BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Imprese bergamasche in prima linea per ridurre i consumi energetici fotogallery

L'Associazione Artigiani e Confindustria Bergamo hanno organizzato, dal 5 all’11 novembre, la Settimana per l'Energia che avrà come tema centrale quello della Smart City.

Dopo il “Patto dei sindaci”, impegnati ad aumentare l’efficienza energetica e l’utilizzo di fonti rinnovabili, arriva il “Patto delle imprese”, su iniziativa di Confindustria Bergamo che si è attivata affinché diventasse un progetto di Confindustria Lombardia.

“L’esperienza acquisita nell’ambito del ‘Covenant of Mayors’, che vede la nostra provincia protagonista assoluta a livello europeo – ha sottolineato il presidente degli Industriali Carlo Mazzoleni durante la presentazione alla stampa della Settimana per l’energia organizzata da Associazione Artigiani in collaborazione con Confindustria Bergamo – sarà un riferimento importante per il mondo delle imprese, non solamente industriali, che studieranno programmi a medio-termine di efficientamento energetico con finanziamenti a tasso agevolato della Banca Europea degli Investimenti”.

Del progetto si parlerà durante il convegno conclusivo della Settimana per l’energia, in programma alla Fiera di Bergamo l’11 novembre con inizio alle 9,30. "Dobbiamo far crescere la cultura dell’efficienza energetica – ha aggiunto Mazzoleni – tanto più che scontiamo un gap di competitività grandissimo. Il modello delle sinergie fra enti e istituzioni è vincente”.

La Settimana, in programma dal 5 all’11 novembre, giunta alla quarta edizione, si propone come momento di riflessione collettiva sull’energia e sui sistemi intelligenti per governare l’ambiente e in particolare le città.

Tema centrale saranno le Smart City, ovvero città intelligenti, che perseguono il miglioramento della vita degli abitanti e la qualità delle aree urbane agendo su aspetti squali l’economia, la mobilità, l’ambiente, le persone, gli stili di vita e la governance.

L’obiettivo è promuovere la cultura del consumo responsabile, nonché approfondire gli aspetti tecnici e normativi della green economy, creando anche occasioni di riqualificazione professionale e di orientamento scolastico verso professioni emergenti. Oltre a convegni, seminari e workshop sono previsti spettacoli destinati ai ragazzi e un palcoscenico permanente in Piazza della Libertà che ha l’obiettivo di coinvolgere i non addetti ai lavori proponendo esempi facili e divertenti di risparmio energetico.

Fra i protagonisti della Settimana (il cui programma è consultabile sul sito www.settimanaenergia.it) anche gli Ordini degli architetti e degli ingegneri, l’Università di Bergamo, il Comune e la Provincia di Bergamo.

“Su molti temi scontiamo un evidente ritardo – ha sottolineato il presidente dell’Ordine degli architetti Francesco Valesini – basti pensare al tema della mobilità, ma proprio per questo c’è la necessità di momenti di riflessione condivisa”.

“Ci vuole anche un pizzico di ottimismo – ha auspicato Benito Guerra, referente per l’energia di Confindustria Bergamo – perché proprio i costi crescenti dell’energia stimolano le innovazioni: dieci anni fa, per esempio non si parlava di energia aerotermica, che è oggi una realtà”.

L’importanza della sinergia e della collaborazione è stata ribadita anche dal presidente dell’Associazione Artigiani Angelo Carrara che ha insistito sulla necessità di scindere l’indice di sviluppo di un territorio con il suo consumo di energia e di far crescere una cultura diffusa, grazie alla quale sarà possibile cogliere meglio le opportunità di innovazione tecnologica. Di qui anche l’opera di coinvolgimento con le scuole, rappresentate dal dirigente provinciale Patrizia Graziani.

“Le imprese del nostro territorio apportano innovazione in questo ambito – ha sottolineato il rettore dell’Università di Bergamo Stefano Paleari – ed è un dialogo che deve condurci verso l’obiettivo di diventare la regione più sviluppata e al tempo stesso sostenibile”.

Rossana Pecchi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.