BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Val Cavallina, nuova strada collegherà Trescore e Entratico

Dopo la realizzazione della variante alla Statale 42 Albano -Trescore, la cui inaugurazione avverrà a breve, è pronto un altro importante progetto viabilistico che riguarderà la stessa strada

Dopo la variante Albano Sant’Alessandro-Trescore, che verrà inaugurata a giorni, ecco pronta la Trescore-Entratico, o quanto meno il progetto preliminare che per ora mette tutti d’accordo, Provincia di Bergamo e i tre comuni interessati dal tracciato, Trescore, Zandobbio e Gorlago.

L’idea è stata quella di creare una cabina di regia coordinata dalla Provincia che ha guidato la progettazione del secondo lotto della Statale 42 in accordo con i tre paesi. La strada sarà lunga un chilometro e 400 metri e partirà dalla rotonda in località Valota, punto di arrivo del primo lotto, passerà oltre il Cherio ed inizierà la sua risalita verso la valle Cavallina. Al ponte sul Cherio che porta nell’abitato di Zandobbio la strada entrerà in un tunnel di 800 metri che passerà sotto la Farmacia del paese per poi sbucare in località Calvarola. Qui la strada procederà in un viadotto fino alle porte con Entratico, dove si ricollegherà all’attuale tracciato della statale 42.

Il concetto su cui si è basato questo procedimento è quello di presentare all’Anas un progetto già delineato e soprattutto avere già tutti gli accordi con i comuni e alcuni privati interessati alla nuova strada. Questo per superare tutte le noie burocratiche e le frizioni che hanno bloccato per decenni il primo lotto della nuova strada statale che verrà inaugurata a novembre. Ora però serviranno i soldi dell’Anas per trasformare il progetto preliminare in un’opera definitiva.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da riccardo

    Altro cemento inutile, destinato a sollevare un sacco di problemi e a risolverne nessuno, salvo spostare il traffico da Trescore a Zandobbio-Gorlago e sancire una vittoria politica per il sindaco del primo.
    L’unico modo sostenibile e che abbia un senso per il futuro, per alleggerire il traffico in Val Cavallina è una tramvia simile a quella in Val Brembana. Ma con questa classe politica la vedo dura.
    Infine sulla variante della SS42: come cerimonia inaugurale propongo un carotaggio per vedere i materiali con cui è stata riempita la massicciata. Dopo la Brebemi hai visto mai….

    1. Scritto da walter

      i carotaggi li hanno già fatti, io proporrei invece una protesta per i pochissimi lavori che vengono appaltati e per il ritardo dei pagamenti alle imprese edili. ricordatevi che l’edilizia è l’unico settore che fa girare i soldi in italia, se compri elettronica vanno in china se compri telefonia egitto e germania abbigliamento china petrolio arabia ecc ecc ecc

  2. Scritto da Vacavallina

    Credo che al momento sia un utopia.
    Guardando il tracciato (al momento è poco più di una linea sulla carta) questa strada passa nel bel mezzo delle sorgenti delle Terme di Trescore che credo che abbiano qualcosa da dire in proposito. Oltre a questo con una spesa di molto inferiore si potrebbe tranquillamente riqualificare la Provinciale attuale (gli spazi ci sono e solo poche case dovrebbero avere i passi carrali eliminati dalla provinciale e spostati sulla viabilità comunale), ma questo non piace al sindaco di Trescore Finazzi (Lega) che ovviamente è molto ben ascoltato in provincia.
    Intanto facciamo un po’ di pubblicità elettrorale…. che il resto aspetterà.

  3. Scritto da Angel

    quasi 40 milioni di € (80 miliardi di lire…) per poco più di 3 km e mezzo in un groviglio di cemento che fa sembrare la bassa Val Cavallina ad una metropoli africana, spostando il tappo per le code poco più a monte, e adesso gallerie e viadotti, ma quando mai e a quali costi? avete presente cosa si potrebbe fare per un territorio in tempo di crisi ormai irreversibile con quei soldi? sveglia siamo in RECESSIONE e niente tornerà come prima…

  4. Scritto da walter

    non c’è uno schizzo del tracciato, speriamo veramente parta alla svelta fino a entratico sarebbe già un successo e poi altri 4 fino a grone e poi per 20 anni niente ma almeno questi 8 km ci servono

    1. Scritto da stufo

      Ma scusa abiti a Grone? E noi di Ranzanico? E poi quanto costa sto casino? E chi paga? E soprattutto a cosa serve con la benzina a due euro?

      1. Scritto da walter

        no abito a solto collina ma tutto sommato dopo grone si viaggia a 50 km/h prima no. a ranzanico alto ormai per chi viene da bg gli conviene fare la montenegrone e poi la val rossa.

  5. Scritto da LINFORD

    REDAZIONE SCUSATE: MA COME FA A ESSERE LUNGA 1 KM E 400MT SE GIà LA GALLERIA E’ LUNGA 800MT POI C’E IL VIADOTTO E QUANT’ALTRO: A ME RISULTAVA FOSSE LUNGA 4 KM E 400MT

    1. Scritto da Indignato orobico

      Be basta no sapere com’è fatta la val Cavallina.
      Oppure visto che la strada costa 7/8 milioni di euro al Km e visto che soldi non ce ne sono, e tenendo conto del fatto che si avvicinano le lezioni regionali, politiche e amministrative, barando un po sui Km si può credibilmente vendere il ghiaccio agli esquimesi.
      Votate gente votate per i soliti noti!

    2. Scritto da angilberto

      Tu pensi che sia importante? Vedrai quanto tempo passerà e quante varianti subirà prima che il tracciato sia definitivo. L’opera poi, per chi ha già una certa età, non la vedrà in tempo.