San Bernardino a Lallio Un monumento nazionale che pochi conoscono - BergamoNews
Visite guidate

San Bernardino a Lallio Un monumento nazionale che pochi conoscono

La chiesa di San Bernardino in Lallio, costruita nel 1450 e internamente ricoperta da 99 affreschi, è aperta nel mese di dicembre per poche ore a ingresso libero e per le visite guidate.

Per visitare l’antica chiesa di San Bernardino di Lallio nel mese di dicembre, si può entrare liberamente solo dalle 15 alle 17 nei giorni di sabato 1, domenica 2 (ore 15,30 visita guidata), sabato 8, domenica 9, sabato 15, domenica 16 (ore 15,30 visita guidata), sabato 22, domenica 23, , lunedì 25 (ore 15,30 visita guidata) martedì 26 (Santo Stefano), sabato 29, domenica 30, lunedì 31 (ore 15,30 visita guidata).

La chiesa di S. Bernardino è la più antica costruita in onore del santo senese, nello stesso anno della canonizzazione (1450). E’ sorta a Lallio per volontà di Eustacchio Licini detto "Cacciaguerra", frate non professo del convento delle Grazie fondato da San Bernardino durante la sua permanenza a Bergamo.

Divenuta monumento nazionale per l’importanza storica ed artistica, è considerata un pregevole documento del manierismo lombardo ed una delle rarissime rimaste in Lombardia dall’interno completamente affrescato, con cicli dedicati alla vita della Madonna, S. Caterina d’Alessandria, di San Bernardino e alla passione, morte e resurrezione di Cristo.

I 99 dipinti di cui è adornato l’interno sono opera di Gerolamo Colleoni (1500 – 1570), di Cristoforo Baschenis il Vecchio (1520 – 1613) e di un autore ignoto (certo T.L.) del 1600.

Anche la facciata esterna era ricoperta di affreschi che, nel 1967, sono stati staccati per sottrarli alla rovina completa e attualmente collocati nella sagrestia della chiesa parrocchiale.

Per capire la grandezza del monumento guarda anche il sito http://www.sanbernardinolallio.it/

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it