BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Al Banco Popolare 35 filiali del Creberg: sindacati preoccupati

La decisione probabilmente lunedì: sono sportelli di Roma, Cremona, Brianza e Milano, ma anche la Cgil di Bergamo è preoccupata per il destino del Credito Bergamasco: "La cessione impoverirebbe l’istituto di credito" dichiara Mina Nava.

La cessione di 35 sportelli del Credito Bergamasco al Banco Popolare potrebbe venire deliberata lunedì prossimo, durante il Consiglio di Amministrazione dell’istituto di credito orobico. Si tratta di filiali che si trovano a Roma, in provincia di Cremona, in Brianza e a Milano e che occupano circa 190 lavoratori.

I sindacati sono rpeoccupati sia per le ricadute occupazionali che lo stesso destino di Creberg, l’unica banca bergamasca che, pur essendo parte di un gruppo (Banco Popolare, appunto), resta autonoma con un proprio bilancio.

Per il Credito Bergamasco lavorano oggi 2.250 lavoratori in circa 300 sportelli in tutt’Italia. La cessione avviene in un quadro di riorganizzazione del gruppo Banco Popolare, che sta ridefinendo gli aspetti territoriali in cui le banche opereranno, seguendo una ratio geografica.

“Con quest’operazione il Credito Bergamasco perderebbe circa il 10% dei propri sportelli, quelli guadagnati nel tempo in fase di espansione fuori dai confini tradizionali lombardi e tornerebbe ad avere un carattere regionale” spiega Mina Nava, segretario generale della FISAC-CGIL di Bergamo. “Questo ci fa preoccupare, perché la cessione impoverirebbe l’istituto di credito e si tradurrebbe nella perdita di sportelli particolarmente redditizi. Il nostro timore è che la perdita di redditività del Credito Bergamasco possa poi avere ripercussioni sui posti di lavoro e tradursi in eventuali tagli. Se al momento non vediamo grossi rischi, l’operazione ci preoccupa in prospettiva: se continua questa opera di depauperamento, il Credito Bergamasco che è sempre stato una banca d’eccellenza rischia di non esserlo più”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.