BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Libertà di culto a Bergamo? In un anno chiuse dieci chiese evangeliche fotogallery

Una legge regionale del 2005 definita la "distruggi minareti" sta provocando la chiusura di diversi luoghi di culto: in testa le chiese evangeliche. Ad Azzano San Paolo in dodici mesi sgomberate tre comunità.

La Costituzione Italiana, all’articolo 19, riconosce in modo ampio la libertà di religione. Ma una legge della Regione Lombardia limita la libertà di culto, tanto che a Bergamo nell’ultimo anno hanno chiuso 10 chiese evangeliche.

“È una situazione insostenibile ed inaccettabile che ho già sottoposto al Ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri – esordisce il pastore Riccardo Tocco, presidente della Coel, la Conferenza Evangelica della Lombardia –. Una legge regionale la 12/2005 ed una successiva del 2006 che fu definita allora ‘distruggi minareti’ sta praticamente chiudendo tutte le nostre comunità. Stiamo valutando se ci sono degli aspetti anticostituzionali di questa legge che obbliga le nostre comunità a restare senza nessun luogo per ritrovarci a pregare”.

L’obiettivo della legge regionale erano le moschee, ma nel mirino sono finiti tutti i culti religiosi.

“Questa legge regionale applicata da amministrazioni comunali solitamente monocolore obbligano alla chiusura ogni luogo di culto che non sia quello cattolico – continua il pastore Tocco –. Negli ultimi giorni abbiamo avuto altre segnalazioni dai Comuni e presto saremo costretti a chiudere altre chiese”.

Ad Azzano San Paolo negli ultimi dodici mesi sono state chiuse tre comunità: la Chiesa cristiana evangelica Ministeri Maranatha, la Trinity Baptist Church e la Secret Action Church.

“Solitamente affittiamo una sala che ha un uso commerciale o artigianale – afferma il pastore Daniel Soliz –. Dopo un po’ di tempo arrivano gli agenti della polizia locale e ci spiegano che bisogna cambiare la destinazione d’uso, una procedura impossibile perché l’uso dello stabile deve rientrare nei criteri dei Piani generali del territorio che solitamente non prevedono ambienti destinati ai luoghi di culto, se non le chiese cattoliche già esistenti”.

Il pastore Soliz allarga le braccia e confida: “Comprendono che è solamente un’assemblea pastorale, ci ritroviamo a pregare e a svolgere le nostre attività comunitarie, non c’è nulla di illecito, ma trovano sempre mille cavilli per farci chiudere e andar via”.

UN PROBLEMA LOMBARDO

Il problema è solamente lombardo. In altre regioni, infatti, non c’è nessuna misura di questo tipo. Il pastore Tocco rammenta l’articolo 19 della nostra Carta Costituzionale: “Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume”.

“Ecco – riprende – chiediamo solamente di poter professare liberamente il nostro credo. Rinnoviamo a tutte le istanze pubbliche e private coinvolte – così come a tutte le autorità e in particolare ai politici regionali e nazionali – che hanno a cuore la libertà religiosa e la pluralità della fede che la nostra Costituzione, all’articolo 3, sancisce in modo mirabile, di adoperarsi affinché questa situazione trovi una positiva soluzione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sara

    In Marocco ci sono le chiese. Io in una sono entrata e ho anche parlato con il prete, che era francese.
    Non mi dicano che lo fanno perché nei paesi islamici non c’è la libertà di culto. Perché non è vero.

  2. Scritto da Oreste Fortuna

    Io sono evangelico ed italiano..,per cui mi aspetto che la nostra costituzione venga rispettata e che si dia a tutti la possibilità di professare liberamente la propria fede…,Questo è tutto! ritengo quindi che questi sono solo degli abusi” belli e buoni” è evidente!

  3. Scritto da pino

    Costringere alla clandestinità il culto è l’errore più grande che si possa fare perchè proprio la clandestinità permette ai fanatici di evitare i controlli che potrebbero stanarli. Se tutti i credenti sono clandestini sono tutti colpevoli senza discriminazione, se invece solo alcuni lo sono, clandestini, gli altri, controllati, potrebbero esercitare la loro fede tranquillamente. Chi si ostinasse alla clandestinità farebbe drizzare le orecchie a chi, in teoria, ci dovrebbe proteggere dal terrorismo ecc

  4. Scritto da pino

    Far finta che la legge sia stata fatta apposta per non far aprire chiese diverse da quelle cattoliche, spesso prive degli stessi canoni di sicurezza “indispensabili” per le altre, o è da ingenui o da finti tonti ( o parac..i). Che poi si colpiscano tutti, tranne le Chiese cattoliche, per impedire l’apertura di Moschee è altrettanto evidente! Qualcuno forse non ricorda la legge sugli esercizi commerciali fatta per colpire i kebab che poi alla fine ha creato difficoltà anche alle pizzerie da asporto? Si dice che non si vogliono le Moschee perchè loro non fanno costruire chiese ma in tanti paesi musulmani le chiese ci sono (copti in egitto…) e le “missioni” cattoliche in africa ?

    1. Scritto da Kurt Erdam

      A Esfahan (Iran) nel quartiere di Julfa ci sono tre chiese cristiane (che suonano anche le campane,sentite io).

  5. Scritto da Eugenio

    Chiedo scusa ma a proposito della tolleranza religiosa com’è che su questa testata non si parla della situazione che il celebre virtuoso Fazyl Say sta subendo in Turchia? E che cioè ne è stato chiesto il processo in un tribunale religioso per dei tweet neppure suoi? Che per questo stia pensando a lasciare la sua terra? Ma non è che il motivo di tale silenzio sia solo perché musulmano?
    Da questa testato non vi è altro che discriminazione per tutto ciò che è religione Cattolica. Al più còlto poi chiedo: maniglioni antipanico anche per le casette di Pompei? Sii serio dài.

  6. Scritto da gigii

    Uscite di sicurezza nelle chiese? Inesistenti, giustamente si chiude un occhi, anche due. Ma allora tolleranza anche verso gli altri.

  7. Scritto da didi

    Quante chiacchiere ! mettete a norma di legge i locali (sicurezza ,igiene ecc.) e vedrete che nessuno ve li farà chiudere.

    1. Scritto da come la mettiamo

      in nessuna chiesa cattolica è presente una uscita di sicurezza (quelle col maniglione antipanico, tanto per intenderci), o i servizi igieneici, obbligatorie in scuole, cinema, edifici pubblici, … ecc, ecc, ecc, ecc, ecc, ecc

  8. Scritto da MARCU ALIN

    NON POSSIAMO PARLARE DI LIBERTA RELIGIOSA IN ITALIA MENTRE ACCADONO COSE DEL GENERE! UN PAESE CIVILIZZATO,LIBERO, ACOGLIENTE…. PER QUANTO RIGUARDA LA LEGGE DEL 2005-LA MIA DOMANDA E: NOI(CHIESA EVANGELICA RUMENA DI VIA CARNOVALI- BERGAMO,CHE E STATA CHIUSA IN SETTEMBRE 2011 CON LO STESSO MOTIVO) C”ENTRAVAMO ANCHE NOI CON QUESTA LEGGE? ESSENDO IN QUESTO POSTO DAL 2002? O SI TRATTA DI UNA CROCIATA VERSO LE CHIESE EVANGELICHE,E NON SOLO? TANTO PER SAPERLO….. GRAZIE

  9. Scritto da poeraITALIA

    LE PRINCIPALI RELIGIONI SONO 29 se noi concedessimo a tutte
    tutti i luoghi di culto che vorrebbero addio ITALIA
    INDIPENDENTEMENTE DALLA CLASSE POLITICA?

    POI VORREI CAPIRE PERCHE’ BERGAMO E’ SEMPRE BIGOTTA LEGGENDO ALCUNI POST

    PENSO CHE IN ITALIA CI SIANO CITTA’ PROVINCE,REGIONI
    MOLTO PIU’ BIGOTTE MA MOLTO PIU’ARGUTE.

  10. Scritto da Luca P.

    L’epoca di questa specie di teocrazia formigoniana , GRAZIE A DIO, è giunta al termine. Cosa c’è negli insegnamenti di Santa Romana Chiesa nella politica di questo gruppetto di fanatici ciellini e facinorosi leghisti che compongono la ormai ex giunta lombarda?
    15 inquisiti, Formigoni compreso, per reati connessi all’attività politica e amministrativa della Regione, una rete di favori, appalti, tangenti, regalie, ruberie, corruzione che nemmeno nei regimi militari sudamericani degli anni 70 si sarebbe potuta vedere.
    Uno schifo, che solo una riscossa civile dei lombardi può sanare.

    1. Scritto da La verità fa male

      La giunta lombarda è caduta per alcuni gravi casi di malaffare che hanno visto coinvolti funzionari pubblici, assessori, alcuni consiglieri di maggioranza e persino il leader dell’opposizione, punto e basta. Non abbiamo vissuto in una teocrazia e in un regime militare, certi paragoni sono decisamente spericolati. E in quanto ai fanatici ciellini e ai facinorosi leghisti, nella Giunta e nel Consiglio c’erano certamente personaggi discutibili e intenti a farsi gli affari propri, ma io questo fanatismo religioso e questo leghismo “duro e puro” non l’ho notato, a meno che non si voglia identificare come “fanatismo” l’acquisto di otto pericolosissimi crocefissi ordinati dal Trota

  11. Scritto da Simone

    Caro Davide Agazzi, so che sei Cattolico e attento. Perciò ti invito a leggere l’articolo 70 della Legge 12/2005 che tu citi, il quale prevede che “le disposizioni del presente capo si applicano a tutte le confessioni religiose”. Prova a spiegare meglio dove sta la discriminazione, perché non sei stato molto chiaro. Ciao a presto.

    1. Scritto da marcu

      SIG.DAVIDE AGAZZI HA DETTO BENE CHE FIN”ORA,IO PERSONALMENTE NON HO VISTO ANCORA UNA CHIESA CATTOLICA CHIUSA.(IO SONO UN MEMBRO DELLA CHIESA EVANGELICA RUMENA CHE E STATA CHIUSA NEL SETTEMBRE 2011-E ANCORA CHIUSA- CON LO STESSO MOTIVO) NESSUNO PARLA DI DISCRIMINAZIONE PERCHE,ORMAI,QUESTA SI CAPISCE

      1. Scritto da furbi

        IO FACCIO PARTE DELLA CHIESA FITTIZZIA CHE RICEVE SOLDI PER ARRICCHIRE Mè STESSO….. DALLA DETRAZIONE DEI REDDITI …………….
        MEDITATE GENTE MEDTATE

        1. Scritto da piu'_furbi_ancora

          quindi sei un vescovo !

  12. Scritto da RhymeDrooler

    Tranquilli se il pd vincerà le regionali avremo una moschea per quartiere,cosi i sinistri laicisti saranno contenti e potranno dare sfogo al loro sogno inconfessato:abbracciare l’islam…

    1. Scritto da Gio

      ecco come ragionano gli italiani destroidi o leghisti ed ecco perché ci troviamo la nostra regione ricca di denaro, ma anche di mafia, di ladri, di imbroglioni, di evasori, di spacciatori e di extracomunitari

    2. Scritto da anna

      ma mi faccia il piacere….

    3. Scritto da pino

      Gli Atei sono molto più rispettosi delle religioni, TUTTE le religioni, Diversamente dai cattolici fanatici come lei, che tral’altro sostengono campioni di Carita Cristiana quali il nostro caro governatore che, me lo faccia dire, di ciellino ha molto ma di cristiano gran poco. Oppure sostenevano quella gran brava persona di Prosperini che si ergeva a baluardo della Cristianità, si ricorda i suoi manifesti scudocrociati?, per poi essere indagato per tangenti e traffico d’armi con i tanto odiati mussulmani?

    4. Scritto da Redazione Bergamonews

      Buongiorno RhymeDrooler, qui non è una questione di Pd o Lega, è una questione di libertà di culto. Credo che a Lei sia concesso esprimerlo, ma a volte si dovrebbe provare l’assenza di libertà di cui si gode per comprendere che alcune scelte possono essere dei soprusi. Non crede?. Davide Agazzi

      1. Scritto da Sére

        Gent. sig. Agazzi: Ma chiedere la variazione d’uso o addirittura proporre una nuova previsione nel PGT sono proprio delle opzioni da scartare??? Ma il seguire le vie legali é cosa così inconcepibile??? Dimostrazione per l’opposto: dovremmo provare a vivere in una situazione come fù quella della moschea di Via Jenner a Milano, solo poi potremmo pontificare con buon diritto. A fare i gay col culo degli altri, son capaci tutti (quasi!).

  13. Scritto da mitiar1

    sère, vedi… è troppo facile arrivare alle tue osservazioni..
    ma è cominciata la campagna elettorale e un articolo così ben messo può spostare voti e pareri. basta leggersi i commenti di chi non si prende la briga di capire cos’è una destinazione d’uso, vuoi perchè non ha mai avuto bisogno di saperlo, vuoi perchè se ne frega delle regole tranne quando lo riguardano.
    oggi va così… titolone fuorviante e giù tutti a contestare…
    e a chi proporrà (sicuramente) di essere accondiscendenti, chiedo di pensare se sarebbe così accondiscendente col suo vicino che trasformasse in locale artigianale un locale ad uso domestico, fuori dalla sua camera da letto, senza i necessari permessi :)

    1. Scritto da Kurt Erdam

      Le regole si dovrebbero osservare sempre e chi non le osserva dovrebbe essere SEMPRE sanzionato.berlusconi durante il suo tristissimo governo,si è attirato i favori di un sacco di gente che le regole non le aveva rispettate condonando abbondantemente abusi edilizi e non solo,ha addirittura liberalizzato più che poteva la possibilità di aumentare le volumetrie alzando i piani o aumentando i vani di abitazioni esistenti semplificando al massimo le procedure.Eppure per le chiese non cattoliche sembra vi siano ostacoli insormontabili e chiusure o non possibili aperture.Io sono cattolico ma trovo una vera schifezza la politica della destra populista solo dove porta voti.Non votavo già per voi.

    2. Scritto da Redazione Bergamonews

      Buongiorno, questo articolo non è stato scritto per spostare voti e pareri. Non si citano partiti o movimenti, si prende atto della realtà. E la realtà vuole che dieci chiese evangeliche a Bergamo siano state chiuse nell’ultimo anno. E’ un dato di fatto. Che poi le regole siano da rispettare, siamo tutti d’accordo. C’è da chiedersi però perché solo in Lombardia emerga questo problema dovuto ad una legge che fu chiamata proprio “distruggi minareti”. Se riesce a trovare una risposta corretta e non faziosa sarò lieto di prenderne atto. Cordialmente. Davide Agazzi

      1. Scritto da Mitiar1

        Ma scusi, signor agazzi, ha già risposto lei. Le regole sono da rispettare. Cioè prima si richiede il cambio di destinazione d’uso e poi ci si apre la chiesa. Come prima cambio di destinazione d’uso un locale e poi ci metto la mia attività. Se l’hanno chiamata leggi “distruggi minareti” evidentemente si sapeva che molti non erano in regola. Se poi solo la Lombardia la fa rispettare…. Il problema é delle altre regioni, non di chi segue le regole. Detto questo, non me ne frega nulla di dove aprono queste chiese, come qualsiasi altra attività. Non sono fanatico di nessuna religione. Non mi piace quandio si spostano i termini delle questioni.

      2. Scritto da MARCU ALIN

        E STATA FATTA UN INGIUSTIZIA VERSO DI NOI-PARLO NEL NOME DI TUTTE LE CHIESE EVANGELICHE SIANO RUMENE,ITALIANE O ALTRO- MA A CHI INTERESA? CHI E CHE SI FERMA A RAGIONARE? FINO ADESSO SIAMO DELLE VOCI NEL DESERTO… LA NOSTRA UNICA SPERANZA E IN DIO!!

      3. Scritto da MARCU ALIN

        SALVE.SECONDO ME SI TRATA DI UN”ARIA DI RAZZISMO(MIO PARERE) PERCHE-QUESTA LEGE E DA”L 2005- MA LA CHIESA RUMENA CHE ERA IN VIA CARNOVALI 96 A BERGAMO,ERA LI DAL 2002-NON SONO SICURO SE ANCHE NOI ENTRAVAMO IN QUESTA LEGE!!!! LA CHIESA E ANCORA CHIUSA CON TUTTI INTERVENTI CHE ABBIAMO FATTO-AL COMUNE,E NON SOLO….

      4. Scritto da Sére

        Io invece mi chiedo perché nelle altre regioni non c’è questa previsione di legge. Che magari per il fatto di essere o definirsi “movimento religioso” un gruppo qualsiasi può farsi beffe delle norme urbanistiche??? Quanto poi al come fù chiamata la legge, tutti sappaimo quanto valgono i nomignoli affibbiati dalla propaganda. Prenda ad esempio la cosidetta “Legge truffa”, pensata da De Gasperi per realizzare il sistema maggioritario in Italia: UNA NORMA CHE SOLO POI TUTTI HANNO AUSPICATO!

  14. Scritto da Sére

    Il mio commento precedente ha molto sarcasmo. Mi auguro lo si sia capito. Ciò detto, l’intento é chiaro: dimostrare che la “destinazione d’uso” non é una bazzecola. E’ aspetto fondamentale. Quindi, dal 2005 a oggi, considerato che TUTTI I COMUNI hanno elaborato (o stanno progettando) i nuovi strumenti urbanistici, c’erano tutte le occasioni per proporre e chiedere integrazioni e nuove previsioni di piano. Chi non ha chiesto al momento opportuno, ha solo da “piangere se stesso”! Pretendere poi, qualcosa AL FUORI DELLE NORME URBANISTICHE, evidentemente é FUORI LEGGE. Quindi da evitarsi, senza richiami manichei alla Costituzione.

  15. Scritto da Sére

    Tra le tante libertà tutelate dalla Costituzione c’é anche quella della LIBERTA’ D’IMPRESA (cfr. artt. 41 e 118 della Costituzione Repubblica Italiana). Ebbene, in nome di tale libertà io volevo trasformare il mio appartamento in ufficio e l’autorimessa in laboratorio (fece così anche Steve Jobs!!!), ma le autorità comunali hanno soppresso questo mio anelito imprenditoriale con un orrendo divieto e con una ancor più orrida sanzione. A loro parere avrei dovuto chiedere la “variazione di destinazione d’uso”, addirittura con una richiesta “preventiva” rispetto all’uso difforme. Se c’é abuso con i Protestanti, c’é abuso anche per il mio caso. Quindi: PROTESTO ANCH’IO… CON I PROTESTANTI!

  16. Scritto da iìun cattolico stanco

    quando la chiesa (volutamente con la minuscola) smetterà di intrufolarsi nel potere politico, in particolare quello lombaro allora sì che forse ci sarà davvero libertà per tutti e non solo per i protetti CL e CDO, e lo ripeto lo dico da cattolico praticante e catechista, si ritorni agli nsegnamenti di Cristo: amore e uguaglianza per tuti.

  17. Scritto da poeret

    Formigoni, i nodi vengono al pettine.. Apprendo questa notizia e ne resto davvero schifato, quanti valori che stanno cadendo..tutti parlano di libertà, di amore, di condivisione ma alla fine dei fatti tutti guardano solo il proprio interesse.. :-/

  18. Scritto da marco

    Ha dell’incredibile questa manifestazione occulta di intolleranza.
    Le nostre libertà si sbriciolano in questo modo. Ma ci ricordiamo cosa vuol dire libertà di pensiero, parola, opinione, credo ecc?

    1. Scritto da diego

      Certo che ce lo ricordiamo ! A Bergamo sei libero… di essere cattolico ! Se sei ateo sei un comunista che semina odio, se sei di altre religioni sei un invasore che vuole farci perdere le nostre radici. Siamo una delle province piu’ bigotte e mentalmente chiuse di tutta Italia.

      1. Scritto da poeraITALIA

        SICURAMENTE NON IMPUTABILE A FORMIGONI
        QUESTE SONO IDEE CHE AVETE IN TESTA VOI PERCH’ SAPETE QUELLO CHE FATE E COME VI COMPORTATE VEDI MILANO CON PISAPIA CHE SCHIFO E’ DIVENTATA

        1. Scritto da 035

          come sarebbe ‘non imputabile a Formigoni’ una legge regionale del 2005?

        2. Scritto da poerTE!

          ah si ! Prima milano era bellissima, pulita, sicura e senza extracomunitari … poi e’ arrivato Pisapia …. ma fammi il piacere, il tuo odio nei confronti della sinistra ti fa sproloquiare ! il campanilismo di destra, sta diventando ridicolo, in questo momento poi, in cui sta venendo a galla tutto il marcio del PDL, fate quasi tenerezza. Per fortuna siete rimasti in pochi a tenere gli occhi ben serrati davanti ai disastri dei vostri partiti, che ci hanno governato negli ultimi anni e la bocca aperta per accusare in modo totalmente sconnesso dalla realta’ chiunque non faccia parte della cricca dei vostri “stimatissimi” rappresentanti.

      2. Scritto da marco

        Hai proprio ragione!!