BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Foto in vendita: la mano di Facebook su Instagram Rabbia sul web, di’ la tua

Sei mesi dopo l'acquisizione da parte di Facebook, Instagram, l'applicazione che permette di scattare, modificare e condividere foto, cambia il regolamento relativo alla privacy che consente l'utilizzo di informazioni e fotografie a scopi pubblicitari.

Più informazioni su

Dal suo lancio sull’App Store sono passati poco più di due anni e il successo raggiunto l’ha portata ad essere la più diffusa applicazione per la condivisione di foto: stiamo parlando di Instagram, sviluppata da Kevin Systrom e Mike Krieger, che permette agli utenti di scattare foto, modificarle tramite speciali filtri e condividerle su Facebook, Twitter, Flickr.

Da circa sei mesi l’App è stata acquistata da Facebook ma, fino a lunedì 17 dicembre, sembrava che ciò non comportasse nessun cambiamento significativo nell’utilizzo del servizio. E invece ora gli utenti sono stati informati di un cambiamento del regolamento relativo alla privacy che, in poche parole, consente a Instagram e Facebook di utilizzare informazioni e immagini a proprio piacimento.

Informazioni quali indirizzo mail, dispositivo su cui è installata l’applicazione e indicazioni geografiche relative alle immagini scattate potranno essere utilizzate per scopi di marketing.

La grossa novità riguarda però le fotografie vere e proprie. Tutte le foto pubblicate potranno essere utilizzate a scopi pubblicitari: i nuovi termini di servizio, a cui l’utente non può sottrarsi visto che il semplice login ne comporta l’accettazione, prevedono che i contenuti condivisi dagli utenti possano essere venduti a terzi per scopi commerciali e pubblicitarie senza che venga riconosciuto nessun diritto d’autore.

Questi cambiamenti entreranno in vigore a partire dal 16 gennaio 2013 ma hanno già mandato su tutte le furie la vasta comunità di Instagram che ha manifestato tutto il dissenso a modo proprio, tramite l’hashtag #facebooksucks con cui sono state taggate le fotografie polemiche.

Gli utenti sembrano quindi essere di fronte a un bivio: al momento infatti non è possibile impedire, come accade invece su Facebook, l’uso dei propri contenuti e l’unico modo per sottrarsi alle nuove condizioni di utilizzo è quello di eliminare il proprio account.

Tu cosa ne pensi? Dì la tua.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario59

    Piuttosto che fare un account del genere, butto via il pc

  2. Scritto da Il Naggio

    Ci sono decine di altre applicazione che fanno le stesse cose di instagram.

    BeFunky per esempio non ha bisogno nemmeno del login.

  3. Scritto da marco

    Questi qui sono dei pazzi furiosi, togliere l’account subito!!!