BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Costantino 313 d.C.” Omaggio all’imperatore della convivenza religiosa fotogallery

“Costantino 313 d.C.” l'allestimento proposto al Palazzo Reale di Milano, da oggi fino al 17 marzo 2013, celebra l'imperatore che con l'Editto di Milano sulla libertà di culto volle sancire la tolleranza e la possibile convivenza di fedi diverse in un unico Stato.

“Costantino 313 d.C.” è il titolo della mostra che Milano mette in scena a Palazzo Reale da oggi – giovedì 25 ottobre 2012 – al 17 marzo 2013. Come dire un allestimento che, celebrando l’Editto di Milano sulla libertà di culto emanato dall’imperatore romano d’Occidente Costantino, ben mille settecento anni dopo si annuncia come un vero evento culturale per farci scoprire il tempo della tolleranza e della possibile convivenza di fedi diverse. In particolare un editto con il quale il Cristianesimo, dopo secoli di persecuzioni, veniva dichiarato lecito, inaugurando così un periodo di tolleranza religiosa e di innovazione politico-culturale.

Il rescritto (una risposta data a un quesito), infatti, riportava: “Noi, dunque Costantino Augusto e Licinio Augusto abbiamo risolto di accordare ai Cristiani e a tutti gli altri la libertà di seguire la religione che ciascuno crede, affinché la divinità che sta in cielo, qualunque essa sia, a noi e a tutti i nostri sudditi dia pace e prosperità”. Tuttavia al di là del fondamentale significato etico-culturale la mostra risulta imperdibile per gli oltre 200 preziosi oggetti d’archeologia e d’arte esposti con diversi inediti provenienti da musei e istituzione pubbliche sia italiane sia straniere.

Dal Kunsthistorisches Museum di Vienna fra l’altro, un anello con il Krismon (monogramma di Cristo), dal Victoria & Albert Museum di Londra, un raro frammento di stoffa ricamata con il Krismon pervenuta a noi dal V secolo. Dai Musei Capitolini di Roma in prestito la celebre statua di Elena seduta, che lascia Roma per la prima volta, dal British Museum di Londra un pendente in oro con moneta di Costantino e bustini in rilievo, mentre dal National Museum di Belgrado (Serbia) il Ritratto di Costantino 325-30 in bronzo con tracce di doratura.

Tra i dipinti rinascimentali che si ispirano alla leggenda di Elena e al rinvenimento della Croce a Gerusalemme, è da segnalare la Sant’Elena di Cima da Conegliano della National Gallery di Washington. Il percorso espositivo si declina, infatti, in sei sezioni che approfondiscono tematiche storiche, artistiche, politiche e religiose: dalla Milano capitale imperiale, alla conversione di Costantino, ai simboli del suo trionfo.

Sono evidenziati i protagonisti dell’epoca, l’esercito e i suoi armamenti, la corte, i preziosi oggetti d’arte e di lusso. Una importante sezione della mostra è dedicata a Elena, madre di Costantino, imperatrice e santa, per sottolineare la singolarità di questa figura femminile all’interno della corte imperiale e della storia della Chiesa. Curata da Gemma Sena Chiesa e Paolo Biscottini, progettata e ideata dal Museo Diocesano milanese l’iniziativa è promossa e prodotta da: Comune di Milano-Cultura, Moda, Design, Palazzo Reale e la Casa editrice Eletta che ne ha curato il catalogo.

Dopo Milano, la mostra proseguirà a Roma dal 27 marzo al 15 settembre 2013 nelle sedi del Colosseo e della Curia Iulia. Le celebrazioni dell’Editto di Costantino si terranno anche ad Aquileia nel corso del 2013.

Ines Turani

 

Orari della mostra di Milano, Palazzo Reale, Piazza Duomo 12:

lunedì 14.30-19.30; martedì, mercoledì, venerdì e domenica 9.30-19.30; giovedì e sabato 9.30 22.30.

Mostra chiusa nella giornata di lunedì 10 dicembre 2012.

Infoline e prenotazioni: telefono 02.54917 www.ticket.it/costantino

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.