BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Alstom Grid di San Pellegrino passa nel milanese

Mercoledì 31 ottobre la dirigenza della Alstom Grid di San Pellegrino (ex Areva) ha annunciato il trasferimento di tutta l'azienda (in cui lavorano 50 dipendenti) nel sito di Alstom Transport (settore ferroviario) di Sesto San Giovanni.

Dopo la doccia fredda di Honegger, anche la Valle Brembana rischia di perdere un pezzo importante della propria storia sindacale: mercoledì 31 ottobre infatti la dirigenza della Alstom Grid di San Pellegrino (ex Areva) ha ufficializzato, in un incontro con le Rsu e i sindacati di categoria di Uilm Uil e Fim Cisl, il trasferimento di tutta l’azienda (in cui lavorano 50 dipendenti) nel sito di Alstom Transport (settore ferroviario) di Sesto San Giovanni, dove sono già occupati circa 900 dipendenti.

"Una scelta – ha spiegato Damiano Bettoni, della Uilm, al termine delle assemblee con i lavoratori, dettata dalla necessità di reperire professionalità adeguate difficili da trovare in un territorio montano e di compattare la proposta aziendale alla clientela".

"Pur non trattandosi di una chiusura – ha aggiunto Bettoni – come sindacato esprimiamo tutta la nostra preoccupazione per la distanza del sito e per l’impoverimento del tessuto produttivo in valle anche perché questi lavoratori possiedono tutti un’alta professionalità". I sindacati hanno chiesto all’azienda di aprire subito una trattativa per spiegare nel dettaglio le strategie aziendali e le garanzie a tutela dei lavoratori. Per lunedì 5 novembre è stato intanto proclamato uno sciopero le cui modalità saranno decise nelle prossime ore.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ex dipendete Alstom FIR

    Da questa azienda sono usciti fior fiore di tecnici invidati da tutte le aziende, la maggior parte erano tutti provvenienti dalla valle e da zone limitrofe.
    Peccatto per i giovani se anche questa azienda chiude.

  2. Scritto da ex elettore

    Ma il sindacalista parla a nome della Direzione? Dalle sue dichiarazioni sembrerebbe proprio di si… Cosa c’entra il territorio montano con il fatto di reperire professionalità adeguata? Ridicolo, è proprio vero che il sindacato è il male delle aziende…..
    Fuori i sindacati dalle aziende!

    1. Scritto da cicco

      il sindacalista trasmette quello detto dalla direzione … non voterai piu ma il cevello tienilo acceso ancora!!!

      1. Scritto da ex elettore

        Ma allora a cosa servono i sindacalisti? A fare i portaborse e voce delle direzioni? Che vada direttamente in assemblea il responsabile del personale a parlare con dipendenti. Fuori i sindacati dalle aziende, tutta gente mai presente sul lavoro da mantenere. Italia paese piu sindacalizzato al Mondo con i salari piu bassi d’Europa, apri gli occhi Ciccio…

        1. Scritto da ciccio

          se i sindacati non hanno piu potere contrattuale forse e’ dovuto anche al fatto che gli iscritti sono ormai pochi e gli altri criticano … poi va be ce’ la CISL che … meglio lasciar perdere CIAO

        2. Scritto da Valligiano

          Chiamate anche il sindaco “mediatore” che ha già dato una mano ai sindacati e alla san pellegrino a spostare le bibite in lattina a Padova, così non manca nessuno! Povera valle brembana!