BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Statue antiproibizioniste per la festa del raccolto Donizetti fuma uno spinello

Azione goliardica degli attivisti del Pacì Paciana per lanciare la festa del raccolto 2012. Alcune statue di Bergamo sono state fornite di spinelli. Ecco così Donizetti e Torquato Tasso farsi una fumata collettiva.

Più informazioni su

Azione goliardica degli attivisti del Pacì Paciana per lanciare la festa del raccolto 2012. Alcune statue di Bergamo sono state fornite di spinelli. Ecco così Donizetti e Torquato Tasso farsi una fumata collettiva.

"Numerose statue di Bergamo hanno deciso di venire allo scoperto: anche loro consumano sostanze stupefacenti! Nella notte fra mercoledì 24 e giovedì 25 ottobre, in preparazione alla Festa del Raccolto 2012, si sono organizzate per una bella fumata collettiva, alla faccia della legge Fini-Giovanardi. Torquato Tasso, Gaetano Donizetti e gli altri personaggi rappresentati dalle statue sparse per la città si sono accese degli spinelli per disobbedire a una legge ingiusta, che costringe i consumatori di sostanze alla clandestinità reprimendoli in maniera pesante e arricchisce il mercato delle narcomafie. Anche loro, come tutti gli antiproibizionisti e le antiprobizioniste bergamasche, vogliono una città più libera, più aperta, vogliono un approccio laico e non ideologico alle sostanze, vogliono politiche di legalizzazione delle droghe leggere e nel contempo non vogliono che, come ora, le carceri siano riempite da semplici consumatori. Una presa di parola consapevole da parte di chi per sua natura di solito se ne sta zitto e fermo, volta a testimoniare che anche chi è di solito un po’ “ingessato” probabilmente due tiri di canna ogni tanto se li fa. Giusto o sbagliato non può essere reato!"

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Bgman

    Se si fermassero a questi atti dimostrativi e goliardici non sarebbe certo una tragedia per la giustizia, la cosa grave è che poi organizzano e pubblicizzano un party a base di marijuana e nessuno li tocca.
    Invito chiunque di voi comuni cittadini a promuovere per il vostro quartiere una festa a base di marijuana e vediamo quanto ci mette la finanza ad arrivarvi in casa.
    QUESTI sono PRIVILEGI POLITICI.

    Chi non lo ammette è stupido o bugiardo.

    1. Scritto da Francesco

      Non sono privilegi politici ma siccome la festa si svolge in uno spazio AUTOGESTITO all’interno si può fumare, le persone come te proibizioniste e con la mentalità del duecento mi fanno salire il nazismo, prima di parlare informati così eviti di fare la figura da pirla come hai appena fatto.

  2. Scritto da Andrea Lombardi

    Se qualcuno avesse avuto dei dubbi, ecco la rivendicazione che ufficializza i privilegi di qualcuno. Fosse solo scavalcare qualche legge, il loro privilegio… ma ci vogliamo dimenticare che quando viene Fiore “per parlare e non far male a nessuno” (come loro dicono di non far male a nessuno fumando) qualche macchina viene sfasciata e la città viene messa sottosopra?
    R.I.P. Stato di diritto. Mica per colpa loro, no. È solo nostra.

  3. Scritto da Eugenio

    Il tollerare questi atti di vandalismo e farli passare per goliardate sono il sinonimo di quella vera decadenza culturale che sta investendo l’Italia. Ed il giustificarle poi ha del farneticante. D’altra parte è noto come alcuni sono impuniti ed impunibili in Italia. Solo perché legati alla sinistra.

  4. Scritto da Maverik

    Fumare spinelli non è reato e appoggiare una finta canna a delle statue nemmeno

  5. Scritto da Ivan

    Evviva l’amore!
    fate l’amore e non la guerra ragazzi che la vita è breve
    buona serata
    – PeacE&LovE –

  6. Scritto da white

    come sempre c’è molta più ignoranza dietro i soliti,sgonfi commenti dei “perbenisti” e paladini della giustizia rispetto che il gesto goliardico,provocatorio,innocuo compiuto da persone cha la testa la usano molto più di altre… e piantatela con i commenti tipo”che se ne vadano a lavorare”…qsto binomio antagonista-lazzarone disoccupato la dice lunga su qto vuote siano le vostre teste.

  7. Scritto da donizzetti

    Donizzetti si fuma gli etti

    1. Scritto da micio

      Donizetti con una zeta

      1. Scritto da Camillo Benso

        ha fumato talmente tanto che ha deciso di cambiare il cognome all’anagrafe

  8. Scritto da Lucky

    Poveracci. Hanno talmente necessità di visibilità che non hanno rispetto x nulla.

  9. Scritto da Tommy

    Ol buter… E fatti una risata… Anzi una fumata!RILASSATI!!!

  10. Scritto da Simone

    Speriamo che tramite le telecamere di sicurezza sparse in tutta Bergamo rintraccino i colpevoli, li multino e gli facciano pagare le spese sostenute dal comune per togliere gli spinelli.
    Speriamo anche che le forze dell’ordine facciano perquisizioni e controlli a tappeto fuori dal centro sociale .

    1. Scritto da Fubalista

      spese sostenute da comune per togliere gli spinelli?…ma bevi meno grappini dopo pranzo!!

    2. Scritto da Diegone

      Che ridicole le telecamere! Non servono proprio a niente, si può identificare (forse) i responsabili, ma ormai la frittata è fatta. Soldi buttati.

    3. Scritto da ste

      “le spese sostenute dal comune per togliere gli spinelli”…Ahaha…ma per favore….

    4. Scritto da Camillo Benso

      chissà che spese avrà sostenuto il comune per togliere 6 spinelli di carta… magari ha già dei dipendenti pubblici atti alla manutenzione già stipendiati, no?
      Già che ci sono le forze dell’ordine dovrebbero fare controlli a tappeto fra chi abusa di psicofarmaci e poi scrive sul web…

      1. Scritto da Simone

        Si ma quelle persone non sono pagate per rimediare all’inciviltà delle persone. Mi dispiace ma fare abuso di psicofarmaci e scrivere sul web non è reato, può stare tranquillo. Quelli che si fumano le canne e imbrattano la città invece dovrebbero preoccuparsi se fossi io la persona preposta a gestire il loro controllo.

        1. Scritto da Camillo Benso

          alà giustiziere della notte!

  11. Scritto da ol buter

    ennesima azione scriteriata di questi “pseudoattivisti” figli di papà! stavolta è la goccia che ha fatto traboccare il vaso. spero che le belle arti o chi per essi si mobiliti contro questo scempio e passino ad azioni legali contro questi delinquenti. certe persone oltre che il rispetto per gli altri hanno perso anche il rispetto per l’arte dimostrando al mondo intero la propria ignoranza. che si mobilitino questura, prefetto, questi vanno sgombrati e internati quanto prima!

    1. Scritto da dovrebbero....

      …mobilitarsi anche i sommozzatori gli alpini e sgarbi!

    2. Scritto da Camillo Benso

      Ol buter, sembra che questa scottante questione sia stata al centro del dibattito fra Romney e Obama…
      Ma scusa, “internamento” per cosa? internamento dove?
      Ah, la roba del “figli di papà” non regge più, te pensa al tuo giardino fatto di tangenti, ndrangheta, nepotismo, compravendite di voti, ecc…

      1. Scritto da ol buter

        il mio giardino caro conte è pulitissimo. niente tangenti, niente ‘ndrangheta, niente favoritismi e niente trattamenti speciali. io sto con la legalità e i miei valori si basano sul rispetto degli altri e dei beni comuni, cosa che probabilmente te e i tuoi amichetti paraculati non avete. se non avete di meglio da fare andate a lavorare.

        1. Scritto da Camillo Benso

          cos’è questa storia del rispetto, chi ha messo due spinelli di carta sulle statue ti ha defecato sullo zerbino? I “beni comuni” sono altro rispetto a qualche statua (che mica è stata presa a martellate).
          Io lavoro una media di 48 ore la settimana, pago le tasse (tutte, in quanto lavoratore dipendente) e mio padre ha iniziato a lavorare in fabbrica a 15 anni. Te invece? scommetto lavori in miniera…

          1. Scritto da ol buter

            anch’io pago le tasse,anche quelle che servono per ripulire gli zerbini altrui delle tue feci,dei tuoi spinelli di carta,dei tuoi concerti e dello spazio comunale di cui godi senza averne diritto.e farmi il culo 9 ore al giorno per pagarti il parco giochi proprio non mi va.forse le 48 ore al giorno non ti bastano o forse la tua miniera di borotalco non è abbastanza dura,ti ci vorrebbe qualcos’altro,forse dovresti solo provare a piegare la schiena e iniziare a fare qualcosa di serio,sensato e costruttivo con i tuoi soldi e con le tue forze.se ne varrà la pena son sicuro che capirai quanto è bello fare sacrifici per realizzare i propri desideri.ma campare alle spalle degli altri non lo accetto

          2. Scritto da ma...

            …sei una persona proprio infelice! ci dispiace tanto! per risollevarti il morale e forse anch qualcos altro passa dal csa questa sera che la festa continua ;)

          3. Scritto da sei chuck norris?

            amen