BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Corteo Honegger ad Albino: lunedì l’incontro con le banche

Mercoledì mattina di protesta, ad Albino, per i 358 dipendenti dell'azienda che, dopo l'annuncio della chiusura della stessa, rischiano il posto. Lunedì l'incontro con le banche, l'ultima ancora di salvezza per il Cotonificio.

Più informazioni su

Tra striscioni, fischi, botti, ad Albino mercoledì mattina si sono ritrovati circa 150 lavoratori dell’Honegger che rischiano il posto dopo l’annuncio, pare definitivo, di chiusura dello stabilimento.

L’ultima chance resta la possibilità che le banche sostengano il Cotonificio storico aiutando il territorio intero oltre ai 358 dipendenti.

E l’incontro con le banche, annuncia Gigi Bresciani, segretario della Cgil di Bergamo che è in corteo con i lavoratori, è previsto per lunedì prossimo: "Fino ad allora saremo tutti mobilitati a oltranza a chiedere luce su una situazione davvero  preoccupante".

 

Seguono aggiornamenti

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da crisi profonda

    Un altro pezzo della storia della bergamasca che scompare !
    Ormai a quanto pare l’unica attività che non conosce crisi ed è sempre in attivo è la politica partitica; non passa giorno che non si leggano notizie di immensi guadagni e patrimoni costituiti con i soldi dei cittadini contribuenti, ci si chiede fino a quando durerà questa situazione ?

  2. Scritto da gri

    il corteo dovete farlo a roma e circondare montecitorio la maggior parte delle colpe l anno fatta i nostri politici in primis MONTI e chi lo sostiene e cè pure gente chi li vota ancora vedere sicilia …