BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sicurezza a Mozzo “Due occhi sono meglio delle telecamere”

Appello del Comune di Mozzo sul problema sicurezza. L’amministrazione ha diffuso un comunicato che invita i cittadini a tenere gli occhi aperti e costruire relazioni per tenere lontano i ladri.

Appello del Comune di Mozzo sul problema sicurezza. L’amministrazione ha diffuso un comunicato che invita i cittadini a tenere gli occhi aperti e costruire relazioni per tenere lontano i ladri. Un avvertimento chiaro dopo i furti messi a segno negli ultimi tempo nel paese dell’hinterland. Le forze dell’ordine hanno intensificato il presidio sul territorio per evitare nuovi episodi di malvivenza. “Come in altri luoghi della nostra provincia anche nella nostra piccola realtà di Mozzo stanno avvenendo reiterati tentativi di furto a danno delle nostre abitazioni – si legge nel comunicato dell’amministrazione -. Questi tentativi ultimamente si stanno concentrando verso le ore serali dalle 18 alle 22, proprio per questo le forze dell’ordine (polizia locale, carabinieri, polizia) in questi giorni stanno presidiando il nostro territorio in ambito preventivo. Questo grazie ad un progetto che l’amministrazione comunale sta da tempo costruendo e portando avanti in stretto contatto con tutti gli organi istituzionali preposti al controllo e alla sicurezza del territorio, che sta decisamente portando i primi frutti. Buona norma è vigilare sempre il nostro territorio e nella possibilità avvisare e segnalare al numero telefonico 112 eventuali movimenti sospetti tenendo gli occhi aperti anche su tutte le abitazioni che ci circondano; le telecamere sono in grado di risalire ad eventuali sospetti laddove le immagini lo rendano possibile, ma due occhi sono meglio di una telecamera. Tutti i sistemi anti intrusione, “allarmi, telecamere, sbarre alle finestre, ecc.” sono degli ottimi deterrenti, ma lasciati soli non sempre sono sufficienti!

E nonostante la massiccia presenza di forze dell’ordine sul nostro territorio questi tentativi d’intrusione stanno avvenendo comunque. Essere vicini non significa solo abitare uno accanto all’altro, ma anche creare in qualche modo una “rete” di relazioni, di informazioni, di attenzione che faccia capire a chiunque cerchi di “forzarla” che non avrà vita facile! Si è visto come il miglior deterrente sia l’attenzione e l’aiuto che i cittadini stessi sono in grado di darsi tra loro e una popolazione che si mette in rete a protezione delle proprie case e del proprio territorio è quasi invalicabile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco R.

    Grazie,adesso ci sentiamo più sicuri dopo questo suggerimento,del resto l’amministrazione arancio-buonista non può fare la cattivona verso dei poveri delinquenti e delegano i cittadini,dopo il lavoro e aver pagato le tasse a non dormire per viglilare.Metti che tra loro c’e un immigrato,non possono essere tacciati di discriminazione.Con un sindaco catto-renziano tentennante,non è possibile chiedere di più.Di questi banali e inflazionati appelli di fare rete e relazioni ne abbiamo piene le tasche.Avete ignorato la situazione alle Crocette per tutta estate,ridimensionavate le segnalazioni.Prostitute e accessori è pieno in zona bowling,sveglia.I punti esclamativi nei vostri comunicati,irritano.

    1. Scritto da Pier

      Ma scusi sig. Marco (Reds) non vorrà dire che, pur abitando alle Crocette, Lei non si è accorto che è stato intensificato il controllo da parte dei carabinieri di Curno (sollecitati dai sindaci di Mozzo e Curno) e che… sono spariti gli spacciatori. Chi è che avrebbe ignorato la situazione? S’informi prima di dare inutilmente fiato alle tonsille. E come al solito si critica ma proposte… zero. Vero?

      1. Scritto da Marco R.

        sig.Pier,prevenire è meglio che curare,intanto i danni li abbiamo subiti aspettando una mossa dai responsabili della sicurezza,isindaci.Non sono situazioni occasionali,sono permanenti,intervieni alle Crocette,in ritardo,si spostano altrove.Prima a Mozzo regalavano le scarpe il risultato è che Mozzo è terra di nessuno,i furti sono in aumento,ripeto e segnalo la zona bowling è uno schifo.In comune devono aspettare le proposte dai cittadini perchè loro,eletti e retribuiti,non sono in grado di gestire le situazioni per tempo?Se chi governa arriva dopo i cittadini, non è di gran aiuto.Visto che lei è vicino al sindaco e non desidera le critiche, suggerisca di anticipare i problemi ben conosciuti