BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Elezioni in Sicilia, Movimento 5 stelle primo partito

Prosegue il trend che da' come vincente alle elezioni siciliane il candidato di Pd, Udc, Psi e Api, Rosario Crocetta. Quando sono state scrutinate 1.082 sezioni su 5308 totali l'ex sindaco antimafia totalizza il 31,44% delle preferenze.

Più informazioni su

Prosegue il trend che da’ come vincente alle elezioni siciliane il candidato di Pd, Udc, Psi e Api, Rosario Crocetta. Quando sono state scrutinate 1.082 sezioni su 5308 totali l’ex sindaco antimafia totalizza il 31,44% delle preferenze, lasciando il suo rivale Nello Musumeci, candidato del centrodestra al 26,11%. Il grillino Giancarlo Cancelleri si conferma terzo con il 17,55% dei voti, seguito con il 14,99 delle preferenze il leader di Grande sud, Gianfranco Micciche‘. Per la candidata di Idv, Sel, Federazione della Sinistra e Verdi, Giovanna Marano si ferma al 5,28%.

Fuori dall’Assemblea regionale siciliana Sel, Idv e Fli. Quando sono state scrutinate 1.447 sezioni su 5.308, infatti, i tre partiti non superano lo sbarramento del 5%, attestandosi rispettivamente al 3%, 3,11% e al 4%. Il primo partito sarebbe, invece, il Movimento Cinque stelle, che raggiunge il 14,5%, lasciando parecchio dietro il Pd, che si attesta al 13,8% e il Pdl, fermo al 12,7%. L’Udc raggiungerebbe quota 10,8% e Cantiere popolare 5.7. Per il Partito dei siciliani del governatore siciliano dimissionario Raffaele Lombardo le preferenze si fermerebbero al 9,4% e per Grande sud al 6,3%.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da spike 5stelle

    Chi si stupisce della nostra affermazione? E’ evidente che i partiti sono istituzioni strutturalmente ormai corrotte. E intendo TUTTI I PARTITI, soprattutto quelli che hanno FINTO sinora di fare opposizione. In questo momento, non riescono nemmeno a tirare insieme liste decenti. Da che parte sta l’antipolitica?
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/10/27/elezioni-in-sicilia-lista-dei-candidati-impresentabili-a-palazzo-dorleans/395854/

  2. Scritto da Jeff

    Chiunque vinca in sicilia l’unica soluzione che abbia un senso è tagliargli i viveri .

  3. Scritto da Mah!?

    Se prosegue così Sel e Idv che si sono presentati in coalizione ottenendo per adesso il 6% totale vengono buttate fuori perchè lo hanno fatto come singole liste separate e non superano ciascuna lo sbarramento del 5% . Quando si è così sprovveduti è giusto che vada così , peccato per quell’oltre 6% di siciliani vittime dell’incompetenza.

  4. Scritto da gio

    una mazzata sonora alla classe politica italiana che vogliono solo le nostre tasse e continuano a pagarsi vitalizi come reucci e magnano su ogni appalto

    1. Scritto da De Che ?

      Scusa, dove la vedi la mazzata sonora ? Se a musumeci e miccichè aggiungi l’udc (che solo occasionalmente è dall’altra parte ….. ) hanno vinto loro , alla faccia degli astenuti e di chi vorrebbe una sicilia appena decente.

  5. Scritto da fonzie

    La mafia in sicilia le elezioni non le perde mai……vero piddini alleati dell’udc?

    1. Scritto da Eeh se !

      Con un briciolo d’intelletto si potrebbe fare un ragionamento rovesciato, ma l’avversario non sono i vari miccichè &C , è il Pd , vero ? Tanciapetpiòderacc.

  6. Scritto da MammaMia!

    Se va avanti così Musumeci + Miccicchè sommati sono al 41% , basta che prelevino l’11% dell’UDC nello schieramento opposto e comandano sempre loro , quelli della sicilia più devastante, sempre quelli . Grazie agli astutissimi che non vanno a votare , che è esattamente come se votassero per il vincitore.