BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Scontro Lega-Formigoni “Se cade la Lombardia giù Veneto e Piemonte” fotogallery

Il Carroccio ha chiesto al governatore Roberto Formigoni di azzerare in toto la Giunta. In caso contrario tutti i leghisti in Regione lo faranno cadere immediatamente. In giornata faccia a faccia tra Maroni e il governatore.

Il destino della Giunta regionale è ormai segnato. Il prossimo aprile si tornerà al voto. E’ questo lo scenario delineato al termine del vertice tra assessori e consiglieri della Lega Nord dopo l’arresto di Domenico Zambetti, assessore alla Casa, accusato di aver comprato quattromila voti a cosche affiliate alla ‘ndragheta. Il Carroccio ha chiesto al governatore Roberto Formigoni di azzerare in toto la Giunta. In caso contrario tutti i leghisti in Regione sono pronti a dimettersi. Anzi, lo hanno già fatto, consegnando il mandato nelle mani di Roberto Maroni e Matteo Salvini, che giovedì avranno un faccia a faccia con il presidente. “Lasciamo a Formigoni la scelta se fare un passo indietro o uno di lato – ha detto Salvini al termine di un incontro con i consiglieri al Pirellone -. Ci aspettiamo quanto meno l’azzeramento dell’intera giunta, l’eventuale dimezzamento dei nuovi assessori, eventualmente con un altro presidente di Regione». Salvini ha quindi spiegato: «Siamo consci del fatto che si andrà a votare il prima possibile, probabilmente ad aprile. Comunque – ha aggiunto – la Regione Lombardia non arriverà a fine mandato. Quando si parla di mafia, camorra e ‘ndrangheta alla Lega viene l’allergia. Noi abbiamo un ministro che ha combattuto più di tutti la mafia e la ‘ndrangheta – ha aggiunto Salvini – abbiamo sindaci che si sono dimessi perché minacciati dalla ‘ndrangheta, abbiamo fatto saltare giunte comunali per infiltrazioni di ‘ndrangheta, quindi quando c’è di mezzo il malaffare per quanto riguarda la Lega non c’è da discutere”.

La reazione di Formigoni è arrivata poco dopo e in due tempi. Prima ha fatto sapere di essersi «sentito» con il presidente Berlusconi e con il segretario Alfano, che avevano «confermato la linea del Pdl: se cade la Lombardia un secondo dopo cadono Veneto e Piemonte». Poi è arrivata la comunicazione che il presidente della Regione Lombardia ha ritirato, con decreto, le deleghe degli assessori leghisti e se le è attribuite. Il primo atto, prima dell’incontro a Roma in calendario giovedì con Roberto Maroni e Angelino Alfano, da cui usciranno le decisioni utili per capire il futuro della giunta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da GIULIETTA

    Formigoni deve dimettersi ; è necessario tornare alle urne,per ripulire la regione dalla mafia.Serve subito una riforma contro la corruzione.Lega e forza Italia non sono più credibili.

    1. Scritto da Damiano

      Ripulire la regione dalla mafia lo potrebbe fare solo Superman o Dio. Auguriamoci che gli eventuali nuovi eletti siano meno immorali di chi li ha preceduti, ma le confesso che sono piuttosto scettico e rassegnato. È sbagliato parlare così, ma i fatti che emergono tutti i giorni lasciano poco spazio all’ottimismo. Ci si dovrà accontentare del meno peggio…

      1. Scritto da arpaleni

        oggi fanno politica prevalentemente falliti, incapaci, morti di fame o amici degli amici. Una soluzione potrebbe consistere nell’elezione di persone che dimostrano di avere un adeguato livello culturale (oggi per fare la maestra d’asilo serve la laurea !!!!), un lavoro e/o una professione attinente ai contenuti della carica politica per cui si propongono. Dopo di che la remunerazione, per la quale devono esistere comunque dei livelli massimi, non deve superare lo stipendio percepito (per i dipendenti) e gli introiti dimostrati (per liberi professionisti, imprenditori, etc.). La carica politica non deve poi durare decenni ma unicamente il periodo per cui l’interessato è stato eletto. Stop !!!

  2. Scritto da Sepp

    sono 20 anni che la Lega abbaia (non morde) e intasca….
    siete cambiati? è tardi ormai, ma vi dò un consiglio:
    DIMOSTRATELO ORA O MAI PIU’ !!!
    fate cadere Formigoni e organizzate le vostre “ronde” contro i mafiosi che infestano la Lombardia.

  3. Scritto da flaviobg

    I politicii ornai non sono uno “cosa “che fa l’intersse della popolazione , ma una ” cosa ” che serve per loro , assicurarsi uno buon stipendio e un vitalizio e …………, Dobbiamo boicottarli TUTTI

    1. Scritto da Gioan

      Tu sei quello che dice (qui sotto) che voterebbe lega ? Allora prima di usare il termine “tutti” conta fino a 100 e pensa ai disastri che hai combinato con il TUO voto.

  4. Scritto da liala

    i veneti se ne fregano della LOMBARDIA!!!!

  5. Scritto da riccardo

    la cosa positiva in tutta questa storia è che a questi signori abituati ad ammantarsi di ipocrisia parlando continuamente del bene dei cittadini, stanno saltando i nervi e si smascherano per quello che in realtà sono e per il putridume che hanno messo in campo in tutti questi anni. Chissà che finalmente sia la volta buona che i cittadini aprano gli occhi..

  6. Scritto da Giovanni

    Aveva fatto proprio un bel lavoro il Ministro Maroni contro le mafie,infatti i risultati si vedono:persino in un istituzione importante come Regione Lombardia comandava la n’dragheta.

    1. Scritto da Esagerati

      Esagerato, spillare qualche quattrino a Mimmo e qualche raccomandazione non vuol dire che in regione comanda la n’dragheta.

  7. Scritto da flaviobg

    se si dovesse andare a votare , la lega si stacca dai democristiani e ciellini , per la prima volta nella mia vita voto la lega

  8. Scritto da gigi

    tranquilli che tanto finisce a tarallucci e vino

    1. Scritto da bergamasc

      MI SA CHE E’ FINITA PROPRIO COSI’. AMEN.

  9. Scritto da Sorisole2

    ma cosa centrano piemonte e veneto con Formigoni?

  10. Scritto da wka

    “se cade la lombardia giu veneto e piemonte” a me suona molto di ricatto mafioso,e visto cosa sta succedendo ….

  11. Scritto da ghi(g)no di tacco

    L’iperealismo politico un po scontato e banale di Roberta, non tiene conto di una situazione politica ormai di non ritorno, che sta attraversando soprattutto il PDL. Mi auguro che abbiano la meglio i falchi leghisti e pidiellini, e che si arrivi ad una rottura su tutto il fronte nazionale e regionale, in modo che anche le regioni Piemonte e Veneto vadano al voto entro la primavera 2013. A quel punto avremmo sicuramente un governo nazionale di centrosinistra, e il risultato delle primarie in questo nuovo scenario mi sembra scontato (chi avrà mai le spalle così larghe da governare questo nuovo scenario?), e un nuovo governo regionale sempre di centrosinistra nella macro regione del nord.

    1. Scritto da roberta

      Sarò stata “iperealista” (come scrivi tu) ma per ora la sto indovinando.

    2. Scritto da mah

      Siamo proprio sicuri che questo centrosinistra (in particolare il PD) che ha fatto da complice dei mariouli di centrodestra spartendosi res pubblica, appalti, sedie e poltrone in CDA di Banche e aziende para-statali e locali, verra’ premiato dagli elettori?!? Con tutte quelle che ha combinato il centrodestra secondo me con un minimo di onesta’ avrebbero aumentato i voti di almeno il 10%…. invece si son dovuti rimangiare in fretta e furia la legge elettorale del “grande inciucio” in quanto il Movimento 5 stelle li stava tallonando da vicino nei sondaggi… quindi ci andrei mooolto cauto… il 2013 ci potrebbe riservare grandi sorprese sia a dx sia a sx… se saltan fuori tutti gli altarini

      1. Scritto da Boh

        Il “tutti uguali” tanto caro a ai giornali di silvio e al M5S è una volgare ed offensiva truffa nei condfronti delle persone per bene , e ce ne sono. Il Pd sulla legge elettorale non si è rimangiato un tubo , maggioritario e collegi uninominali diceva prima e dice adesso . Sono i partitini come udc, lega, e M5S , adesso anche pdl ,che vogliono il proporzionale sul modello GRECO (!!!) , garanzia di ingovernabilità e di mercato delle preferenze. Le cose non se le inventi a piacere.

        1. Scritto da infatti

          Infatti se Silviuccio ha potuto tranquillamente S-governare l’Italia a suo uso e consumo con leggi a dir poco “indegne” a favore suo e delle sue aziende nonche’ di evasori e criminali dobbiamo ringraziare oltre alla Lega anche il PD che ha fatto da palo (gita a barcellona di gruppo il giorno della votazione x lo scandaloso scudo fiscale!!) per tutti questi anni… Tutti uguali forse no, pero’ se mi giro a destra vedo berlusca, gasparri, santanche’, fiorito, minetti… o vecchioni della politica o ladri o imbucati.. a sx posso dire altrettanto dei D’Alema, dei Fassino, dei Tedesco, dei Lusi e dei Penati… brava gente ce n’e’ da tutte e due le parti… ma perche’ se ne stanno sempre zitti?!?

          1. Scritto da Ergo

            Dato che nessuno può garantire che nella fungaia non ci sia qualche fungo avvelenato (neppure e tantomeno M5S !!!) ti spiego un paio di criteri per distinguere : 1) se ci sono il 90 % di funghi avvelenati il problema è più grosso di quando ce n’è il 1% —- 2) se si rifiutano di fare leggi anticorruzione e anti-falso in bilancio, se vogliono abolire le intercettazioni , diminuire la prescrizione, fare leggi ad personam , la fungaia avvelenata la identifica anche un bambino . Senza bisogno di tirare nel mazzo le persone per bene , soprattutto quando chi lo dice deve ancora dimostrare di esserlo.

  12. Scritto da mauro

    io proporrei una nuova gara di lancio della monetina come ai bei tempi di Craxi…..potrebbe diventare uno nuovo sport nazionale visto il quantitativo di bersagli da colpire….

    1. Scritto da 035

      monetine da buttare non ce ne sono più, c’hanno rubato pure quelle!

  13. Scritto da roberta

    Vedrete che andrà così: ci sarà un rimpasto di Giunta, da cui usciranno ridimensionate sia CL (per punizione) sia la Lega (per smarcarsi), con ingresso di assessori “tecnici”. Arrivati a novembre i consiglieri matureranno il diritto a versare i contributi integrativi mancanti ai cinque anni di legislatura in modo da ottenere il vitalizio, giusto in tempo prima che entri in vigore il nuovo decreto del governo: i leghisti si assicureranno così il vitalizio con le vecchie regole. Poi dopo faranno cadere Formigoni, puntando a presentarsi alle elezioni con una nuova verginità grazie al governo “tecnico” in Regione dei prossimi mesi.

    1. Scritto da Damiano

      Soltanto al fatto che tireranno a campare per intascare il vitalizio, fa capire il grado di onestà che hanno… Ma lo sanno che intascano soldi dei cittadini senza meritarseli? Non è considerato furto (o appropriazione indebita), soltanto per tutti quegli orpelli che si sono inventati e autoattribuiti loro: in un lavoro normale, col cavolo che prenderesti dei soldi. Se hai fatto male il tuo lavoro e hai mandato in malora l’azienda, a casa e pagare i danni!

    2. Scritto da Michele

      CL non si è mai presentata alle elezioni e quale movimento cattolico dovrebbe occuparsi d’altro, ma vista la completa falsità dei suoi dirigenti e l’ottusità di una parte dei suoi “Adepti” continua ad occupare posizioni di potere.

  14. Scritto da giovanna

    La Lega cerca una verginità che non ha più a scapito del PdL Ma la loro credibilità complessiva è a zero. Vadano tutti a casa, non aggiungano discredito al discredito di cui già godono le istituzioni regionali. Stiamo assistendo alla fine dell’Impero di Formigoni, sarebbe bene che fosse anche la fine dell’impero di CL e compagnia delle opere. Non vorrei trovarmeli poi alleati del centrosinistra.

  15. Scritto da Il sistema

    Quando si instaura l’idea che “con la mafia si deve convivere” (frase storica del 2001) poi tutto e’ possibile. Se poi agli elettori va bene questo sistema……

  16. Scritto da ziobeppe81

    Formigoni mi sembra un bambino…

    1. Scritto da Damiano

      Anche a me… Sembra capriccioso e testardo, nonostante l’evidenza… O forse è l’arroganza e l’abitudine alla condizione di onnipotenza di questa classe politica. Certo che l’hanno combinata proprio grossa, i legislatori che introdussero la possibilità per i politici di autoattribuirsi soldi e benefici e di usarli a piacimento. Cacchio se l’han fatta grossa. Li hanno proprio insigniti dell’onnipotenza (monetaria) coi soldi degli altri. E’ palese come una casa, che è una castroneria. E’ come dare al carcerato le chiavi della cella per fare come gli pare.

  17. Scritto da Andrea

    E’ davvero bello vedere come le ragnatele degli interessi si intersechino… ma che modo è di governare dicendo che se cade la Lombardia cadono anche le altre regioni?? che gente è questa??? e che con quale faccia si presenta agli elettori??? fosse per me li manderei a lavorare nei campi (con tutto il rispetto per questo lavoro) e gli toglierei la marea di privilegi e soldi che hanno accumulato!

  18. Scritto da bulica

    allergia alla ndrangheta?e cosentino??????belsito???????che senso ha poi azzerare tutto se poi si ricandideranno sempre le stesse facce?????dicono che ci sara anche un ritorno del trota in regione.ma che sewrieta è questa??????l ipocrisia padana non ha confini