BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

‘Ndrangheta, Consiglio i primi di novembre “Diamo un segnale chiaro”

Il Consiglio provinciale ha approvato l’ordine del giorno presentato dal Partito democratico per chiedere la convocazione di una seduta straordinaria sul tema della ‘ndrangheta in Bergamasca.

Il Consiglio provinciale ha approvato l’ordine del giorno presentato dal Partito democratico per chiedere la convocazione di una seduta straordinaria sul tema della ‘ndrangheta in Bergamasca. Il documento, rigettato qualche mese fa, è stato oggi approvato all’unanimità. Il Consiglio si terrà presumibilmente la prima settimana di novembre. “Accogliamo positivamente il voto del consiglio provinciale – spiega Matteo Rossi, consigliere Pd -. In giornate in cui è evidente come le mafie hanno attaccato il cuore delle istituzioni di questa regione è importante è che l’ente che rappresenta tutti i bergamaschi abbia dato un segnale chiaro e unitario. Abbiamo fatto la stessa proposta un anno fa, rigettata, e abbiamo sempre ritenuto sbagliato minimizzare e banalizzare questa questione. E’ importante che il Consiglio provinciale venga aperto alle realtà della società civile impegnate contro la mafia”. “Noi come Lega Nord non abbiamo a che fare nulla con la ‘ndragheta – commenta Alberto Piccioli Cappelli, capogruppo del Carroccio -. Tutte le decisioni di carattere politico prese negli ultimi tempi vanno in questa direzione. Approfondire un tema sulla presenza in Lombardia della ‘ndragheta ci trova d’accordo, quanto meno come responsabilità da parte del consiglio provinciale”. Favorevole anche il gruppo del Pdl. “Alcuni fatti successi recentemente ci hanno sconvolto – spiega Alessandro Sorte -. Serve mettere al centro questo tema perché la gravità di quello che è emerso deve vedere un impeto delle forze politiche. Faccio mia la proposta del consigliere Oriani di rinunciare al gettone di presenza per dare fino in fondo un segnale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sleghiamoci

    Ma Pirovano non aveva detto che non ha mai visto coppole a Bergamo? Mi sa che la Lega è molto miope o non gli frega niente di quello che succede a Bergamo, l’importante è la sedia sotto il biiiiiiiiiiiiiiiiiiiiip.

  2. Scritto da 081

    Non mi stancherò mai di invitarvi a leggere “Metastasi – Sangue, soldi e politica tra Nord e Sud. La nuova ‘ndrangheta nella confessione di un pentito” di Gianluigi Nuzzi e Claudio Antonelli. E’ agghiacciante leggere di come le mafie hanno preso possesso del nord italia da 30 anni nel silenzio generale più quello assordante della Lega Nord: comodo parlare delle mafie al sud… ma quando queste vengono al nord con ingenti capitali da riciclare e molti voti da offrire tutti zitti…infatti basta vedere come l’articolo odierno di BGN è scivolato tra le notizie “comuni”…

  3. Scritto da roberta

    Bene, dai. Solo pochi mesi fa, la LEGA e il PDL avevano votato CONTRO questa cosa. A quanto pare hanno cambiato idea… convertiti sulla via di Damasco o costretti dalla realtà dei fatti?