BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Elezioni in tempi brevi, nessun pentimento Ho lavorato bene”

Formigoni tiene il punto all'indomani del caos. La Lega vuole il voto ad aprile? «Io non ci sto e se il Carroccio non cambia idea se ne assumerà le responsabilità. Giovedì scorso con Alfano e Maroni avevamo deciso di azzerare la giunta".

Più informazioni su

Roberto Formigoni tiene il punto all’indomani del caos. La Lega vuole il voto ad aprile? "Io non ci sto e se il Carroccio non cambia idea se ne assumerà le responsabilità. Giovedì scorso con Alfano e Maroni avevamo deciso di azzerare la giunta con l’impegno da parte mia a formarne una nuova ridimensionata nel numero. Il segretario della Lega era soddisfatto. Poi si sono contraddetti chiedendo le elezioni per il 7 di aprile. Una campagna di sei mesi sarebbe devastante per la Lombardia: se la Lega conferma di non voler supportare la nuova giunta che formerò se ne assumerà tutte le responsabilità. I lombardi sono con me -, ha quindi sottolineato Formigoni, ribadendo l’intenzione di candidarsi alle elezioni da svolgersi “il prima possibile, dopo aver cambiato la legge elettorale”. A chi gli chiede quali fossero i suoi piani prima della crisi che coinvolge il Pirellone dice: «Volevo terminare il mandato e non ricandidarmi. Non mi pento di nulla -, ha detto poi, sottolineando che la giunta ha lavorato bene. Zambetti (l’assessore indagato per voto di scambio, ndr) non avrebbe dovuto far parte della giunta. Ma io ho fatto tutto quello che dovevo fare. Non ho commesso reati e nulla di ciò che ho fatto è contro la legge. Ho sempre detto che ho grande stima di Gabriele Albertini. Ma non spetta a me decidere su quale sarà il candidato alla Regione Lombardia”, risponde poi il governatore a chi gli chiede cosa pensi dell’ipotetica candidatura dell’ex sindaco di Milano.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da La verità fa male

    Mentre dibattiamo così appassionatamente sulle vicende della Regione Lombardia, tra poco approderà in Parlamento l’ennesima stangata a carico dei dipendenti firmata Monti: aumento dell’IVA e taglio retroattivo delle detrazioni fiscali. Dei partiti che si stanno scannando in Lombardia si conosce già la posizione della Lega che voterà contro questa ennesima rapina fiscale. Ma il PD che farà? perchè se Fassina dichiara che le manovre di Monti sono da rottamare e poi il PD in Parlamento calerà le brache e voterà a favore di questa ennesima stangata (che colpirà anche i lombardi) non sarà niente altro che la solita sceneggiata di chi dice una cosa e poi vota il contrario di quel che dice

  2. Scritto da Ermanno

    La lombardia va rifondata ma non basta . Bisogna eliminare certe regioni (raccapricciante quanto visto nella trasmissine Report sul molise) , commissariarne altre , in ogni caso tagliare i viveri a tutte. Ma bisogna imporgli COSA tagliare, diversamente questa brava gente mantiene i privilegi e taglia il welfare. Aggiungo la vicenda che ha portato alla sentenza della corte costituzionale sull’annullamento del taglio dei superstipendi pubblici, è allucinante ! Nel frattempo tassano le indennità di accompagnamento di 400 euro al mese , dietro le quali ci sono le spese per un ricovero per anziani, costi per stipendi di badanti , familiari costretti a rinunciare a lavorare. Questa è barbarie.

    1. Scritto da Giulio

      Tra le possibili modifiche della legge di stabilità (dal Sole) l’abolizione della stretta ai benefici dei dipendenti pubblici che hanno parenti disabili. Chi non è dipendente pubblico è un paria ?Cioè : per diminuire i super stipendi del “pubblico” non si può perché si fa discriminazione col privato ma mantenere i privilegi del pubblico si può. Aumentargli gli emolumenti a dismisura oltre il “privato” si poteva ma licenziarli non si può. Che dire ? Ma dove è finita questa nazione ?

    2. Scritto da La verità fa male

      Finalmente un commento sensato: di fronte a chi ha sperperato i fondi pubblici, commettendo addirittura dei reati, non c’è altra soluzione che un drastico taglio dei finanziamenti. Se spendi i soldi in modo sensato vado avanti a finanziarti, altrimenti ti arrangi: questa dovrebbe essere la massima di qualunque governo nei confronti di qualunque Regione . E aggiungo: sentenze come quelle della Corte Costituzionale fanno cascare le braccia perchè sono la dimostrazione che “lor signori” della burocrazia statale (che a volte si comportano peggio dei politici) se ne fregano se la nazione va in rovina e i sacrifici non li vogliono fare

  3. Scritto da Andrea

    Si certo ce la passiamo cosi’ bene che possiamo buttare i soldi per elezioni a breve termine invece che farle ad aprile…

  4. Scritto da Paolo

    Andremo a vedere come finirà questa telenovela. Prima fanno l’accordo di continuare con la sostituzione di tutta la giunta regionale poi l’ira dei sostenitori della lega fa cambiare idea alla lega che parla di elezioni a primavera ora Formigoni non ci sta e vuole andare al voto al più presto. Ma per la sedia alla quale tengono molto saranno ancora alleati? Sarebbe l’ennesima volta che si rimangiano le loro parole. Ma le scope della lega dove sono finite. Meditate gente… io ho già meditato.

  5. Scritto da Ex leghista pentito

    Non vedo la volontà di rinnovamento. Si parla ancora di Formigoni (possibile ruolo in giunta), di gente “nuova” come Albertini o la Gelmini. Non ci siamo proprio…..

  6. Scritto da rello76

    Presto ma non troppo … mi raccomando … c’e’ da garantire la pensione alla minetti prima !

  7. Scritto da Rifondazione Comunista Torre Boldone

    L’indignazione popolare si potrà esprimere stasera alle 20,30 davanti alla Nuova Regione a Milano non solo per cacciare via Formigoni, ma per rompere il suo sistema di potere clientelare,all’intermo del quale la ‘ngrangheta ha potuto fare affari e trovare rappresentanti politici diretti. Svelare ciò che si nasconde dietro la “eccellenza ” sbandierata dal Celeste in termini di devastazione economica, di perdita di beni comuni,di aumento della povertà, di rottura della solidarietà sarà compito delle forze politiche e sociali e dei movimenti che vogliono lavorare per la rinascita della Lombardia: fare pulizia e segnare una rottura con il passato,non lasciamo che Formigoni
    faccia altri danni.

    1. Scritto da mario59

      Non potrò partecipare fisicamente, ma ci sarò con il pensiero soprattutto con il cuore.
      Leviamo quanto prima la nostra regione dalle mani di corrotti e mafiosi.

    2. Scritto da poeraITALIA

      MAGARI POTESSE ACCADERE SAREBBE TROPPO BELLO

  8. Scritto da giobatta

    formigoni: nuova giunta o nuova pezza?

  9. Scritto da mario59

    Proprio non la vuole mollare la poltrona….vabbè..la mollerà quando gli elettori lo tromberanno….