BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo per Bersani Noi 40 comitati, loro metà 1200 firme in tre giorni

“Torneremo in piazza, con i volontari e con i gazebo”. Bergamo per Bersani inizia la volata della campagna elettorale annunciando una serie incontri sul territorio. La data non c’è ancora, ma l’appuntamento principe sarà proprio con il segretario nazionale.

Più informazioni su

“Torneremo in piazza, con i volontari e con i gazebo”. Bergamo per Bersani inizia la volata della campagna elettorale annunciando una serie incontri sul territorio. La data non c’è ancora, ma l’appuntamento principe sarà proprio con il segretario nazionale Pierluigi Bersani, che ha dato la disponibilità per un incontro in Bergamasca. Si parte venerdì 2 novembre con Andrea Orlando, presidente nazionale del forum giustizia Pd, ospite a Romano di Lombardia per parlare di legalità e trasparenza. Nel pomeriggio lo stesso Orlando incontrerà a Bergamo i rappresentanti delle associazioni forensi con Roberto Bruni. Lunedì 5 nella sede del comitato è previsto l’incontro con Matteo Colannino, responsabile Impresa del Pd, mentre giovedì 8 novembre è invece il turno di Stefano Fassina, responsabile nazionale economia del Partito democratico, a Nembro, nel cuore della Valseriana falcidiata dalla crisi, per parlare di “Lavoro, persona, impresa”. I bersaniani tornano quindi a marciare sul territorio dopo il successo delle “Cento piazze”. I gazebo saranno protagonisti da qui alla data delle primarie per lanciare le dieci proposte nazionali e per raccogliere i suggerimenti dei cittadini. In parallelo al lavoro territoriale stato creato anche un gruppo di lavoro per approfondire i temi dell’agenda Bersani in relazione alle peculiarità della Bergamasca. E’ composto da Chiara Drago, Marco Caglioni, Raffaella Comotti, Matteo De Capitani, Marianna Limonta, Marco Oldrati, Tobia Perini, Stefano Borani, Enrico Tombini, chiamati ad approfondire settimanalmente uno dei temi dell’agenda Bersani (lavoro, uguaglianza, sapere, diritti, sviluppo sostenibile, beni comuni, politica rinnovata, Europa), elaborando documenti e studi, confrontandosi anche con personalità esperte nei vari settori e vicine alla proposta Bersani.

La conferenza stampa è stata l’occasione per sfoderare qualche numero. “Abbiamo raccolto 1200 firme e costituito più di 40 comitati – spiega Sergio Gandi, uno dei portavoce di Bergamo per Bersani – c’è chi fa gli eventi, noi invece dimostriamo di essere davvero sul territorio. Rispetto ai renziani abbiamo raccolto più del doppio delle loro firme e i loro comitati sono la metà. Ci sono molti cittadini che vogliono incontrare i rappresentanti sul territorio e li trovano”. Nota finale curiosa, sempre a proposito delle tanto chiacchierate cene. Anche i bersaniani lanceranno qualche “banchetto” di autofinanziamento, molto diversi rispetto al format renziano di giovedì scorso. Il primo appuntamento è infatti ad Almenno San Bartolomeo al modico prezzo di 15 euro, guarda caso dieci volte meno di quanto speso dai partecipanti al “patto della Marianna”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sascha

    Il chiasso mediatico e l’ammiccamento ai portafogli medio alti non sono stile pd. Questo “nuovo” è più simile all’apparato pdl. Quando la sinistra tenta di copiare la destra fa flop; non ci riusciranno mai,. lorsignori sono gli originali. Non mi si dica che tutti quelli della Marianna sarebbero disposti a registrarsi per le primarie, non ci credo. 2 euro contro 150 fanno una bella differenza.

  2. Scritto da Il "dolce" stil novo

    Lo stile è differente, come pure sono diversi gli interlocutori scelti. Qui si valorizza il contatto con la gente comune, da altre parti si predilige il rapporto con un ceto medio- alto capace di spendere cifre notevoli per una serata.

  3. Scritto da Curioso

    Spero che non vada a finire come nel PDL al congresso. Secondo bg news e i suoi dati piccinelli avrebbe dovuto stravincere. Avrebbe……….

  4. Scritto da Pietro

    Invece secondo il mio modesto parere questo è un grande risultato!Se pensiamo al clima di anti politica che si respira nel Paese,raccogliere 1200 firme in poche ore (perché così è stato:le firme sono state raccolte nei giorni di giovedì e venerdì,quando la maggior parte delle persone lavora…) non è poco.E poi vorrei sottolineare una cosa:Renzi spende e spande denaro ovunque,i bersaniani fanno i gazebo e girano tra la gente,autofinanziandosi anche i manifesti.Mi sembra un bel segnale di sobrietà,non le cene alla Marianna da 150 euro…

  5. Scritto da dubbio

    …io ne ho piu’ di tèèèè-è….asilo mariuccia

  6. Scritto da Luca

    1200 firme in tre giorni?????????? Un successone devo dire! Complimenti

  7. Scritto da ct

    che tutto il vecchio apparato di potere abbia solo il doppio delle firme del nuovo gruppo che lo vuole rottamare, non mi sembra un grande risultato…

  8. Scritto da giustino

    io sono bergamasco e NON SONO PER BERSANI

    1. Scritto da Mah !?

      Ecchissenefrega , per altro hai fatto un altro intervento in altra sezione del forum e sei palesemente della lega, non è che sei obbligato a intervenire su tutto . Anch’io non sono per il trota …..

  9. Scritto da "Non col vento"

    L’ostentazione di tanta “militanza” e la polemica verso i renziani sono stucchevoli e rivelano una certa insicurezza.