo lowcost è più economico di altri mezzi, la gente usa quello.

    1. Scritto da il polemico

      a me sembra di ricordare che il berlusca diceva che la gente viaggiava in generale,non che tutti avessero aereo privato.e se come dici tu,e se c’è low cost che spinge la gente a muoversi,almeno quelli che lo possobno fare,è un bene o un male?sicuramente i 400mila nuovi disoccupati del 2012 sono un male,ma il professore di turno dice che l’italia sta andando bene,avrà mai chiesto un parere ai disoccupati??mah

  5. Scritto da salam

    il berlusca ha detto anche che la casa è sacra ma quando cè stato da votare l imu ha dato parere favorevole…..fai tu

    1. Scritto da il polemico

      io darei la colpa a chi l’ ha proposta,,se avesse votato contro,che sarebbe successo?tu avrersti difeso la sua scelta o ti schieravi con monti?e poi se l’imu non passava,dove si sarebbero trovati i soldi per salvare la mps,visto che lo stesso monti diceva che le casse erano vuote?almeno si è cpaito a cosa è servita veramente l’imu,anche sem olti dicono che era sacrosanta pagarla…tu sei uno di loro???

      1. Scritto da Angelo

        Polemico sicuramente, ma anche disinformato che fa il sapientone sputando come sentenze le solite banalità qualunquiste nascosto dietro uno pseudonimo. L’IMU non è stata utilizzata per il Monte dei Paschi, che per inciso ha preso un prestito al doppio del tasso di mercato, ma per garantire il rimborso del debito pubblico agli interessi a cui erano schizzati nel 2011.

  6. Scritto da sandokan

    Piano strategico? La strategia è altra cosa e prevede pianificazione, capacità progettuale di lungo periodo. Lungimiranza totalmente assente nel piano che è solo una fotografia dello stato dell’arte. Bergamo ne è l’esempio: se perdesse ryanair lo scalo da strategico nazionale sarebbe declassato a scalo da chiudere. Questo è il riordino strategico atteso da 26 anni? Speriamo in Gamberale…

  7. Scritto da bulica

    non è il berlusca che è bugiardo,siete voi che abboccate a tutto quel che dice…………..e continuater a votarlo!!!!!!

  8. Scritto da il polemico

    ma come?’il berlusca dice che la gente vola e tutti a dargli del bugiardo,qui si evidenzia l’aumento del traffico passeggeri in italia,e molti dicono ancora che il berlusca è un bugiardo perchè la gente non vola,piuttosto che ammettere la realtà,si è disposti a dire che il sole non scalda…mahhhhhhh