BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Piano Lombardini, 313 bergamaschi in cassa sindacato preoccupato

Ricevute le richieste di Cassa per 699 persone, di cui 313 lavoratori nella nostra provincia. Lazzaroni, Filcams Cgil: “Vogliamo sapere se davvero ci sono trattative in corso per la cessione dei quattro ipermercati e con chi”

La notizia sulla stampa locale ha provocato ansia e un senso di scoramento fra i lavoratori in molti punti vendita del Gruppo Lombardini: “Lavoravo nel negozio Pellicano ormai chiuso in via San Bernardino a Bergamo, mi hanno spostato qui a Mapello ed ora anche in questo Iper il futuro è incerto” così al telefono la delegata della Filcams Cgil Vanessa Mangili ha spiegato il suo stato d’animo, dopo che questa mattina ha letto sui giornali che Lombardini ha intenzione di ristrutturare il gruppo.

“Non ce lo aspettavamo, certo c’erano voci su una possibile Cassa nella sede di Dalmine, ma niente che coinvolgesse anche noi. Non ci tengono in alcuna considerazione, siamo a venuti a saperlo dal giornale. Le mie colleghe hanno cominciato a chiedermi: ‘Ma che fine facciamo?’. È vero che oggi di sicurezza non ce n’è più, ma almeno ci avessero informato! Uno che ha famiglia e un mutuo e tutte le spese che ne conseguono cosa dovrebbe fare? Noi siamo solo un numero, non ci dicono nulla. Eppure abbiamo sempre sacrificato il Natale, le feste, la famiglia. E questo è il risultato. Certo siamo sempre stati pagati, ma almeno un minimo di rispetto per il dipendente, quello manca da parecchio”.

Il Gruppo Lombardini ha dichiarato di volere cedere, non si sa con quali conseguenze occupazionali, sia l’Iper di Mapello che quello di Treviglio (e fuori provincia quelli di Liscate e Rezzato). Per gli altri punti vendita del Gruppo, eccezione fatta per i discount (LD), nel corso della giornata di oggi la Filcams Cgil di Bergamo ha ricevuto le richieste di Cassa straordinaria per 699 persone, di cui 313 lavoratori nella nostra provincia: per Comprabene spa (Pellicano) 249 richieste, di cui 125 in provincia di Bergamo; per Gross Market 361 richieste totali di cui un centinaio relative a lavoratori nel nostro territorio; per Lombardini Holding 89 richieste (su 89, uffici a Dalmine). Un incontro fra le parti dovrebbe tenersi a Bologna mercoledì 12 dicembre, nel pomeriggio, data in cui era già fissato un confronto con i rappresentanti del Gruppo Lombardini.

“Se davvero ci sono trattative in corso per la cessione in particolare dei quattro ipermercati vorremmo saperlo e vorremmo anche sapere con chi” ha detto Romeo Lazzaroni, segretario generale provinciale della Filcams Cgil. “Siamo profondamente preoccupati, perché in una situazione di calo di consumi e affanno della grande distribuzione e a fronte di una previsione negativa dei consumi anche per il periodo natalizio, questa notizia è un nuovo colpo per un settore che già ora rappresenta il 25% delle mobilità delle bergamasca. Da tempo chiediamo una moratoria sulla costruzione di nuovi centri commerciali: si tenga conto che l’Iper Pellicano di Mapello è stato aperto solo un anno fa. E ancora si parla di aprirne di nuovi: in discussione ci sono quelli nell’area della ex Pigna e a Trescore”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.