BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Difendi la Tessera? Allora non mettere più le nostre fotografie”

La Curva Nord atalantina contro il direttore del giornale Fan's Magazine, l'organo d'informazione del mondo ultrà, che nel suo ultimo numero ha aperto allo strumento di fidelizzazione attuato da Maroni: "La Tessera del Tifoso non si può giustificare".

Più informazioni su

La Tessera del Tifoso continua a far discutere. E questa volta porta una spaccatura tra la Curva Nord di Bergamo e Fan’s Magazine, il giornale che da più di 15 anni pubblica foto e articoli sul mondo degli ultrà. Vero e proprio punto di riferimento per le frange più calorose delle tifoserie, l’organo d’informazione campano nel suo ultimo numero l’ha combinata davvero grossa: il direttore della testata Gianluigi Carlino, infatti, avrebbe fatto andare su tutte le furie il direttivo della Nord nerazzurra con quel suo editoriale scritto, in modo chiaro e netto, in apertura della Tessera del Tifoso.

“Nel 2012 tutti siamo costantemente monitorati – si legge nell’articolo – e l’ultrà, quello vero per antonomasia, non si deve far fermare dalla tessera e deve andare in trasferta. Aspettare fuori dallo stadio e, quindi, arrendersi significa solo far vedere che lo Stato ha vinto la sua illegittima battaglia contro il movimento. E questa non è altro che una resa. A quelli che sostengono che questa lotta va portata avanti per i diffidati (che non possono tesserarsi) rispondo che non si porta avanti una battaglia combattendo contro un’utopia. Perché di utopia si tratta. Tornelli? Tessera del Tifoso? Chissenefrega: difendiamo il movimento andando i trasferta e facendo gli ultrà”.

Parole che non sono affatto piaciute al direttivo della Nord che, come si legge sul Giornalino della curva distribuito domenica in occasione di Atalanta-Siena, una volta letto l’articolo si è subito dissociato dalle affermazioni, chiamando la redazione e chiedendo espressamente che non vengano più pubblicate foto della curva atalantina su Fan’s Magazine. “La Tessera del Tifoso non si giustifica – hanno scritto quelli della Nord -. E al signor Carlino rimarchiamo che l’obiettivo della nostra protesta è e rimane l’articolo 9, quello che vieta l’ingresso negli stadi a coloro che hanno ricevuto una diffida. Le trasferte ci mancano come l’ossigeno e non abbiamo bisogno dell’illuminato di turno che salti fuori con la sua dose di verità rivelata in tasca, esibendo inoltre un certo atteggiamento di superiorità che non ci saremmo mai aspettati da una persona abbastanza conosciuta a Bergamo qual è il signor Carlino”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Aladin

    L’articolo 9 è una forzatura,chi sconta la pena dovrebbe poter rientrare allo stadio. Poi in caso di recidiva interdizione a vita. Comunque qua sembra che il problema sia la repressione,come se gli ultrà debbano aver chissà quale immunità solo per il fatto che la violenza rientra nel loro “stile di vita” che secondo loro va rispettato. Il giornalista menato dal bocia (impunito) passa per “verme” e guai a difenderlo. C’è qualcosa che non torna.O no?

  2. Scritto da pierpa

    differenze in italia, o meglio a BG.. IO sono stato denunciato perchè ho reagito ad un tentativo di furto, accortomi mi son azzuffato con il ladro, arrivata la polizia si cerca di chiarire ma finisco a processo (risultato poi innocente ma con le spese del caso) denuncia non voluta dalla questura ma dal procura (grazie). Un noto tifoso picchia un giornalista, lo sà tutta bergamo ma conseguenze zero, nessuna denuncia, niente di niente. E nel caso avrebbe usato soldi che gli altri tifosi lasciano alla festa estiva della Dea. Questo mi fà davvero arrabbiare e schierare a priori..

  3. Scritto da gaaren

    bisognerebbe che le istituzioni avessero il coraggio di far partire tutto dall’anno zero…dire cioe’ che da adesso siamo tutti liberi di andare allo stadio ma alla prima cazzata si paga per sempre…pero’ per cazzata non intendo l’accensione di un fumogeno o una torcia..
    praticamente darei a tutti una nuova possibilita’..

    1. Scritto da sb

      niente da fare, ne avete avute di possibilità tolleranza zero

  4. Scritto da SHERWODD

    La tessera sarebbe sacrosanta se fosse applicata in tutta Italia, ma le regole non sonoufguali per tutti……

  5. Scritto da poeret

    la tessera è una caxxata.. ma anche che qualcuno parli per tutta la curva!! A me non frega se mi fotografano, nessuno ha eletto nessuno a capo, quindi parlare ognuno per se?..ma fà più comodo parlare di gruppo, ci si nasconde meglio. NO alla TDF, ma NO anche al pensiero unico..ognuno prenda le sue responsabilità

    1. Scritto da sb

      condivido e l’arroganza di certi tifosi che si autoproclamano imperatori della curva sono da allontanare perchè sono loro il vero problema del calcio

  6. Scritto da luca

    Tone Tone…hai capito proprio tutto tu…chi è sotto diffida non entra…il problema è che chi ha scontato la diffida, tra l’altro spesso assolto a processo (guardati un po le statistiche…), non puo rientrare in curva anche quando ha pagato il suo debito con la giustizia.

  7. Scritto da simone

    x Tone: sveglia! si stava parlando di diffide già scontate! l’articolo 9 vieta l’ingresso negli stadi, a discrezione della Questura di turno, a tutti coloro che hanno ricevuto negli ultimi anni una diffida o simili pur avendola già scontata! Più o meno è come se uno che ha ricevuto una multa per eccesso di velocità gli venga revocata a vita la patente nonostante abbia già pagato multa e affini…

  8. Scritto da lore

    hai sbagliato e paghi… complimenti per l’elasticità mentale…

    1. Scritto da Tone

      Beh, certo, siamo in Italia: hai sbagliato e vediamo di chi sei parente o amico. Complimenti per la faccia di bronzo con cui la chiami elasticità.

      1. Scritto da lore

        faccia di bronzo? penso che non hai capito quello che volevo dire…intendo che deve esserci una giusta e adeguata proporzione tra lo sbaglio e la pena, cosa centrano parenti e amici?è ovvio che chi sbagli deve pagare per le sue responsabilità, ma di sicuro qualcosa andrebbe rivisto; ti invito se vuoi a leggere l’articolo 9 poi capirai meglio le argomentazioni della Curva “contro” la tessera del tifoso, condivisibili o non che siano…ciao

  9. Scritto da Tone

    L’obiettivo della protesta di alcuni ultras è permettere l’ingresso negli stadi a coloro che hanno ricevuto una diffida? Col cavolo, hai sbagliato e paghi. Lunga vita alla tessera del tifoso, che, tra l’altro, ha sensibilmente diminuito le bullerie da curva.

    1. Scritto da pippo1907

      SCONTATO LA PENA SONO UN UOMO LIBERO O COLPEVOLE TUTTA LA VITA !!!!!!!!

    2. Scritto da giorgio

      l’obbiettivo e ‘ permettere l’ingresso negli stadi dopo aver scontato la diffida, quindi dopo aver pagato.

  10. Scritto da Luciano Avogadri

    Spero per lui che l’ossigeno gli sia più utile della trasferta.