BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Imposte su case all’estero Cimadoro contro Monti: “Occorre fare chiarezza”

L’onorevole bergamasco Gabriele Cimadoro dell'Idv ha presentato un’interrogazione per chiedere più chiarezza sull'Invie, l’imposta sul valore degli immobili situati all'estero.

L’onorevole bergamasco Gabriele Cimadoro dell’Idv ha presentato un’interrogazione per chiedere al Governo Monti più chiarezza sull’Invie, l’imposta sul valore degli immobili situati all’estero.

In un labirinto di decreti convertiti in leggi, infatti, pare impossibile o quanto meno molto difficile decifrare e calcolare la tassa patrimoniale per immobili all’estero. “Sono stati fatti dei decreti poi convertiti in legge con massima urgente perché l’Italia stava crollando – afferma l’onorevole Cimadoro ai microfoni di Report, la trasmissione condotta da Milena Gabanelli – ma bisogna stare molto attenti perché molto spesso si approvano delle leggi inapplicabili o leggi che molto spesso sono incostituzionali”.

Anche l’Unione Europea ha chiesto all’Agenzia delle Entrate ulteriori chiarimenti. L’Invie, l’Imu per immobili all’estero, è un’imposta che colpisce tutti i cittadini residenti in Italia che possiedono o detengono per altri diritti, come l’usufrutto, immobili all’estero.

Ad essere interessati dall’Invie non sono solo i cittadini italiani proprietari di una casa all’estero, ma anche i cittadini stranieri, comunitari ed extracomunitari, con residenza in Italia dove pagano le imposte. Ad animare la battaglia di Cimadoro è il calcolo dell’imposta che comporta qualche perplessità, soprattutto in merito alle case di proprietà dei cittadini straneri residenti in Italia. Difficile infatti risalire ad una possibile proprietà in un paese straniero di una persona, ed anche di fronte ad un’accertata proprietà, possono esserci casi di atti d’acquisto di difficile traduzione o non riportanti un prezzo e quindi difficile da valutare in base ai valori di mercato.

Appare anche iniquo imporre una tassazione a delle persone che sono in Italia per lavoro e che già nel loro paese d’origine pagano un’imposta per la casa dove vivono i propri familiari. Insomma, gli immigrati che lavorano in Italia potrebbero trovarsi nella paradossale situazione di dover versare le tasse sul proprio immobile a due Stati, senza contare che gli Stati stranieri possono vedere come un’ingerenza il fatto che l’Italia vada ad imporre un prelievo fiscale sul loro territorio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da tania

    ma la tassa per respirare quando dobrebbe essere inventata

  2. Scritto da RussianItaly

    Caro Piero, e’ vero che ci sono altri problemi ma Le sembra giusto che un immigrato paghi allo Stato italiano ogni anno più di 2000 euro di tassa basata sul “valore del mercato” solo perché ha un modesto appartamento a Mosca, S.Pietroburgo o Kiev? Questi immobili, tra altro, non sono sono mai stati acquistati ma trasferiti gratuitamente durante la privatizzazione avvenuta in ex.URSS negli anni 90. Capisco che non La riguarda la tassa e quindi Le sembra poco importante ma immagini Lei di dover sborsare qualche migliaia di euro quando già con questa crisi a fatica si tira avanti.

  3. Scritto da Piero

    Ecomplimenti all onorevole, perché non avendo altro da fare pensa alle case all’ estero… Ci sono altri problemi prima di questo quindi concentriamo i pensieri su cose importanti……

  4. Scritto da il polemico

    c’è da stupirsi di questo governo?lo stesso monti ha acquistato una villa da 6 milioni sul lago di garda e lha intestata ad una banca americana(o la sua fondazione),allo scopo presunto di non pagarci le tasse,tutto alla luce del sole,e tutto con l’approvazione di chi lo considera il salvatore della patria

  5. Scritto da lerbertino

    Spero sia uno scherzo, altrimenti sarebbe veramente una vergogna! Altro che tecnici questi sono veri e propri ignoranti che prelevano dappertutto ed alla cieca. A CASAAAAAAAAAAA!