BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ghelfi, grande rimonta e quarto posto allo Junior Rally

Lori Ghelfi della Giesse Promotion parte male ma si rende autore di una fantastica rimonta di venti posizioni, confermandosi al quarto posto assoluto. La scuderia è ora al tredicesimo posto nella classifica generale.

Più informazioni su

Loris Ghelfi e Gianluca Marchioni sono stati grandi protagonisti, durante il fine settimana appena concluso, alla prima edizione dello Junior Rally, gara che si è disputata con formula sperimentale sulle colline laziali. L’equipaggio della scuderia orobica Giesse Promotion si è distinto con una gara di altissimo livello considerando la non conoscenza delle strade e del mezzo a sua disposizione, una Subaru Impreza R4 della Ferniani Racing.

Su un fondo reso scivoloso dallo strame, Ghelfi e Marchioni hanno perso parecchio tempo nel corso della prima prova speciale a causa di una sbandata, alla quale i due hanno rimediato solo dopo una cinquantina di secondi: “Ci siamo girati in fase di accelerazione all’uscita di un tornate- dice Ghelfi- ma il problema è che la retromarcia non voleva saperne di entrare e così abbiamo perso quasi un minuto. Peccato, ma è pur vero che le corse vanno anche così; è stata comunque un’esperienza fantastica che ci ha permesso di conoscere nuove realtà diverse dalla nostra e ovviamente, altri sportivi appassionati”.

In merito alla vettura Ghelfi ha poi aggiunto: “La Subaru è stata perfetta: una vettura fantastica in grado di regalare emozioni fortissime: il team Ferniani ha lavorato parecchio su questa R4 ed il fatto di aver segnato tempi vicini ai primi assoluti ne è indicativo”. Esclusa la prima prova Ghelfi e Marchioni hanno infatti collezionato per tre volte la quarta posizione assoluta. Alla conclusione della gara la classifica li vede in 13° posizione generale. “E’ stata davvero una bella esperienza – afferma Marchioni – anche perché abbiamo portato in giro il “calore” delle nostre terre: il nome della Valtellina campeggiava sul cofano della vettura ed il fatto che sia stato notato da molti ci riempie di orgoglio”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.