BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’Italia in piazza contro l’austerity con scontri e feriti

Nelle città italiane oltre 100 cortei. A Roma sassi contro le forze dell'ordine e cariche di alleggerimento; a Torino poliziotto gravemente ferito. Scontri anche a Milano e Brescia. Stazione centrale occupata a Napoli.

Più informazioni su

Quella di mercoledì è stata una mattinata di mobilitazione internazionale dei sindacati e degli attivisti contro le politiche di austerity dei governi e le scelte dei grandi d’Europa. In Italia, così come in Spagna, Grecia, Irlanda e Portogallo, sono stati oltre 100 i cortei in tutte le città, dove si sono registrati disagi al traffico. Le proteste sono state convocate da una quarantina di gruppi in 23 Paesi diversi, ma sono trainate soprattutto dalle organizzazioni sindacali dei Paesi iberici. I lavoratori di Spagna e Portogallo sono impegnati nel primo sciopero coordinato della penisola, che ha interrotto i trasporti, messo a terra centinaia di voli, chiuso le scuole.

Tensioni e scontri hanno caratterizzato la mattinata di proteste, con un poliziotto ferito gravemente a Torino da un gruppo di manifestanti che, armato di mazze da baseball, ha accerchiato il malcapitato colpendolo più volte.

Il corteo degli studenti ha fatto irruzione all’interno nel cantiere del grattacielo di Intesa San Paolo. Una volta giunti in corso Vittorio Emanuele, un gruppo del corteo si è diretto di corsa verso il cantiere. Alcuni hanno scavalcato le barriere e le recinzioni entrando all’interno. I manifestanti hanno divelto i bagni chimici e rotto alcuni vetri dei container del cantiere. Lanci di lacrimogeni da parte delle forze dell’ordine in assetto antisommossa che hanno disperso gli studenti. Alcuni manifestanti incappucciati hanno preso di mira telecamere e cronisti. La protesta è proseguita sulle strade attorno al cantiere, vicino alla stazione ferroviaria di Porta Susa, dove sono stati rovesciati alcuni cassonetti dei rifiuti. Molti manifestanti si sono poi diretti verso il Palazzo di Giustizia, presidiato da polizia e carabinieri.

A Milano uno dei due tronconi del corteo degli studenti si è scontrato in due occasioni con un cordone di agenti in tenuta anti sommossa in corso Magenta, a due passi dalla rappresentanza del Parlamento europeo. Schierati in formazione a testuggine con scudi e caschi, hanno tentato due volte di sfondare il cordone di agenti che ha reagito caricandoli. Dopo il secondo tentativo di superare lo sbarramento, i ragazzi (principalmente dei collettivi universitari) sono indietreggiati, proseguendo il lancio di oggetti e petardi in direzione degli agenti. Il bilancio è di cinque agenti feriti.

A Bologna un blitz nella sede della Cisl ha chiuso il corteo delle vie del centro, mentre a Brescia gli scontri hanno portato alle manette tre ragazzi. Uova e vernice, invece, sono state riservate per Bankitalia a Firenze. E non è andata tanto meglio a Napoli, dove via Marina è stata completamente bloccata.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da wka

    io avrei messo in prima fila dalla parte dei poliziotti il sig. napolitano (primo responsabile del governo monti) il sig. monti stesso e la sig.ra (dama piangente) fornero , e poi a seguire i vari grilli passera per finire le prime file con l abc della politica monti alfano bersani casini e poi a chiudere le linee i poveri poliziotti sperando che ad un certo punto se ne tornino a csa loro lasciandoli a difendere la loro austerity

  2. Scritto da Contro politica

    ..perché non protestiamo contro la politica e i politici che sono la vera causa di quello che ci ha colpiti , l’austerity e’ solo la conseguenza del male politico , cominciamo a tagliare onorevoli e senatori , che a poco servono visto le liti continue che fanno

  3. Scritto da tale-bano

    in effetti è necessario reagire a questi politicanti che ci hanno rovinato e, riparandosi dietro le solita parola “discutiamo” loro vanno avanti imperterriti corrompendo e svendendo l’italia. pertanto è giusto trovare altre soluzioni di qualsiasi genere

  4. Scritto da Alberto

    E che ci aspettavamo, con queste politiche di austerità suicida oltre che stupida (ma voluta e ben congegnata dai Monti di turno, grazie anche agli organi di disinformazione)?

    1. Scritto da poeraITALIA

      mah scusi allora bisogna ferire le forze dell’ordine MA PER CORTESIA.
      ALLORA TUTTI MA TUTTI A ROMA E BASTONATE A MONTI E I SUOI COLLEGHI.
      NON FERIRE CHI CERCA DI CONTENERE 4 VANDALI DA CERTE
      GESTA.
      IL POLIZZIOTTO FERITO FOSSE STATO SUO PADRE O FIGLIO??

      1. Scritto da Maria Stella

        Poer-Italiano: Poliziotto, non Polizziotto.
        Comunque, la vera svolta si avrà quando anche le forze dell’ordine si rifiuteranno di difendere i ladri seduti in parlamento.