BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dopo un inseguimento arrestato componente della banda dell’Audi fotogallery

In manette uno dei componenti della banda dell'Audi. Dopo un inseguimento i carabinieri di Urgnano hanno acciuffato un albanese di 28 anni. Sull'auto la refurtiva di tre colpi messi a segno nella sera di lunedì.

Più informazioni su

È scattato all’ora di cena l’intervento dei carabinieri di Urgnano che ha portato all’arresto di uno dei malviventi della banda dell’Audi. Lunedì 29 ottobre, poco dopo le 19.30, la telefonata alla stazione dei carabinieri di Urgnano che denunciava il furto in un’abitazione in via Colleoni, nella zona della Basella.

Una pattuglia dei militari dell’Arma arriva nel quartiere di recente costruzione costellato di villette a schiera, nota un’Audi S3 nera, lo stesso modello più volte segnalato nelle ultime denunce alle Forze dell’Ordine. Un veloce controllo alla targa rivela che l’auto non è la stessa, ma i militari stanno appostati in zona e colgono sul fatto tre uomini che fuggono da una villetta a schiera con dei borsoni.

Scatta l’intervento. I tre banditi cercano una via di fuga, ma i carabinieri non mollano e alla fine acciuffano uno dei tre malviventi che sferza calci e pugni al militare. Alla fine un appuntato ha la meglio, anche se riporta ferite per otto giorni di prognosi. In manette finisce un albanese, regolare, con residenza a Pioltello, nel milanese: P.A. di 28 anni che nella mattinata di martedì 30 ottobre sarà processato per direttissima.

Gli altri due banditi sono fuggiti lasciando l’Audi S3 con la refurtiva degli ultimi colpi, solamente ieri sera avevano ripulito tre abitazioni nella zona di Urgnano.

Nel bagagliaio: computer portatili, oro, gioielli, telefonini. E gli attrezzi per scassinare: un piccone, una mazza, cacciaviti modificati e pile.

“Chiediamo ai cittadini di segnalarci ogni situazione sospetta – afferma il capitano Antonio Berardi, comandante compagnia dei carabinieri di Treviglio – le nostre pattuglie sono sempre in zona e possiamo arrestare e consegnare alla giustizia questi malviventi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.