BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gli Spiazzi di Gromo corrono veloce con due nuove piste

Il progetto da 800mila euro comprende anche una nuova seggiovia. La famiglia Testa, che gestisce l'impianto, sfida la crisi e la poca neve dello scorso anno: “Pronti entro tre mesi, con più spazio per i bambini”

Più informazioni su

La prima spruzzata di neve ben accompagna la novità lanciata dai gestori degli Spiazzi di Gromo in questi giorni: la creazione di due nuove piste e di una nuova seggiovia, pronte probabilmente entro fine anno. Una scelta coraggiosa visto il difficile periodo ma soprattutto considerato che l’anno scorso la neve tanto attesa non aveva soddisfatto le aspettative dei gestori degli impianti sciistici e degli stessi sciatori, in Val Serina e non solo.

Ma la famiglia Testa, proprietaria dell’impianto, non rinuncia a sognare e, soprattutto, a creare un ambiente sempre più confortevole e adatto alle esigenze della clientela. “I lavori, per un investimento di circa 800.000 euro – spiega Angelo Testa –, partiranno proprio in questi giorni e se tutto andrà per il meglio per fine anno potremo concluderli. Con la nuova seggiovia triposto il demanio sciabile passerà da 15 a 18 chilometri e si realizzeranno altre due piste adatte ai bambini”.

Continua quindi l’impegno anche nei confronti dei più piccoli e per i giovani, che la Scuola Italiana Sci Spiazzi porta avanti. Anche attraverso iniziative come quella in programma il prossimo 28 novembre dedicata interamente alle scuole di tutti i gradi, o quella del 16 dicembre dove sarà possibile sciare gratuitamente.

Gessica Costanzo

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da biker 1

    bravo Stefano ,condivido la tua opinione; quale sarebbe l’alternativa per l’economia della valle gia in forte crisi per la chiusura di tante fabbriche se non un forte incentvo e richiamo verso l’unica vera risorsa rimasta, cioe’ il turismo? In trentino il richiamo viene fatto da una grossa offerta sia invernale che estiva ,complimenti alla famiglia Testa per la lungimiranza il coraggio, avanti cosi’,, biker 1

  2. Scritto da GMazz,

    La cosa importante è che non disboschino tutta l’abetaia.
    Hanno già fatto gravi danni al contesto naturalistico disboscando in modo insensato e con distruzione del sottobosco.
    Spero che le autorità vigilino e facciano rispettare le norme ambientalistiche: prima, durante e dopo i lavori!
    GMazz.

    1. Scritto da Stefano

      ma dove vivi?? te non hai mai visto la nuova pista che arriva fino in paese a Temù in alta valle Camonica… le piante che si tagliano possono sempre essere sostituite da nuove piantumazioni in altra zona.

  3. Scritto da francesco

    …che ne dici?…